Home » Comunicati Stampa »Eventi » “La settimana della scienza europea” a Frascati:

“La settimana della scienza europea” a Frascati

settembre 17, 2010 Comunicati Stampa, Eventi

Frascati Scienza, Courte of collineromane.netI fili della ricerca scientifica europea d’eccellenza si annodano a Frascati. L’energia e la materia oscure, la fusione nucleare, il clima che cambia, la medicina d’avanguardia che risponde alle richieste dei cittadini: durante la Notte Europea dei Ricercatori del 24 settembre e in tutta la Settimana delle Scienza (18-26 settembre) l’area a sud della capitale diventa il portale per accedere ai più importanti laboratori e centri di ricerca internazionali. Le visite reali o per via virtuale, sono accompagnate direttamente dai più grandi scienziati italiani ed europei, sempre in maniera interattiva e giocosa.

È inevitabile che in primo piano sotto i riflettori della Settimana della Scienza finisca la fisica del mondo subatomico: nella Notte Europea dei Ricercatori, oltre ai laboratori aperti degli istituti di ricerca dell’area romana meridionale, ci saranno collegamenti diretti con la sede del maggiore progetto mondiale di ricerca sulla struttura della materia e dell’antimateria, il CERN di Ginevra.

Dagli schermi in piazza e dalle web tv collegate all’evento, il pubblico europeo potrà penetrare nella sala di controllo dell’LHC, il Large Hadron Collider, dove si volge il più importante e ambizioso progetto di fisica subnucleare che l’uomo abbia mai realizzato per indagare la materia e l’energia contenute nell’Universo. Ad accompagnare la visita, rispondendo a domande e interagendo con i cittadini, saranno i massimi scienziati italiani ed europei di fisica della materia che anticiperanno le ultime ricerche e le possibili nuove scoperte sull’Universo.

Ma il collegamento con la ricerca delle particelle non è che una delle connessioni che si realizzeranno per i cittadini dell’area romana e, attraverso il web, per tutti i cittadini europei. In collegamento remoto, oltre ai laboratori di Frascati, anche l’Erasmus Medical Center di Rotterdam dove si svolge la ricerca d’avanguardia sulla cardiologia. Nella stessa Notte, faranno capo alle piazze della città laziale anche i laboratori britannici del JET (Joint European Torus) - dove si sperimenta, in stretto collegamento con i laboratori di Frascati, la fusione nucleare – e il Laboratorio IceCube in Antartide, dove si raccolgono le migliaia di dati derivanti dalle ricerche nel Polo Sud. Saranno quindi i più importanti ricercatori italiani ed europei (fra loro anche dei premi Nobel) ad animare e giudicare gli esiti di un vero e proprio quiz show con squadre di adulti e ragazzi in piazza a Frascati e parallelamente al Globe del CERN.

La Notte Europea dei Ricercatori, venerdì 24 settembre, è l’evento attorno a cui si snoda la Settimana della Scienza di Frascati ed è la maggiore iniziativa voluta dalla Comunità Europea per far scoprire il valore della ricerca scientifica ai cittadini. Quest’anno si svolgerà in contemporanea in oltre 260 città di 31 Paesi, europei e dell’area mediterranea.

Ma a Frascati si fanno le cose in grande. La Settimana della Scienza, che comincia il 18 settembre per concludersi il 26, da cinque anni stabilisce un collegamento diretto tra ricercatori e cittadini dell’area romana e non solo. Nelle iniziative nelle piazze, nelle scuole, nelle sale dei palazzi storici si parla della creazione della vita in laboratorio, delle profezie sulla fine del mondo e della loro assurdità, di clima, biodiversità, ricerca genica. Si ascoltano le voci del pensiero scientifico sussurrate in piazza in un happening teatrale, si apprende delle somiglianze tra onde sismiche e sonore ascoltando un concerto jazz blues, si calcola la scorta di energia conservata nel pianeta, per poi ritornare alle vicende non sempre allegre di casa nostra con delle ironiche “prove di performance precaria” mentre si allarga il discorso dell’eccellenza della ricerca in campo medico.

Per giocare al grande e serio gioco della scienza saranno in piazza quindi per l’intera settimana laboratori aperti, mostre, spettacoli, stand interattivi per coinvolgere il pubblico e mostrare della ricerca nel gusto, nella musica e nell’arte.

A organizzare i circa 100 appuntamenti, tra spazi e iniziative, della Settimana è Frascati Scienza, cui aderiscono i sette grandi enti scientifici italiani (Asi, Cnr, Enea, Esa-Esrin, Inaf, Infn, Ingv), le tre università romane e il Comune di Frascati (www.frascatiscienza.it). Obiettivo generale dell’associazione è condividere con il pubblico dell’area romana e il resto d’Europa l’importante patrimonio scientifico di Frascati, polo di ricerca di valore internazionale con i suoi oltre 3.000 scienziati, promuovendo l’educazione alla ricerca scientifica attraverso eventi di divulgazione e la creazione di reti di comunicazione permanente fra ricercatori e cittadini.


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende