Home » Comunicati Stampa » Agricoltura biologica e regole: FederBio replica al gourmet Farinetti:

Agricoltura biologica e regole: FederBio replica al gourmet Farinetti

novembre 27, 2012 Comunicati Stampa

«prossimi dieci anni saranno quelli del pulito e giusto. E non del biologico, un concetto confuso e farmaceutico che non piace a noi gourmet» dichiara Oscar Farinetti, ex proprietario della catena di elettronica di consumo Unieuro e ora socio di Coop in Eataly, catena di distribuzione al dettaglio di generi alimentari di “fascia alta”.

Farinetti, in un incontro a Roma il 23 novembre (“Semplifichiamo l’Italia, cominciando dal vino“) ha spiegato al Ministro dell’Agricoltura Mario Catania che le cantine e aziende agricole italiane «hanno bisogno di poche norme chiare e precise per conquistare i mercati». La sua proposta, che intende raddoppiare l’export di alimenti e vino “di qualità” è: «Un’etichetta con una mela tricolore e tre regole semplici che garantiscano il vero cibo italiano», attraverso una specie di macro-disciplinare, «Ci siamo occupati finora di fare i poliziotti anti-Parmesan. Dobbiamo invece assoldare i cittadini del mondo. Far distinguere a loro il cibo falso e il nostro buono, pulito e giusto», con la missione commerciale di  «cavalcare per primi il concetto del pulito, così spiazziamo i francesi». L’idea della mela tricolore arriverebbe dunque sulla scia «di altri slogan storici del nostro marketing. ‘Pura Lana Vergine’ o ‘Vero Cuoio Italiano’, per esempio». Farinetti se la prende anche con «l’estremismo sulla biodiversità: abbiamo 520 prodotti diversi indicati tra Doc, Dogc e Igt nel vino e Dop e Igp negli alimenti. C’è un paese nell’Astigiano che fa Barbera. Hanno ottenuto l’Igp. Così il nome diventa Barbera di Cisterna. Fa ridere, incomparabile».

Ma, scampato allo stracotto e all’umido con polenta, cari ai gourmet, qui casca l’asino, secondo Federbio. Cosa c’è dietro all’«idea» di Farinetti? Marketing, furbo e facile, risponde la Federazione, che raggruppa tutte le principali organizzazioni operanti nella filiera dell’agricoltura biologica e biodinamica, un comparto che, solo in Italia, genera più di 1,5 miliardi di euro vendite e vale, nel mondo, 40 miliardi.

Secondo l’ex patron di UniEuro, il nuovo agroalimentare dovrebbe sottostare a poche semplici regole: no OGM, no fertilizzanti chimici, no diserbanti, solo latte italiano, solo olive italiane, solo suini nati e allevati in Italia, nel vino metà dei solfiti ammessi dai regolamenti europei. Ma “un’agricoltura che non usa OGM, non usa fertilizzanti e diserbanti chimici di sintesi (ma nemmeno gli insetticidi e gli anticrittogamici che, anche se, singolarmente, Farinetti li scorda, i dati ufficiali ci dicono contaminare coi loro residui il 57,2% della frutta venduta in Italia) esiste già. E’ l’agricoltura biologica, dettagliatamente codificata da norme europee e nazionali, sottoposta a un sistema di controllo europeo, con regolari ispezioni nelle aziende e prelievo di campioni per escludere contaminazioni anche accidentali da sostanze non ammesse”, sottolinea il Presidente di FederBio, Paolo Carnemolla, che prosegue: “Oltre alle regole citate ricordiamo che l’agricoltura biologica prevede la rotazione delle colture e la piantumazione di siepi, la salvaguardia di boschetti e stagni per dare ospitalità alla fauna utile che naturalmente contrasta quella nociva. Ma non solo: è un’agricoltura che ha massima cura del benessere degli animali, la cui alimentazione basa sul pascolo e su foraggi biologici senza l’uso preventivo di farmaci e antibiotici; che nelle fasi di trasformazione ripudia coloranti, conservanti, esaltatori di sapidità e ogni altro inutile additivo, insieme alle tecniche che snaturano la qualità degli ingredienti. Sfugge davvero cosa ci sia di « confuso e farmaceutico» in tali concetti, in particolare per chi svolge attività imprenditoriali nell’agroalimentare”.

Viene in soccorso ai distratti anche il Consiglio dell’Unione Europea, per il quale l’agricoltura biologica «è un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali». Essa, continua il Consiglio, esplica «una duplice funzione sociale, provvedendo da un lato a un mercato specifico che risponde alla domanda di prodotti biologici dei consumatori e, dall’altro, fornendo beni pubblici che contribuiscono alla tutela dell’ambiente, al benessere degli animali e allo sviluppo rurale».

Cos’è, invece, l’«idea» di Farinetti, si chiede ancora Federbio? Una consorteria di agricoltori, imprese di trasformazione e commercianti che, senza i controlli di organismi indipendenti che certifichino la loro attività, dichiarano di aver evitato alcuni trattamenti, glissando su quelli che continuano a effettuare, senza curarsi dei residui sugli alimenti,  delle condizioni del suolo, delle acque superficiali e profonde, della biodiversità e del benessere animale.

La nuova mela tricolore proposta dal patron di Eataly non sarebbe dunque, secondo la Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica, una suggestiva proposta di rivoluzione dell’agroalimentare italiano, ma, semplicemente, “un’ennesima patacca, di cui gli agricoltori italiani, l’ambiente italiano e i consumatori del mondo non hanno il minimo bisogno”. “L’agricoltura e la politica agricola – conclude Federbio nella nota – non sono foie gras, non se l’abbia a male il gourmet”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende