Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche »Progetti » “Donne, Diritti e Clima”: Italian Climate Network lancia la nuova sezione femminile:

“Donne, Diritti e Clima”: Italian Climate Network lancia la nuova sezione femminile

Venerdì 25 settembre i leader mondiali, riuniti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, hanno sottoscritto i Sustainable Development Goals, i 17 nuovi impegni da conseguire entro il 2030. Tra gli scopi, eliminare l’estrema povertà, combattere i cambiamenti climatici e eliminare le disuguaglianze di genere. Infatti, il 70% delle persone povere che vivono con meno di 1 dollaro al giorno sono donne: la povertà è uno dei fattori a causa dei quali l’impatto dei cambiamenti climatici sulle donne è considerevolmente maggiore rispetto agli uomini.

Un dato che si ripercuote anche sulle migrazioni indotte dai cambiamenti climatici: tra il 75 e l’80% dei 27 milioni di profughi al mondo sono donne e bambini. E’ proprio per approfondire cause e conseguenze della maggior vulnerabilità del genere femminile rispetto ai cambiamenti climatici che l’Italian Climate Network ha lanciato la nuova sezione “Donne, Diritti e Clima”.

La nuova sezione sarà un’importante opportunità di ampliamento delle aree d’azione dell’Italian Climate Network, anche in vista della prossima Conferenza delle Parti sui Cambiamenti Climatici (COP21) di Parigi del prossimo dicembre, che dovrà consegnare al mondo un accordo giusto, ambizioso e vincolante al fine di raggiungere gli obiettivi posti dalla scienza per limitare gli effetti dei cambiamenti climatici.

“Nei paesi in via di sviluppo le donne sono particolarmente vulnerabili alle crisi climatiche, ma allo stesso tempo si sono dimostrate forti agenti di stabilità sociale, crescita economica e risposta alle problematiche ambientali” afferma Chiara Soletti, responsabile della sezione Donne, Diritti e Clima, aggiungendo che “l’empowerment delle donne non è solo un dovere morale ma anche un passo irrinunciabile verso una giustizia sociale e una sostenibilità ambientale sempre maggiori. Cercare soluzioni efficaci al cambiamento climatico senza tenere in considerazione le problematiche di genere sarebbe quindi superficiale”.

Per assicurare che il principio dell’equità di genere venga integrato negli accordi sul clima, la United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) nel 2009 ha creato la Women and Gender Constituency, formata da 15 organizzazioni e network che si occupano di donne e cambiamento climatico, con oltre 100 attivisti e esperti di genere attivi.

A partire da oggi, e soprattutto durante la COP21 di Parigi, Italian Climate Network, seguirà il lavoro della Women and Gender Constituency della UNFCCC sulle 5 tematiche, – finanza, tecnologia trasferibile e sviluppo, capacity building, mitigazione, adattamento e danni di perdita – che sono di primo riferimento nella sua azione e di centrale importanza nel grande mosaico non solo della questione climatica ma anche degli obiettivi di lungo periodo fissati dalle Nazioni Uniti come mostrato dall’obiettivo 5 degli SDGs, focalizzato proprio sull’uguaglianza tra uomini e donne.

Nel percorso verso Parigi, Italian Climate Network coinvolgerà dunque i propri associati e l’opinione pubblica, tramite articoli dedicati su questione femminile e cambiamenti climatici: un aspetto della questione climatica di non immediata percezione, ma di sostanziale rilevanza, secondo l’associazione. “Siamo orgogliosi di questa nuova iniziativa, resa possibile grazie alla proposta di Chiara, che porterà avanti le attività della sezione. – ha dichiarato Veronica Caciagli, presidente dell’Italian Climate Network. - Le donne, per il loro ruolo sociale, svolgono spesso compiti direttamente connessi alla gestione dell’ecosistema e all’alimentazione perciò l’adattamento sostenibile ai cambiamenti climatici non può prescindere dalla questione di genere se vuole avere successo. Inoltre, l’accesso alle risorse e ai processi decisionali è gravemente pregiudicato dalla discriminazione verso le donne in termini di reddito, potere politico e istituzionale, istruzione e responsabilità familiare. Non è possibile realizzare un’effettiva giustizia climatica senza tenere in considerazione le politiche per la parità di genere”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende