Home » Comunicati Stampa »Pratiche » Acque minerali: in Italia manca una legge per la tracciabilità:

Acque minerali: in Italia manca una legge per la tracciabilità

aprile 23, 2015 Comunicati Stampa, Pratiche

“A Contursi Terme nascerà il Centro Internazionale della Dieta Mediterranea, patrimonio immateriale dell’Umanità . Pronti ben 9 milioni di euro ed a breve partirà la gara. Il Centro avrà sede in un albergo confiscato alla criminalità organizzata”. Lo ha annunciato il sindaco di Contursi Terme (Salerno), Graziano Lardo aprendo ieri la convention nazionale dei geologi dedicata alla sicurezza delle acque, delle risorse minerali e termali.

Forte la denuncia dei Chimici: “ Manca in Italia una normativa che garantisca la tracciabilità delle acque minerali alla pari dei prodotti alimentari. Allo stato attuale – ha affermato Claudio Torrisi , Presidente Ordine dei Chimici di Catania –  basta citare solo la fonte di provenienza delle acque.  E’ forte il rischio di importazione di acque minerali provenienti dall’Est europeo”. Sulla stessa linea l’Ordine dei Chimici della Campania. “ La qualità delle acque minerali  bevute in Italia è di gran lunga superiore a quella delle acque degli altri Paesi europei. Purtroppo la recente normativa europea – ha dichiarato Marco Trifuoggi dell’Ordine dei Chimici della Campania –  non ha imposto restrizioni in particolare ai Paesi dell’Est. Rischiamo di importare acque minerali dall’Est europeo di scarsa qualità”.

“Attenzione perché l’acqua sarà la vera emergenza del domani, altro che i rifiuti.  Stiamo letteralmente depauperando il Pianeta  - ha dichiarato Francesco Peduto, Presidente Geologi Campania – consumando più risorse di quante ne produce. Oggi consumiamo una quantità di risorse per la cui rigenerazione sarebbe necessario un Pianeta e mezzo e questo per colpa dei paesi più industrializzati”. In Italia abbiamo una disponibilità idrica annua pro capite compresa tra 2.000 e 5.000 mc; certo non siamo il Canada che ne ha oltre 50.000 mc pro capite ma abbiamo una risorsa maggiore rispetto alla Germania. Eppure da noi le crisi idriche già sono un problema in diverse aree, al contrario della Germania.  ”Questo perché in Italia scontiamo l’assenza di un quadro normativo coerente con gli obiettivi di una moderna politica di tutela e di gestione. Ad esempio la Campania ha approvato solo nel 2007, con un ritardo clamoroso, il Piano di Tutela delle Acque “. In Campania non esistono regolamenti ed altri atti normativi che avrebbero dovuto fornire agli utenti ed alle province chiarimenti ed interpretazioni in merito ai canoni ed agli scopi sull’uso dell’acqua. La Regione Campania non ha mai portato a termine il riparto delle competenze tra Enti locali come è stato stabilito dalle norme vigenti ben 15 anni fa. Il risultato è che si sprecano fondi e risorse senza valorizzarle e creare una vera economia.

“Il settore delle acque minerali dà occupazione a 30.000 lavoratori nell’indotto e a 7.500 dipendenti – ha concluso Silvia Fabbrocino, docente di Idrogeologia della Federico II di Napoli – e con il settore termale rappresenta un vero propulsore della crescita economica. I dati del turismo termale sono importanti. Ben 4 milioni di turisti all’anno in Toscana, 3 in Veneto , uno in Italia e non c’è regione che non abbia risorse termali. E’ importante offrire strumenti per la gestione di queste risorse . Dobbiamo mettere insieme ricerca scientifica, pianificazione territoriale, legislazione ed imprenditoria”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende