Home » Comunicati Stampa »Prodotti »Prodotti » Acquafil con Outerknown per la nuova collezione menswear in Econyl:

Acquafil con Outerknown per la nuova collezione menswear in Econyl

luglio 30, 2015 Comunicati Stampa, Prodotti, Prodotti

Il Gruppo Aquafil, ha annunciato la partnership con Outerknown, un nuovo brand di abbigliamento maschile, fondato dall’undici volte campione del mondo di surf Kelly Slater, che ha deciso di usare il filo ECONYL ® per realizzare la sua nuova collezione.

La filosofia che sostiene Outerknown si fonda su tre pilastri: funzionalità, stile e sostenibilità ambientale, intesa dalla ricerca dei materiali alla produzione dei capi. Sulla  condivisione di questi valori Aquafil, uno dei fornitori leader a livello mondiale di fibre sintetiche, con il suo brand Econyl, ha stretto con OuterKnown una nuova collaborazione.

“La nostra partnership con Outerknown nasce da una visione comune, il cambiamento sostenibile“, ha detto Giulio Bonazzi, amministratore delegato di Aquafil. “Outerknown ci ha cercato non solo per ottenere prodotti che fossero completamente realizzati in nylon rigenerato, ma soprattutto prodotti infinitamente rigenerabili, come il nostro Econyl”.

Amo l’oceano, credo nel rispetto per la natura e penso che il brand Econyl di Aquafil sia il partner ideale per noi. In Aquafil non solo hanno riscritto le regole della produzione delle fibre sintetiche, ma stanno contribuendo decisamente alla pulizia dei mari”, dice Kelly Slater. “Fare prodotti che veicolino questi valori è la missione  di Outerknown”.

La prima collezione di Outerknown presenta la linea Evolution realizzata con filati di nylon Econyl, che offre la stessa qualità e le stesse prestazioni del migliore nylon. Econyl contribuisce però a diminuire la mole di rifiuti tessili presenti nelle discariche e nei mari. I rifiuti tessili di nylon vengono infatti trattati con un processo di rigenerazione  unico nel suo genere e tornano a essere nylon di eccezionale qualità.

Aquafil è impegnata nell’ambito della salvaguardia dei mari grazie a due programmi ambientali globali come the Healthy Seas Initiative e Net-works™. Questi programmi mirano a diffondere la consapevolezza dei problemi di conservazione dell’oceano e a proteggere la vita marina attraverso il recupero delle reti da pesca abbandonate. Infatti, secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e la Food and Agriculture Organization (FAO), ci sono attualmente più di 640.000 tonnellate di reti da pesca abbandonate negli oceani. Queste reti abbandonate portano al problema della “pesca fantasma“, cioè quando le reti da pesca rimangono alla  deriva, catturando le balene, tartarughe, uccelli e altri animali marini.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende