Home » Comunicati Stampa » A Torino la prima nazionale del film “Langhe Doc”:

A Torino la prima nazionale del film “Langhe Doc”

marzo 1, 2011 Comunicati Stampa
Il 4 Marzo, a Torino, la prima nazionale del film “Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei
capannoni” (Festival Piemonte Movie, Venerdì 4 Marzo, Cineporto di Via Cagliari 42, Torino, ore 19:00)
Langhe Doc è un film documentario di Paolo Casalis, della durata di 52′, della casa di produzione
Stuffilm di Bra.
Attraverso tre personaggi il film racconta un unico territorio e le sue trasformazioni.
Le Langhe, una terra pregiata, fresca di candidatura a Patrimonio dell’Umanità Unesco, in cui tuttavia i segni
dello sviluppo economico sono evidenti: urbanizzazione, abbandono delle aree e delle colture meno pregiate,
sprawl urbano, cementificazione.
Le piccole storie di Maria Teresa, Mauro e Silvio diventano il paradigma dei contrasti apparentemente
insanabili tra modernità e tutela, tra sviluppo e sostenibilità.
A Giorgio Bocca, memoria storica di una Langa che non esiste più e attento osservatore dei giorni attuali, il
compito di dipanare il contesto in cui si muovono Silvio, Maria Teresa e Mauro, tra atteggiamenti passatistici
e sviluppo sfrenato, candidature all’Unesco e denunce di scempi edilizi e ambientali.
A partire dai primi di Marzo sarà possibile acquistare Langhe Doc sul sito ufficiale del film
www.langhedoc.it.
Unitamente al film, il DVDpack in cartonato contiene il libro del giornalista Federico Ferrero (L’Unità)
“Storie di eretici nell’Italia dei capannoni”, 28 pagg. di approfondimento delle tematiche trattate.
Nel DVD inoltre una serie di contenuti extra, sette “Pillole Eretiche”, approfondimenti e curiosità dalla voce
dei protagonisti del film.
L’immagine di copertina del Dvd e del libro sono opera di Valerio Berruti, uno tra i più apprezzati artisti a
livello internazionale, cui il Pola Museum di Tokyo ha appena dedicato una mostra personale.
Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei capannoni
un documentario di Paolo Casalis / durata: 52′
in uscita a Marzo 2011
www.langhedoc.it
“Nel breve spazio della mia lunga vita l’Italia è cambiata in una maniera spaventosa.
É tutta una lotta contro il tempo, bisogna riuscire a diventare civili
prima che il disastro sia completo.
Bisogna vedere se arriviamo ancora in tempo a salvare questo paesaggio.
Per me in gran parte l’abbiamo già distrutto.”
Giorgio Bocca in “Langhe Doc”
Sinossi
Tre personaggi, tre produttori di cibo, tre “eretici” perchè pensano e agiscono in modo diverso
rispetto agli altri, per raccontare un unico territorio, le Langhe, universalmente riconosciute come
uno dei luoghi più belli d’Italia, di recente candidato a diventare “Patrimonio dell’Umanità
Unesco”.
Ciononostante, l’urbanizzazione, la cementificazione, il progressivo abbandono delle aree e dei
mestieri meno redditizi rischiano di trasformare le Langhe nell’ennesimo tassello di quella che in
”Langhe Doc“ Giorgio Bocca definisce “l’Italia dei capannoni”.
Quelle di Maria Teresa Mascarello, Silvio Pistone e Mauro Musso sono storie di chi ha intravisto un
futuro che non gli piaceva e lo ha rifiutato. Piccole sfide in cui tuttavia è possibile intravedere una
dimensione ben più ampia; sfide ancora aperte, non ancora del tutto vinte e che forse non lo saranno
mai: loro si muovono in una direzione, il mondo in un’altra, del tutto opposta.
Cover_fronte_dvdIl 4 marzo, a Torino, la prima nazionale del film “Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei capannoni” (Festival Piemonte Movie, Venerdì 4 Marzo, Cineporto di Via Cagliari 42, Torino, ore 19:00).
Langhe Doc è un film documentario di Paolo Casalis, della durata di 52′, della casa di produzione Stuffilm di Bra.
Attraverso tre personaggi il film racconta un unico territorio e le sue trasformazioni. Le Langhe, una terra pregiata, fresca di candidatura a Patrimonio dell’Umanità Unesco, in cui tuttavia i segni dello sviluppo economico sono evidenti: urbanizzazione, abbandono delle aree e delle colture meno pregiate, sprawl urbano, cementificazione.
Le piccole storie di Maria Teresa, Mauro e Silvio diventano il paradigma dei contrasti apparentemente insanabili tra modernità e tutela, tra sviluppo e sostenibilità.
Giorgio Bocca, memoria storica di una Langa che non esiste più e attento osservatore dei giorni attuali, il compito di dipanare il contesto in cui si muovono Silvio, Maria Teresa e Mauro, tra atteggiamenti passatistici e sviluppo sfrenato, candidature all’Unesco e denunce di scempi edilizi e ambientali.
A partire dai primi di Marzo sarà possibile acquistare Langhe Doc sul sito ufficiale del film. Unitamente al film, il DVDpack in cartonato contiene il libro del giornalista Federico Ferrero (L’Unità) “Storie di eretici nell’Italia dei capannoni”, 28 pagg. di approfondimento delle tematiche trattate.
Nel DVD inoltre una serie di contenuti extra, sette “Pillole Eretiche”, approfondimenti e curiosità dalla voce dei protagonisti del film.
L’immagine di copertina del Dvd e del libro sono opera di Valerio Berruti, uno tra i più apprezzati artisti a livello internazionale, cui il Pola Museum di Tokyo ha appena dedicato una mostra personale.
Langhe Doc – Storie di eretici nell’Italia dei capannoni un documentario di Paolo Casalis / durata: 52′ in uscita a Marzo 2011. “Nel breve spazio della mia lunga vita l’Italia è cambiata in una maniera spaventosa. É tutta una lotta contro il tempo, bisogna riuscire a diventare civili prima che il disastro sia completo. Bisogna vedere se arriviamo ancora in tempo a salvare questo paesaggio. Per me in gran parte l’abbiamo già distrutto.” Giorgio Bocca in “Langhe Doc”
Sinossi
Tre personaggi, tre produttori di cibo, tre “eretici” perchè pensano e agiscono in modo diverso rispetto agli altri, per raccontare un unico territorio, le Langhe, universalmente riconosciute come uno dei luoghi più belli d’Italia, di recente candidato a diventare “Patrimonio dell’Umanità Unesco”.
Ciononostante, l’urbanizzazione, la cementificazione, il progressivo abbandono delle aree e dei mestieri meno redditizi rischiano di trasformare le Langhe nell’ennesimo tassello di quella che in ”Langhe Doc“ Giorgio Bocca definisce “l’Italia dei capannoni”.
Quelle di Maria Teresa Mascarello, Silvio Pistone e Mauro Musso sono storie di chi ha intravisto un futuro che non gli piaceva e lo ha rifiutato. Piccole sfide in cui tuttavia è possibile intravedere una dimensione ben più ampia; sfide ancora aperte, non ancora del tutto vinte e che forse non lo saranno mai: loro si muovono in una direzione, il mondo in un’altra, del tutto opposta.
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende