Home » Comunicati Stampa » A Torino la prima nazionale del film “Langhe Doc”:

A Torino la prima nazionale del film “Langhe Doc”

marzo 1, 2011 Comunicati Stampa
Il 4 Marzo, a Torino, la prima nazionale del film “Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei
capannoni” (Festival Piemonte Movie, Venerdì 4 Marzo, Cineporto di Via Cagliari 42, Torino, ore 19:00)
Langhe Doc è un film documentario di Paolo Casalis, della durata di 52′, della casa di produzione
Stuffilm di Bra.
Attraverso tre personaggi il film racconta un unico territorio e le sue trasformazioni.
Le Langhe, una terra pregiata, fresca di candidatura a Patrimonio dell’Umanità Unesco, in cui tuttavia i segni
dello sviluppo economico sono evidenti: urbanizzazione, abbandono delle aree e delle colture meno pregiate,
sprawl urbano, cementificazione.
Le piccole storie di Maria Teresa, Mauro e Silvio diventano il paradigma dei contrasti apparentemente
insanabili tra modernità e tutela, tra sviluppo e sostenibilità.
A Giorgio Bocca, memoria storica di una Langa che non esiste più e attento osservatore dei giorni attuali, il
compito di dipanare il contesto in cui si muovono Silvio, Maria Teresa e Mauro, tra atteggiamenti passatistici
e sviluppo sfrenato, candidature all’Unesco e denunce di scempi edilizi e ambientali.
A partire dai primi di Marzo sarà possibile acquistare Langhe Doc sul sito ufficiale del film
www.langhedoc.it.
Unitamente al film, il DVDpack in cartonato contiene il libro del giornalista Federico Ferrero (L’Unità)
“Storie di eretici nell’Italia dei capannoni”, 28 pagg. di approfondimento delle tematiche trattate.
Nel DVD inoltre una serie di contenuti extra, sette “Pillole Eretiche”, approfondimenti e curiosità dalla voce
dei protagonisti del film.
L’immagine di copertina del Dvd e del libro sono opera di Valerio Berruti, uno tra i più apprezzati artisti a
livello internazionale, cui il Pola Museum di Tokyo ha appena dedicato una mostra personale.
Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei capannoni
un documentario di Paolo Casalis / durata: 52′
in uscita a Marzo 2011
www.langhedoc.it
“Nel breve spazio della mia lunga vita l’Italia è cambiata in una maniera spaventosa.
É tutta una lotta contro il tempo, bisogna riuscire a diventare civili
prima che il disastro sia completo.
Bisogna vedere se arriviamo ancora in tempo a salvare questo paesaggio.
Per me in gran parte l’abbiamo già distrutto.”
Giorgio Bocca in “Langhe Doc”
Sinossi
Tre personaggi, tre produttori di cibo, tre “eretici” perchè pensano e agiscono in modo diverso
rispetto agli altri, per raccontare un unico territorio, le Langhe, universalmente riconosciute come
uno dei luoghi più belli d’Italia, di recente candidato a diventare “Patrimonio dell’Umanità
Unesco”.
Ciononostante, l’urbanizzazione, la cementificazione, il progressivo abbandono delle aree e dei
mestieri meno redditizi rischiano di trasformare le Langhe nell’ennesimo tassello di quella che in
”Langhe Doc“ Giorgio Bocca definisce “l’Italia dei capannoni”.
Quelle di Maria Teresa Mascarello, Silvio Pistone e Mauro Musso sono storie di chi ha intravisto un
futuro che non gli piaceva e lo ha rifiutato. Piccole sfide in cui tuttavia è possibile intravedere una
dimensione ben più ampia; sfide ancora aperte, non ancora del tutto vinte e che forse non lo saranno
mai: loro si muovono in una direzione, il mondo in un’altra, del tutto opposta.
Cover_fronte_dvdIl 4 marzo, a Torino, la prima nazionale del film “Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei capannoni” (Festival Piemonte Movie, Venerdì 4 Marzo, Cineporto di Via Cagliari 42, Torino, ore 19:00).
Langhe Doc è un film documentario di Paolo Casalis, della durata di 52′, della casa di produzione Stuffilm di Bra.
Attraverso tre personaggi il film racconta un unico territorio e le sue trasformazioni. Le Langhe, una terra pregiata, fresca di candidatura a Patrimonio dell’Umanità Unesco, in cui tuttavia i segni dello sviluppo economico sono evidenti: urbanizzazione, abbandono delle aree e delle colture meno pregiate, sprawl urbano, cementificazione.
Le piccole storie di Maria Teresa, Mauro e Silvio diventano il paradigma dei contrasti apparentemente insanabili tra modernità e tutela, tra sviluppo e sostenibilità.
Giorgio Bocca, memoria storica di una Langa che non esiste più e attento osservatore dei giorni attuali, il compito di dipanare il contesto in cui si muovono Silvio, Maria Teresa e Mauro, tra atteggiamenti passatistici e sviluppo sfrenato, candidature all’Unesco e denunce di scempi edilizi e ambientali.
A partire dai primi di Marzo sarà possibile acquistare Langhe Doc sul sito ufficiale del film. Unitamente al film, il DVDpack in cartonato contiene il libro del giornalista Federico Ferrero (L’Unità) “Storie di eretici nell’Italia dei capannoni”, 28 pagg. di approfondimento delle tematiche trattate.
Nel DVD inoltre una serie di contenuti extra, sette “Pillole Eretiche”, approfondimenti e curiosità dalla voce dei protagonisti del film.
L’immagine di copertina del Dvd e del libro sono opera di Valerio Berruti, uno tra i più apprezzati artisti a livello internazionale, cui il Pola Museum di Tokyo ha appena dedicato una mostra personale.
Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei capannoni un documentario di Paolo Casalis / durata: 52′ in uscita a Marzo 2011. “Nel breve spazio della mia lunga vita l’Italia è cambiata in una maniera spaventosa. É tutta una lotta contro il tempo, bisogna riuscire a diventare civili prima che il disastro sia completo. Bisogna vedere se arriviamo ancora in tempo a salvare questo paesaggio. Per me in gran parte l’abbiamo già distrutto.” Giorgio Bocca in “Langhe Doc”
Sinossi
Tre personaggi, tre produttori di cibo, tre “eretici” perchè pensano e agiscono in modo diverso rispetto agli altri, per raccontare un unico territorio, le Langhe, universalmente riconosciute come uno dei luoghi più belli d’Italia, di recente candidato a diventare “Patrimonio dell’Umanità Unesco”.
Ciononostante, l’urbanizzazione, la cementificazione, il progressivo abbandono delle aree e dei mestieri meno redditizi rischiano di trasformare le Langhe nell’ennesimo tassello di quella che in ”Langhe Doc“ Giorgio Bocca definisce “l’Italia dei capannoni”.
Quelle di Maria Teresa Mascarello, Silvio Pistone e Mauro Musso sono storie di chi ha intravisto un futuro che non gli piaceva e lo ha rifiutato. Piccole sfide in cui tuttavia è possibile intravedere una dimensione ben più ampia; sfide ancora aperte, non ancora del tutto vinte e che forse non lo saranno mai: loro si muovono in una direzione, il mondo in un’altra, del tutto opposta.
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende