Home » Comunicati Stampa » “So critical so Fashion”: ai Frigoriferi Milanesi sfila la moda critica e indipendente:

“So critical so Fashion”: ai Frigoriferi Milanesi sfila la moda critica e indipendente

settembre 19, 2012 Comunicati Stampa

Torna a Milano So Critical So Fashion, il primo evento in Italia dedicato alla moda critica e indipendente. La prestigiosa location di Frigoriferi Milanesi ospiterà da venerdì 21 a domenica 23 settembre 50 realtà  - selezionate nel panorama nazionale e internazionale –  che avranno a disposizione un corner per dibattiti e presentazioni, ma anche per la vendita della collezione in corso e l’anteprima delle creazioni primavera/estate 2013.

Giunto alla sua terza edizione, So Critical So Fashion, rinnova dunque l’appuntamento per la moda etica e sostenibile durante la Fashion Week milanese. Tre giorni di eventi, incontri e workshop per presentare al pubblico un trend che segue principi di responsabilità etica, sociale e ambientale senza rinunciare a bellezza, innovazione e tendenze. Protagonisti dell’evento saranno stilisti, artigiani e produttori attenti alla qualità e all’ambiente, marchi di sartoria ricercata ed indipendente i cui prodotti finali sono il risultato di una precisa ricerca di materiali, di artigianalità innovativa e recupero di antiche tradizioni, ma anche di scelte di produzione, packaging e distribuzione attente all’impatto ambientale.

Tra le novità di quest’anno Ligneah: una linea di borse, portafogli, cinture e cappelli interamente realizzata in legno. Si tratta di un innovativo materiale costituito da sottili fogli di legname certificato FSC, accoppiato con un tessuto e micro inciso con laser: l’effetto finale è del tutto paragonabile ad una morbida pelle naturale realizzata con materie prime completamente vegetali e sostenibili. La collezione, presentata in anteprima a So Critical So Fashion, vuole fornire un’alternativa all’utilizzo della pelle animale nel settore moda a favore di materiali innovativi e con un impatto ambientale inferiore.

Recuperare, riutilizzare, ricreare” saranno alcuni tra i leit motiv dell’edizione 2012. Ne sono esempio le creazioni di Caracol: gioielli cruelty free realizzati a mano con materiale recuperato dalle discariche, o gli stravaganti accessori per capelli di Moku in stile vintage, creati con ritaglidi tessuto e inserti originali come metri da sarta e rocchetti di filo o vecchi ingranaggi di sveglia. Esempio di originalità e artigianalità sono i gioielli aromatici di Lalu: spezie incastonate in resine colorate che ne mantengono l’aroma, creando così accessori insoliti e profumati, e gli sfiziosi ventagli da collo di Cadò.

All’interno della tre giorni il visitatore di So Critical So Fashion potrà partecipare a workshop in cui imparare a creare o personalizzare accessori e capi di abbigliamento, assistere a performance di artisti, gustare cibo a km zero e ascoltare musica live e dj-set. Anche quest’anno il pubblico avrà la possibilità di vivere uno shooting professionale: i visitatori potranno indossare un capo in esposizione e sottoporsi ad una seduta di make-uppersonalizzato, realizzato con cosmetici biologici e naturali. Tra gli scatti realizzati verrà selezionata la protagonista della prossima campagna pubblicitaria di SoCritical So Fashion. L’evento ospiterà anche momenti di incontro per addetti ai lavori, esperti di moda, istituzioni e cittadini che vorranno confrontarsi sul tema della moda critica a Milano e all’estero, tra i quali, domenica 23 alle 16, l’intervento del direttore editoriale di Greenews.info e Presidente dell’Associazione Greencommerce, Andrea Gandiglio.

Non mancheranno spunti di riflessione sul “sistema moda” come il documentario-inchiesta “Behind the label”, che indaga sull’altra faccia del cotone indiano: le conseguenze e sull’impatto ambientale e sociale che ha causato l’utilizzo dei semi geneticamente modificati in India, secondo produttore della fibra tessile più utilizzata al mondo.“The price is Rice” è, invece, un progetto che analizza le condizioni di lavoro delle donne bengalesi che ricamano secondo l’antica tecnica khanta, realizzato dagli studenti di Naba (NuovaAccademia di Belle Arti) e dall’Associazione Solidarietà Terzo Mondo Onlus di Sondrio. Quanto riso vale un capo di abbigliamento in tessuto khanta? Vale a dire, quanto guadagna un’artigiana per il proprio lavoro, in termini di riso? La stima è stata realizzata confrontando i prezzi del settore moda tradizionale con quelli del commercio equo e solidale. Il progetto ha portato alla produzione di un grembiule ricamato, a tiratura limitata, in vendita durante l’evento.

La Provincia di Milano, che patrocina e sostiene la manifestazione, presenterà due progetti dedicati ai giovani creativi: Start in Style, metterà a disposizione risorse per la formazione delle necessarie competenze e per la costruzione di strumenti per affrontare la competizione internazionale. Fashion in Fiber, mostra–concorso di abiti realizzati con fibre tessili di recupero, darà invece una vita nuova vita ai tessuti dismessi per creare nuovi codici di stile e design.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende