Home » Comunicati Stampa »Progetti » “City Climate Leadership Awards”. Siemens e C40 premiano le eccellenze della sostenibilità urbana:

“City Climate Leadership Awards”. Siemens e C40 premiano le eccellenze della sostenibilità urbana

settembre 9, 2013 Comunicati Stampa, Progetti

Siemens e il C40 Cities Climate Leadership Group (C40) hanno annunciato i vincitori della prima edizione di City Climate Leadership Awards durante una cerimonia tenutasi al Crystal di Londra. Gli Awards hanno premiato le dieci città che si sono distinte in termini di sostenibilità urbana e di leadership nella lotta contro il cambiamento climatico.

“I City Climate Leadership Awards di Siemens e C40 sono dedicati all‘idea che le città possano aprire la strada per affrontare i rischi posti dai cambiamenti climatici“, ha detto Michael R. Bloomberg, Presidente di C40, e sindaco di New York. “Utilizzando soluzioni locali innovative, le città possono avere un impatto importante sui cambiamenti climatici a livello globale“.

“Le città del mondo si trovano ad affrontare problemi simili. Queste città, nel loro insieme, rappresentano il 70% delle emissioni mondiali di gas serra. Tutti noi sappiamo che la lotta contro il cambiamento climatico è una decisione da prendere all’interno delle città. Ed è attraverso la collaborazione che possiamo affrontare i cambiamenti climatici. Il City Climate Leadership Awards è un ottimo esempio della nostra collaborazione di successo con C40. L’obiettivo è quello di aiutare le città ad ottimizzare le loro prestazioni e a condividere le loro esperienze“, ha detto Roland Busch, CEO del Settore Infrastructure & Cities di Siemens.

La prima edizione di City Climate Leadership Awards ha dunque fornito un riconoscimento a livello globale alle città le cui performance e competenze in attività a favore della protezione del clima fungano come punto di riferimento e buona pratica per le altre amministrazioni. Le città premiate, selezionate all’interno di diverse categorie, sono state:

  • Urban Transportation: premio vinto da Bogotà (Colombia), per i suoi sforzi a rendere i propri autobus e taxi ecologici. “Transmilenio”, il bus per un sistema di trasporto rapido, è stato lanciato nel 2000 per il trasporto di oltre il 70% della popolazione della città che viaggia tutti i giorni con l’autobus: le emissioni sono già state ridotte per oltre 350.000 tonnellate annue. Sono stati fatti nuovi sforzi per sostituire gli attuali autobus a diesel con autobus elettrici ibridi, con l’obiettivo di raggiungere una conversione del 100% entro il 2024. E da leader dell’America Latina, Bogotà ha promosso un progetto pilota di taxi elettrici che promette di convertire il 50% degli autobus della città entro i prossimi 10 anni.
  • Carbon Measurement & Planning: premio vinto da Copenhagen (Danimarca) per il suo “2025 Climate Plan”, che delinea il percorso che la città dovrà affrontare per diventare la prima capitale carbon neutral entro il 2025. Il piano fissa obiettivi ambiziosi e particolari strategie per ottenere una significativa riduzione delle emissioni – il 75% del totale della città. L’attuazione del piano consentirà di ridurre le emissioni della Città a 400.000 tonnellate entro il 2025.
  • Energy Efficient Built Environment: premio vinto da Melbourne (Australia) per il suo “Sustainable Buildings Program”. Questo approccio globale da una parte sostiene i proprietari edili e i gestori di infrastrutture nel completamento delle attività nel settore energetico, dall’altra, finanzia le città più innovative che hanno attuato progetti con lo scopo di migliorare l’efficienza energetica in edifici commerciali privati.
  • Air Quality: premio vinto da Città del Messico (Messico) per il suo programma “ProAire”, che nel corso degli ultimi due decenni ha registrato impressionanti riduzioni di inquinamento atmosferico e di emissioni di CO2 a livello locale. Gli elementi del programma variano da misure finalizzate alla riduzione delle emissioni industriali e delle automobili, al contenimento dell’espansione urbana, a campagne di sensibilizzazione. Una volta classificata la città più inquinata del pianeta, Città del Messico dimostra oggi che la determinazione e un approccio globale possono, a lungo termine, fare la differenza nella qualità dell’aria di una megalopoli.
  • Green Energy: premio vinto da Monaco di Baviera (Germania) per il suo “100% Green Power Plan”, da attuare entro il 2025. Monaco di Baviera si propone di produrre entro il 2025, presso i propri impianti, una quantità di elettricità rinnovabile capace di soddisfare i requisiti di alimentazione di tutto il comune di Monaco di Baviera – almeno 7,5 miliardi di chilowattora (kWh) all’anno. Questo renderebbe la capitale della Baviera la prima città al mondo, con oltre un milione di abitanti, a utilizzare interamente energia rinnovabile.
  • Adaptation & Resilience: premio vinto da New York (USA) per il suo piano “Una New York più forte e più resiliente“, che si concentra sulla ricostruzione delle comunità colpite dall’uragano Sandy e sull’aumento della resilienza delle infrastrutture e degli edifici di tutta la città. Sono 250 iniziative le iniziative promosse e 60 di queste saranno implementate entro la fine del 2013 con 10 miliardi di dollari di finanziamento che sono già stati stanziati per sostenerne l’attuazione.
  • Sustainable Communities: premio vinto da Rio de Janeiro (Brasile) per il suo “Morar Carioca Program” – una strategia di rivitalizzazione urbana complessiva, che investirà in progetti di rivitalizzazione in tutta la città, con l’obiettivo di formalizzare tutte le favelas della città entro il 2020. Con 55 progetti già completati, questo programma ha già riscontrato un impatto diretto sull’ambiente, sulla salute e sul benessere di più di 200.000 abitanti di Rio, e in ultima analisi, impatterà positivamente su più del 20% della popolazione di Rio che attualmente vive in insediamenti provvisori.
  • Waste Management: premio vinto da San Francisco (USA) per il suo programma “Zero Rifiuti”, che ha avuto inizio nel 2002 e che comprende riforme generali di gestione dei rifiuti e ha portato a un aumento senza precedenti, dell’80%, del grado di diversificazione della discarica. 300 tonnellate di scarti di cibo vengono raccolti ogni giorno e 100 milioni in meno di sacchetti di plastica vengono utilizzati ogni anno, portando così la città a raggiungere il suo ambizioso obiettivo di “Zero Rifiuti” entro il 2020.
  • Intelligent City Infrastructure: premio vinto da Singapore per il suo sistema di trasporto intelligente, che incorpora una serie di tecnologie “intelligenti” di trasporto, tra cui uno dei primi Sistemi Elettronici di Road Pricing del mondo, informazioni sul traffico in tempo reale attraverso i GPS nei taxi abilitati, e un sistema di trasporto pubblico altamente integrato. Queste soluzioni intelligenti consentono a Singapore di godere di uno dei più bassi tassi di congestione di tutto il mondo, per una città delle sue dimensioni.
  • Finance & Economic Development: premio vinto da Tokyo (Giappone) per il suo “Cap and Trade Program”, che è diventato il primo al mondo quando è stato lanciato nell’aprile 2010, e che ha l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 dei grandi edifici commerciali e industriali. Nel suo primo anno, le oltre 1.100 strutture che hanno partecipato al programma, hanno ridotto le emissioni del 13%, l’anno successivo si è assistito a un’ulteriore riduzione del 10% per un totale di emissioni ridotte ad oggi di più di 7 milioni di tonnellate di CO2.

Una giuria indipendente, composta da sette membri tra cui ex sindaci, architetti e rappresentanti della Banca Mondiale, oltre a C40 e Siemens, hanno valutato 37 progetti di 29 città come finalisti del premio. Le restanti 19 città finaliste parteciperanno ad una campagna social e digitale, “Citizen’s Choice Award“. I membri del pubblico voteranno on-line il progetto che ritengono più innovativo e di successo. Il vincitore del Citizen’s Choice Award sarà annunciato nel mese di novembre 2013. Le votazioni sono già iniziate sul sito.

“City Climate Leadership Awards” di Siemens e C40 diverrà un evento annuale. Per gli Awards del 2014, le città avranno la possibilità di concorrere alla vincita dei premi e, alle organizzazioni con una presenza significativa nelle attività di protezione del clima, sarà data l’opportunità di proporre iniziative di azione sul clima urbano. I particolari saranno disponibili sul sito internet degli Awards all’inizio di novembre 2013.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende