Home » Comunicati Stampa »Eventi » A Roma il Festival del Verde e del Paesaggio, tre giorni di “melting pot” con i vivaisti più innovativi:

A Roma il Festival del Verde e del Paesaggio, tre giorni di “melting pot” con i vivaisti più innovativi

maggio 6, 2016 Comunicati Stampa, Eventi

Dal 13 al 15 maggio torna a Roma il Festival del Verde e del Paesaggio, la “green expo” più importante d’Italia – con oltre 21.000 visitatori nell’edizione 2015 – nell’affascinante cornice del Parco Pensile dell’Auditorium progettato da Renzo Piano. Una passeggiata di 1 km tra pareti verdi, profumi, colori e varietà di piante insolite, giardini, design d’autore, serre e terrarium. Sono l’architettura del paesaggio, il design, la passione per le piante e i giardini, i temi della manifestazione divenuta ormai punto di riferimento per gli appassionati e i professionisti del verde.

In collaborazione con la Fondazione Musica per Roma, la sesta edizione del Festival ospiterà una nutrita rosa di progettisti, garden designer, vivaisti, giardinieri e artigiani che presenteranno le loro proposte più creative e interessanti. Un’occasione unica per godere della spettacolarità di giardini allestiti da professionisti del settore, per farsi travolgere dai profumi, dai colori delle piante in esposizione, acquisendo nuove conoscenze su un tema ricco di sfumature che coinvolge un pubblico sempre più numeroso.

Il Festival si caratterizza da sempre per una felice convivenza di tutti gli elementi che parlano di verde in un “melting pot” che accoglie i visitatori e stimola la creatività degli espositori. La capacità di scovare e lanciare piccole realtà imprenditoriali che sappiano proporre nuovi punti di vista e nuove soluzioni nella gestione degli spazi esterni ne fa un palcoscenico irrinunciabile per tutti i professionisti, gli appassionati e i curiosi del settore. Questo ruolo d’incubatore di creatività e la capacità di amplificare le tendenze e le istanze legate al verde e al paesaggio sono le chiavi del successo della manifestazione.

Tra le anticipazioni rese note dall’ufficio stampa, “Ruselle” il giardino di rose creato da Carlo Contesso, che introdurrà i visitatori alla nuova edizione del Festival. Ruselle è la parola napoletana per roselline e, guarda caso, una delle più belle interpretazioni di una vecchia canzone napoletana— dove si parla di una rusella speciale, A’ vucchella— è quella di Rosa Ponselle, soprano d’origini campane e uno dei più grandi degli ultimi cento anni. Quale nome migliore per un angolo nostalgico, romantico e semplice, dove s’intrecciano passato e presente? Tra qualche albero da frutto ed erbe alte, le protagoniste sono loro, una moltitudine di corolle d’antiche varietà di rosa, che illuminano il verde del fogliame e sbocciano anche nei vasi fatti apposta per Ruselle da un’antica manifattura di ceramiche napoletana.

IGiardini take away” sono invece piccoli giardini fioriti ed aromatici ideati in esclusiva per il Festival da Blu Mambor pronti da portar via in comodi contenitori colorati e versatili. Ogni mini giardino è composto da una selezione di piante rustiche, generose e di facile coltivazione: graminacee, gaure, lantane, elicrisi, lavande …perfette anche per gli assolati terrazzi romani.

Ecco invece alcune interpretazioni “d’autore”: Eco-garden di Chiara Sottosanti è un piccolo giardino urbano proposto è pensato per creare un luogo di convivialità nel rispetto dell’ambiente; Boundary di Studio Extramoenia, rimanda al tema del margine: i limiti del giardino che qui è inteso come luogo intimo, di ritiro e riposo, definiscono e chiudono questo ed ogni giardino; Oltre l’orto di Sabrina Sterpin è una proposta pensata perché oggi non molti hanno a disposizione vasti spazi esterni dove poter realizzare un giardino, un orto, un frutteto… Un piccolo  giardino dunque, che oltre ad essere lo spazio dei nostri sogni, ci migliori la vita con i suoi prodotti; Nel cuore rosso di una rosa rossa di Maria Cristina Tullio è invece un giardino letterario e percettivo fra petali di rose per sostare, inebriandosi di colore e profumo, come potrebbe accadere ad un insetto nel cuore di rosa una rosa rossa; La grande zolla di Maria Elena Marani è infine una creazione dove i colori dei fiori spontanei sono, insieme alle erbe, i protagonisti della scena, riprendendo quelli del contesto: il grigio, il verde, il ruggine, il bianco  dell’ossidazione del piombo della copertura dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. A fianco di queste “opere d’arte”, anche il concept Vertical farm di Matteo Benvenuti, fattoria che oltre a produrre frutta e verdura ospita un piccolo allevamento di pesci d’acqua dolce. Un mondo autosufficiente, in cui le piante sono nutrite dall’acqua arricchita dai minerali prodotti dai pesci, che a loro volta ricevono nutrimento e acqua purificata dall’attività vitale delle piante. Un prototipo virtuoso, che oltre a non inquinare è anche autosufficiente dal punto di vista energetico: la pompa dell’acqua e le lampadine al led, fondamentali per innescare la fotosintesi, sono alimentate da un impianto eolico-fotovoltaico. Una sperimentazione avanzata di approccio con il verde per nutrire il pianeta in modo sostenibile.

Al Festival di Roma saranno presenti i migliori vivaisti italiani con i loro consigli su come posizionare e accostare clematis dai fiori azzurri campanulati con rose botaniche da bacca, ninfee rustiche, fior di loto, piante da frutto, rampicanti esotiche, agrumi, aromatiche, erbacee e sementi orticole per la coltivazione in vaso. Una produzione di eccezionale qualità in esclusiva a Roma, per tre giorni.

Non mancheranno, tra gli espositori, le aziende leader del settore, per proporre tutta la gamma di prodotti per godere di ogni spazio esterno: dal più piccolo balcone, ai terrazzi, ai giardini. Antiquariato, modernariato e design completano l’offerta tra cui scegliere, affiancata a quella degli artigiani, che presenteranno al pubblico tavoli-scultura, cesti, vasi, gioielli e tutto quello che trae ispirazione dai giardini.

Quest’anno il Festival del Verde e del Paesaggio ospiterà anche il Premio Pizzetti della sezione AIAPP Lazio con una riflessione internazionale sui Parchi Urbani e “Amori Botanici” la mostra curata da ENEA nell’ambito del progetto Florintesa.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende