Home » Comunicati Stampa »Pratiche »Pubblica Amministrazione » A Capannori si sperimenta il ritorno del “vuoto a rendere”:

A Capannori si sperimenta il ritorno del “vuoto a rendere”

L’amministrazione del comune toscano di Capannori – uno dei più virtuosi a livello nazionale nella battaglia per la riduzione dei rifiuti - sta studiando incentivi economici per gli esercizi del territorio (bar, ristoranti, alberghi) che aderiranno alla sperimentazione sulla reintroduzione del ‘vuoto a rendere’ per gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale, in base al regolamento varato dal Ministero dell’Ambiente (in vigore dal 10 ottobre) che attua la misura del “Collegato Ambientale” rivolta alla prevenzione dei rifiuti di imballaggio monouso attraverso l’introduzione, su base volontaria e in via sperimentale, di un sistema di restituzione di bottiglie riutilizzabili. La sperimentazione  avrà la durata di un anno a partire dal 7 febbraio 2018.

Una volontà di promuovere e incentivare sul territorio questa buona pratica, già annunciata oltre un anno e mezzo fa – quando fu varato il “disegno di legge sulla green economy” – ma che solo ora dispone degli strumenti normativi per essere messa in pratica.

La proposta che l’amministrazione comunale insieme ad Ascit porterà al tavolo delle associazioni di categoria convocato per lunedì 30 ottobre è quella di prevedere uno sconto del 10% sulla parte variabile della tariffa dei rifiuti per gli esercenti (bar, ristoranti, alberghi ecc) che attueranno  la pratica del ‘vuoto a rendere’.

“Il ‘vuoto a rendere’ è una buona pratica  molto importante da adottare sul territorio – sostiene l’Assessore all’Ambiente di Capannori, Matteo Francesconi – perché è finalizzata al riutilizzo dei materiali e in questo caso specifico di alcuni tipi di imballaggio  e quindi alla diminuzione dei rifiuti, che costituisce uno dei  punti fondamentali della strategia Rifiuti Zero da noi portata avanti da ormai dieci anni. Con il vuoto a rendere infatti sia le bottiglie in vetro che quelle in plastica possono  essere riutilizzate più volte prima di essere riciclate. Non solo, il sistema del ‘vuoto a rendere’ attua anche un risparmio energetico, poiché prevede che i contenitori, così ‘salvati’ dai cassonetti differenziati, vengano sottoposti a un procedimento di sterilizzazione che richiede il 60% di energia in meno rispetto a quella necessaria alla creazione di un nuovo imballaggio. Per questi motivi abbiamo deciso di promuovere la più ampia diffusione possibile di questa buona pratica sul territorio andando a prevedere  incentivi per le attività virtuose che vorranno attuarla che potranno usufruire di uno sconto sulla bolletta dei rifiuti. Condivideremo nei prossimi giorni la nostra proposta con le associazioni di categoria nella convinzione che insieme potremo contribuire alla buona riuscita di questa sperimentazione sul nostro territorio”.

Le bottiglie più resistenti in vetro, plastica o altri materiali potranno essere riutilizzate 10 volte prima di divenire scarto.

Il nuovo sistema sperimentale, che coinvolgerà anche produttori e grossisti, permetterà al consumatore di ricevere la piccola ”cauzione” pagata al commerciante al momento dell’acquisto una volta che viene restituito il contenitore vuoto. Il valore unitario della cauzione sarà proporzionale a quello del ”vuoto”: l’importo potrà variare da 0,05 euro per le lattine da 200 ml, fino a 0,3 euro per le bottiglie da un litro e mezzo e “in nessun caso comporta un aumento del prezzo di acquisto per il consumatore“, precisa l’assessore.

Sarà un simbolo all’ingresso di un bar, di un ristorante, di un albergo o di altri punti di consumo a distinguere quegli esercenti che avranno scelto di aderire alla fase sperimentale del sistema del ‘vuoto a rendere’.

Intanto a Campi Bisenzio, in provincia di Firenze, dal 27 al 29 ottobre, si terrà l’incontro nazionale e internazionale dei comuni e delle comunità Rifiuti Zero. Presso Villa Montalvo si riuniranno i sindaci italiani provenienti dai 269 comuni che adottano la strategia Rifiuti Zero, ma anche delegazioni provenienti da Stati Uniti, Francia, Belgio, che si incontreranno unitamente a comitati ed associazioni locali provenienti da tutta Italia per lanciare una rete locale-globale che punti a passare dall’era dei rifiuti, degli inceneritori e delle discariche a quella delle risorse.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende