Home » Comunicati Stampa »Pratiche »Pubblica Amministrazione » A Palermo la prima tramvia siciliana. Ogni corsa: meno 102 auto e 5 kg di CO2:

A Palermo la prima tramvia siciliana. Ogni corsa: meno 102 auto e 5 kg di CO2

Porterà fino a quasi 10 milioni di passeggeri l’anno, una media di oltre 29.000 al giorno “la più bella linea di tram mai realizzata in Europa” – come è stata già definita dai tecnici locali. E servirà anche – afferma il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – a “rompere l’incantesimo” che aveva visto finora la più grande città della Sicilia e una delle più grandi d’Italia trasformata in una vera e propria capitale del traffico urbano. Risparmiando traffico, smog ed emissioni di CO2.

Si inaugura oggi, infatti, alla presenza del sindaco, del cardinale e dei cittadini, la prima delle tre linee di tram-metro programmate a Palermo, 4 dei 5 chilometri complessivi della linea 1 che collegherà il centro della città con Roccella. Tra un anno saranno in funzione 15 chilometri di linee di tram di ultima generazione, per un totale di 30 chilometri di rotaie installateCon una sola corsa della linea di tram si eviteranno, secondo le stime dei tecnici, la circolazione di almeno 102 auto e l’emissione di quasi 5 chili di CO2; ogni anno, la città risparmierà 423mila tonnellate di gas serra.

Veloce, silenziosa, sicura, destinata a tutti  cittadini: le madri con bambini piccoli, i portatori di handicap, gli anziani.  Grazie allo sforzo di tutte le aziende dell’ATI e per volontà del Comune di Palermo, possiamo dire di aver collaborato alla costruzione di una delle opere più importanti dell’ultimo decennio per la Sicilia”, spiega il Presidente di EDS Infrastrutture, Sebastiano Buglisi. “La nostra azienda ha impegnato tutto il know-how tecnologico per garantire il massimo dei servizi ai cittadini, per assicurare il massimo dell’informazione agli utenti del servizio pubblico, oltre alla massima sicurezza e comfort. Il risultato è incredibile, anche solo da punto di vista estetico. Posso dire senza campanilismi e false modestie che quella di Palermo è la più bella linea di tram mai costruita,  almeno in Europa”.

A realizzare l’opera un pool di imprese composta da Eds Infrastrutture Spa di Terme Vigliatore, esecutrice degli impianti tecnologici; dalla SIS Scpa di Torino, esecutrice delle Infrastrutture Civili; dalla Bombardier Transportation Italy, incaricata della fornitura dei tram e delle tecnologie di segnalamento, da V. Mosco & Associati di Roma e Hyder Consulting di Berlino, responsabili del Coordinamento della Progettazione integrata del Sistema Tram.

In particolare, Eds Infrastrutture ha realizzato l’alimentazione elettrica, i semafori, i sistemi radio, gli impianti di deposito e curerà tutta la manutenzione per i prossimi quattro anni. Il sistema utilizzato da Eds permetterà un controllo continuo della posizione del tram sia in loco (da parte dell’utente) che da remoto (da parte del personale). Alle fermate ci saranno display che indicheranno il tram in arrivo e i minuti di attesa o che diffonderanno messaggi su un eventuale ritardo o gusto. Ci saranno, infine, telefoni di emergenza alle fermate e telefoni SOS alle banchine con telecamere che permetteranno un controllo delle fermate anche in funzione anti borseggio.

Il tram è stato pensato anche per persone con handicap. I veicoli hanno un pianale totalmente ribassato, in cui si entra senza salire nessuno scalino. L’aspetto della disabilità è stato particolarmente curato. Sono previsti, infatti, percorsi per non vedenti che utilizzano mattonelle ‘a bolle’ sulla banchina come pavimento tattile che darà loro la possibilità di sapere con precisione il punto di arresto del tram. A bordo del tram, inoltre, ci saranno altri sistemi informativi: un display che annuncerà le fermate e il lato di apertura delle porte, telecamere che riprenderanno tutte le fermate sotto il controllo di un postazione centrale. Il conducente avrà un computer di bordo con le informazioni sul ritardo o l’anticipo della vettura che gli permetteranno di adeguare la velocità per garantire un servizio puntuale ed efficiente, sistema che funzionerà grazie a un ponte radio che seguirà tutto il percorso del tram e si attiveranno in caso di emergenza come incidenti o ostacoli sulle rotaie come avviene normalmente solo per le metropolitane.

Il tram sarà alimentato da cabine elettriche sempre collegate al posto centrale che monitorerà la ricarica lungo tutta la linea e permetterà di gestire la fornitura di energia anche in caso di guasti di una o più cabine. Non ci saranno interferenze con il traffico cittadino perché le vetture, che viaggiano in una sede protetta, sono fornite di un sensore che allerta i semafori agli incroci dell’arrivo dei veicoli dando così sempre strada libera. In sostanza il tram avrà sempre una onda verde e potrà, in certi tratti, arrivare a viaggiare a 70 chilometri all’ora. I tempi previsti da un capolinea all’altro sono di venti minuti.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende