Home » Comunicati Stampa »Eventi » A rischio lo sviluppo di un’industria italiana delle rinnovabili?:

A rischio lo sviluppo di un’industria italiana delle rinnovabili?

novembre 12, 2009 Comunicati Stampa, Eventi

Courtesy of www.acigi.itBilancio sul seminario tenutosi il 6 novembre a Roma dal titolo: “Industria e tecnologie per lo sviluppo delle rinnovabili: quali prospettive per l’Italia?”

Il seminario è stato organizzato dall’Osservatorio sull’Industria delle Rinnovabili, diretto dal prof. Andrea Gilardoni, patrocinato dal GSE e avente come partner strategici UniCredit MedioCredito Centrale, Accenture e Agici Finanza di Impresa. Il dibattito prende le mosse dallo studio sulle potenzialità dell’industria manifatturiera italiana nelle rinnovabili per mettere a fuoco le modalità per massimizzare le ricadute positive sull’industria italiana.

I punti emersi sono stati:

  • Si stima un abbisogno di investimenti in centrali FER al 2020 pari a 40 mld di €, di cui 30 mld possono essere teoricamente soddisfatti dall’industria manifatturiera italiana.
  • L’industria italiana è molto forte nelle tecnologie tradizionali ma è arretrata nelle nuove (solare ed eolico) dove Germania, USA e Giappone sono leader globali.
  • Gli imprenditori italiani stanno investendo nelle nuove tecnologie per colmare il divario con i principali competitor.
  • Tuttavia, crisi finanziaria, non agevole accesso al credito, concorrenza internazionale, scarsi fondi per la ricerca e normativa poco chiara, stanno mettendo a rischio lo sviluppo di una moderna industria nazionale delle rinnovabili.
  • Il GSE potrebbe avere un ruolo rilevante nell’indirizzare lo sviluppo dell’industria nelle direttrici più coerenti con le necessità.

All’incontro hanno partecipato, oltre al direttore dell’Osservatorio Andrea Gilardoni, Andrea Pettazzoni (Vestas Italia, Key Account Manager), Gert Gremes (Gifi, Presidente), Ettore Bonaldi (GWH, Presidente), Aldo Cateni (Andritz Hydro, Direttore Tecnico), Felice Egidi (Enel Green Power, Responsabile Affari Regolamentari), Salvo Coffa (STMicroelectronics, R&D General Manager), Walter Mirabella (Federchimica, Coordinatore Fonti Rinnovabili), Mario Lauro (Anima UCT), Piero Maranesi (ERSE – ex Cesi Ricerca, Presidente).
Ha chiuso i lavori l’ing. Emilio Cremona, presidente del GSE.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende