Home » Comunicati Stampa » Agricoltori come difensori della biodiversità e del territorio:

Agricoltori come difensori della biodiversità e del territorio

febbraio 23, 2011 Comunicati Stampa

Courtesy of agronotizie.comIl WWF sostiene la riforma ecologica della PAC proposta dal Commissario UE, Ciolos, adesso all’esame del Consiglio e Parlamento Europeo poiché prevede una sostanziale modifica del primo pilastro, superando i pagamenti diretti alle imprese agricole basati fino ad oggi sulla superficie dei terreni aziendali e sui pagamenti storici, introducendo nuovi criteri che privilegiano l’occupazione, il sostegno alle piccole aziende nelle aree svantaggiate ed un maggiore impegno per la tutela dell’ambiente e la conservazione della biodiversità.

La ‘chiave’ ecologica proposta dal Commissario Ciolos dovrebbe, secondo il WWF, essere sostenuta anche dal nostro Governo: la richiesta è stata avanzata in occasione del Forum sull’Agricoltura in corso oggi a Roma e promosso dal Ministro per l’Agricoltura Giancarlo Galan.

LA RIFORMA DELLA PAC

Il 18 novembre 2010 la Commissione Europea ha presentato la sua proposta di modifica della PAC (Politica Agricola Comune) post 2013, che disegna gli scenari per un’agricoltura europea più sostenibile per l’ambiente e per mantenere vitali le aree rurali dei 27 paesi membri.

Secondo la proposta Ciolos verrebbe rafforzato anche il secondo pilastro dedicato allo sviluppo rurale con un maggiore impegno per le sfide ambientali come l’adattamento ai cambiamenti climatici, lo sviluppo delle energie rinnovabili, la conservazione della biodiversità e la gestione sostenibile delle risorse idriche.

Tutti  elementi condivisi a livello europeo da 8 tra le maggiori Associazioni ambientaliste ed Associazioni dell’agricoltura biologica, riunite dalla fine del 2010 in una grande coalizione (WWF, Birdlife Europa, EEB, IFOAM, PAN, Butterfly Conservation Europa, FoEE e EFNCP). Queste associazioni, che insieme rappresentano una parte rilevante della società civile europea, criticano infatti le attuali modalità di utilizzo delle risorse che l’Unione Europa destina all’agricoltura (41% del bilancio comunitario), ancora troppo sbilanciate verso i metodi di produzione ad alto impatto ambientale che favoriscono le grandi aziende e penalizzano i piccoli produttori che operano nelle aree più svantaggiate. Le Associazioni hanno già presentato le loro osservazioni e critiche alla proposta di riforma della PAC post 2013 che potrà essere considerata un passo in avanti importante solo se la tutela dell’ambiente entrerà come criterio prevalente anche nell’attribuzione dei pagamenti diretti alle aziende previsti con il primo pilastro.

AGRICOLTORI ‘CUSTODI’ DELLA BIODIVERSITA’

In particolare il WWF sostiene che la nuova PAC dovrebbe essere basata sul principio “i soldi pubblici per beni pubblici”, con il riconoscimento economico del lavoro che gli agricoltori svolgono per la conservazione della biodiversità e l’adattamento ai cambiamenti climatici nel territorio. Le aree rurali dei 27 paesi europei rischiano di soccombere davanti alla globalizzazione dei mercati agricoli, la nuova PAC dovrà giocare un ruolo chiave per mantenere la vitalità di territori spesso marginali dal punto di vista economico e sociale ma fondamentali per la conservazione della biodiversità e per il mantenimento dei servizi che gli ecosistemi forniscono per il benessere di tutti i cittadini europei. E’ necessario per questo, accanto ad una radicale riforma del primo pilastro, rafforzare il secondo pilastro con il sostegno prioritario alle misure per uno sviluppo rurale legato alla tutela dell’ambiente. In particolare il WWF chiede un maggiore sostegno allo sviluppo della filiera del biologico ed incentivi ai soli sistemi agricoli che assicurano il mantenimento delle aree agricole ad elevato valore naturale, con investimenti per arrestare l’abbandono delle zone rurali favorendo la filiera corta ed i mercati locali.

“E’ ormai chiaro che i 13 milioni di agricoltori nell’ Unione Europea  non avranno la possibilità di rimanere in attività se dovranno produrre rispettando le regole imposte dal mercato mondiale – ha dichiarato Franco Ferroni, responsabile agricoltura del WWF Italia . Per il WWF l’unica prospettiva sostenibile economicamente per le aziende agricole europee è nella multifunzionalità dell’agricoltura, dove accanto alle produzioni di qualità si affiancano servizi per il mantenimento di beni pubblici, sia in campo ambientale che sociale. In futuro la PAC dovrà inoltre essere basata sempre di più  sul principio “chi inquina paga”, penalizzando quei sistemi produttivi che compromettono risorse naturali d’interesse pubblico come il suolo e l’acqua potabile mettendo a rischio la salute dei cittadini. Restano infatti ancora senza soluzione gravi problemi ambientali legati a tecniche di produzione intensive con la diffusione dei pesticidi, l’inquinamento da nitrati e fosfati che causano la contaminazione delle acque potabili. La nuova PAC dovrà prevedere l’eliminazione progressiva dei sussidi a questi sistemi agricoli ad elevato impatto ambientale per favorire il mantenimento dei sistemi agricoli a basso impatto ambientale, associati alle aree agricole ad elevato valore naturale (aree HNV).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende