Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Agroinnova: l’eccellenza nella ricerca agro-alimentare:

Agroinnova: l’eccellenza nella ricerca agro-alimentare

Campus di Grugliasco (TO)Alle porte di Torino, circondato dalle Alpi, esiste un centro di eccellenza dedicato alla ricerca la cui fama e la cui expertise sono giunte fin all’Estremo Oriente. Si tratta del Centro di Competenza per l’Innovazione Agroinnova dell’Università di Torino.

Agroinnova si è specializzato fin dalla sua creazione, nel 2002, nei campi della ricerca agro-ambientale ed agro-alimentare, dell’alta formazione e del trasferimento tecnologico, lavorando a stretto contatto con il mondo delle imprese del settore. Oltre un quarto dei finanziamenti che Agroinnova riceve ogni anno da istituzioni e aziende italiane e internazionali sono reinvestiti in ricerca, con l’acquisto di nuove apparecchiature e il miglioramento delle infrastrutture, aumentando sempre più, con il passare del tempo, il numero di ospiti stranieri (studenti, dottorandi e ricercatori) e consentendo di attivare molte collaborazioni con istituzioni di tutto il mondo.

Nei suoi gruppi di ricerca specialistica lavorano più di 40 tra dottorandi, assegnisti, consulenti, tecnici e collaboratori; la composizione del personale è caratterizzata da una forte presenza femminile, rispecchiata anche dalla struttura organizzativa: il presidente Angelo Garibaldi, infatti, è affiancato dal direttore Maria Lodovica Gullino e anche il consiglio scientifico, formato da 30 eminenti ricercatori italiani e stranieri, nonché da dirigenti di Ministeri e Istituzioni partner e da responsabili tecnici di aziende private, è connotato dalla presenza di numerose donne.

Ma questa non è certo l’unica particolarità che contraddistingue Agroinnova rispetto ad altri centri di ricerca italiani. Nel corso degli ultimi anni, mostrando una notevole lungimiranza, Agroinnova ha sviluppato una notevole competenza nel campo del trasferimento tecnologico, operando intensamente in paesi in via di sviluppo e ad economia emergente come la Cina e l’India.

In Cina, in particolare, coordina e realizza un programma di cooperazione finalizzato alla ricerca nel campo dell’agricoltura sostenibile e della sicurezza alimentare, tematiche di estrema attualità nel quadro politico ed economico internazionale. L’attività di cooperazione è tesa alla risoluzione di questioni pratiche come il sistema di difesa delle piante, argomento di notevole importanza anche per l’affinità con problematiche di tipo ambientale e igienico-sanitario.

D’altro canto, le nuove forme di agricoltura sostenibile portate da Torino alla Cina potranno, da un lato, garantire un miglioramento degli standard qualitativi nella filiera produttiva agroalimentare (in particolare, quella destinata all’esportazione) e dall’altro consentiranno un miglioramento del reddito degli agricoltori locali, e ancor più una maggiore tutela della loro salute e delle loro condizioni di vita. Il tutto tramite un coinvolgimento diretto di imprese, istituti e centri di ricerca cinesi, i quali possono approfittare, al pari, di tutti i benefici diretti e indiretti derivanti da queste operazioni di trasferimento tecnologico.

Parallelamente ai rapporti internazionali Agroinnova è, tuttavia, una realtà ben radicata nel proprio territorio di appartenenza, ossia la Provincia di Torino e la Regione Piemonte. Il Piemonte, in particolare, ha nel comparto agricolo uno dei punti di forza della propria economia, caratterizzata da vette di eccellenza riconosciute in ambito internazionale – basti citare al proposito il settore vinicolo. Il Centro è in grado di preparare tecnici e specialisti qualificati per imprese del settore che operano sul territorio e di realizzare progetti come MoMaVip, finalizzato alla realizzazione di un modello di supporto alle decisioni per il contenimento delle malattie della vite in Piemonte.

Tutto questo non sarebbe possibile senza la ricerca di base ed applicata, vero punto di forza di Agroinnova – che ha attualmente in attivo oltre 40 progetti, molti dei quali finanziati dall’Unione Europea, sui quali investe oltre 3 milioni di euro all’anno. Tra i principali argomenti oggetto di ricerca la sicurezza alimentare, le strategie di difesa eco-compatibile nei confronti di malattie delle colture, le biotecnologie applicate alla difesa delle colture e alla protezione dell’ambiente e gli aspetti collaterali negativi legati all’impiego di fitofarmaci. Agroinnova ha inoltre sviluppato due brevetti relativi a microrganismi agenti di lotta biologica.

Eva Filoramo

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende