Home » Comunicati Stampa » 3° Fidra, il Festival del Reportage Ambientale a Genova:

3° Fidra, il Festival del Reportage Ambientale a Genova

dicembre 15, 2011 Comunicati Stampa

La terza edizione di FIDRA – Festival Internazionale del Reportage Ambientale si terrà ad Arenzano (Genova), presso lo Science Center Muvita dal 15 al 17 Dicembre 2011.

Ideato dal Genova Film Festival e realizzato in partnership con il Comune di Arenzano, FIDRA è un festival cinematografico “vivo” dove il pubblico può incontrare e condividere le esperienze di chi – registi, autori, produttori, giornalisti – lavora per raccontare l’ambiente, per denunciare violazioni o per comunicare storie virtuose. Quest’anno FIDRA, diretto da Cristiano Palozzi e Antonella Sica, ha come main sponsor EcoEridania e il sostegno di ARPAL Regione Liguria, a cui si affiancano gli sponsor AM.TER, Muvita, Coop Liguria, Retyre e la collaborazione di FAI – Fondo Ambiente Italiano, Italia Nostra, Legambiente, WWF, Università degli Studi di Genova, Campus di Savona.

Il Festival si presenta quest’anno con alcune importanti novità, che arricchiscon il cartellone. Il Festival ospita infatti, per la prima volta, una sezione competitiva: il concorso presenterà dieci opere che offrono uno spaccato significativo della miglior produzione documentaria italiana dedicata all’ambiente, espressione di un cinema di indagine e di denuncia capace di farsi carico di storie scomode, di temi spesso dimenticati o ignorati, ma anche di individuare possibili esperienze alternative e di raccontare scelte di vita sostenibili, tanto all’interno quanto all’esterno dei confini nazionali: dalle popolazioni dell’Amazzonia che cercano di salvare i propri fiumi dalle speculazioni selvagge alla vita difficile di chi abita nel degrado di Scampia, dalle misteriose navi arenate con i loro carichi tossici sulla costa calabrese all’inarrestabile distruzione ambientale indotta dallo sfruttamento turistico in Spagna, dalle innovative produzioni di biocarburanti al ritorno di soppiatto del vecchio killer amianto.

Accanto al concorso, il Festival propone una rassegna di cortometraggi, documentari e film d’animazione a tema, tra cui l’anteprima assoluta di Sakura – Tributo a Fukushima. Diretto da Alessandra Pescetta, il cortometraggio rievoca lo tsunami e l’incidente nucleare in Giappone attraverso una coreografia danzata di Monique Arnaud – interprete internazionale del Teatro Noh – e l’allegorico rovesciamento in anomala ascesa verso l’alto del movimento di caduta dei petali di ciliegio (sakura) in concomitanza con la tradizionale festa primaverile dell‘Hanami. Tra gli altri titoli: Pumzi, della regista keniota Wanuri Kahiu, che racconta di un mondo futuro dove la Natura è estinta e l’uomo vive in enormi serre protette dal mondo esterno, Ulisse Futura di Stefano Croci e Enrico Masi, storia ad alta tensione di corruzione e speculazione edilizia interpretata da un bravissimo Ivano Marescotti, e Io sono qui di Mario Piredda che racconta la storia di un giovane senza prospettive che si arruola nell’esercito per morire di lavoro, a causa dell’esposizione all’uranio impoverito utilizzato nella guerra del Kosovo.

Come nelle passate edizioni, alle proiezioni si alternano diversi momenti di incontro e formazione. Due i workshop proposti quest’anno dal Festival – gratuiti e dedicati a operatori del settore audiovisivo, filmaker, studenti universitari e operatori del settore ambientale - per i quali sono aperte le iscrizioni. Il primo, dedicato all’arte di realizzare un reportage, sarà tenuto dal regista Gianluca Brezza, autore La Casa Verde (una storia politica), documentario dedicato a una casa rimasta “impigliata”, forse addirittura clamorosamente dimenticata, nella costruzione di un nuovo grande edificio pubblico nella città di Milano. Il film, proposto in rassegna dal Festival, ha vinto numerosi premi e riconoscimenti fra cui il Premio del Pubblico all’ultima edizione di Documentary in Europe. Il secondo workshop, dedicato alla realizzazione di un film di fiction a base documentaria, sarà tenuto dal regista Renato Chiocca, che ha scritto e diretto Differenti, cortometraggio interpretato da Antonello Fassari su legalità e gestione dei rifiuti, vincitore di numerosi premi e riconoscimenti e proposto nel corso della rassegna.

Il Premio per il miglior film sarà assegnato dalla giuria ufficiale del Festival, composta da Gianluca Brezza (regista), Renata Briano (Assessore all’Ambiente della Regione Liguria), Renato Chiocca (regista), Jaume Gil i Llopart (direttore del Festival Internacional de Cinema del Medi Ambient di Barcellona), Anni Valle (Assessore all’Ambiente del Comune di Arenzano).

Al Premio del Festival si affiancano ulteriori riconoscimenti. I film della sezione competitiva partecipano all’attribuzione del Premio UniFidra, assegnato da una giuria di studenti universitari, quest’anno provenienti dalla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Genova (Campus di Savona), presieduta da Felice Rossello, autore televisivo di trasmissioni di successo (tra cui Fate il vostro gioco e Quelli che il calcio, in collaborazione con Fabio Fazio, Colorado Cafè e Giro d’Italia). I film selezionati per il Concorso competono anche per il Premio assegnato dalla Green Jury composta da un gruppo di membri delle più importanti associazioni ambientaliste italiane: FAI – Fondo Ambiente Italiano, Italia Nostra, Legambiente e WWF.

Tra gli ospiti della manifestazione, Jaume Gil i Llopart, direttore del Festival Internacional de Cinema de Medi Ambient (FICMA) di Barcellona, il più importante festival cinematografico dedicato all’ambiente in Europa e il più antico nel mondo, che ha tra i suoi padrini e le sue madrine attori e attrici come Martin Sheen Daryl Hannah. Nel corso della manifestazione Jaume Gil i Llopart presenterà l’Environmental Film Festival Network (EFFN), la rete internazionale dei festival cinematografici a tematica ambientale che raccoglie manifestazioni di tutto il mondo: Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Ghana, Israele, Italia, Kosovo, Messico, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, USA. L’EFFN è organizzatore del Green Award, l’“Oscar” assegnato ai migliori film a tema ambientale.

Quest’anno, in accordo con alcuni hotel di Arenzano, sono state stabilite convenzioni a prezzi particolarmente bassi per il pubblico che seguirà la manifestazione e vorrà pernottare per uno o più giorni. L’ingresso al Festival resta comunque gratuito.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende