Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Agroinnova: l’eccellenza nella ricerca agro-alimentare:

Agroinnova: l’eccellenza nella ricerca agro-alimentare

Campus di Grugliasco (TO)Alle porte di Torino, circondato dalle Alpi, esiste un centro di eccellenza dedicato alla ricerca la cui fama e la cui expertise sono giunte fin all’Estremo Oriente. Si tratta del Centro di Competenza per l’Innovazione Agroinnova dell’Università di Torino.

Agroinnova si è specializzato fin dalla sua creazione, nel 2002, nei campi della ricerca agro-ambientale ed agro-alimentare, dell’alta formazione e del trasferimento tecnologico, lavorando a stretto contatto con il mondo delle imprese del settore. Oltre un quarto dei finanziamenti che Agroinnova riceve ogni anno da istituzioni e aziende italiane e internazionali sono reinvestiti in ricerca, con l’acquisto di nuove apparecchiature e il miglioramento delle infrastrutture, aumentando sempre più, con il passare del tempo, il numero di ospiti stranieri (studenti, dottorandi e ricercatori) e consentendo di attivare molte collaborazioni con istituzioni di tutto il mondo.

Nei suoi gruppi di ricerca specialistica lavorano più di 40 tra dottorandi, assegnisti, consulenti, tecnici e collaboratori; la composizione del personale è caratterizzata da una forte presenza femminile, rispecchiata anche dalla struttura organizzativa: il presidente Angelo Garibaldi, infatti, è affiancato dal direttore Maria Lodovica Gullino e anche il consiglio scientifico, formato da 30 eminenti ricercatori italiani e stranieri, nonché da dirigenti di Ministeri e Istituzioni partner e da responsabili tecnici di aziende private, è connotato dalla presenza di numerose donne.

Ma questa non è certo l’unica particolarità che contraddistingue Agroinnova rispetto ad altri centri di ricerca italiani. Nel corso degli ultimi anni, mostrando una notevole lungimiranza, Agroinnova ha sviluppato una notevole competenza nel campo del trasferimento tecnologico, operando intensamente in paesi in via di sviluppo e ad economia emergente come la Cina e l’India.

In Cina, in particolare, coordina e realizza un programma di cooperazione finalizzato alla ricerca nel campo dell’agricoltura sostenibile e della sicurezza alimentare, tematiche di estrema attualità nel quadro politico ed economico internazionale. L’attività di cooperazione è tesa alla risoluzione di questioni pratiche come il sistema di difesa delle piante, argomento di notevole importanza anche per l’affinità con problematiche di tipo ambientale e igienico-sanitario.

D’altro canto, le nuove forme di agricoltura sostenibile portate da Torino alla Cina potranno, da un lato, garantire un miglioramento degli standard qualitativi nella filiera produttiva agroalimentare (in particolare, quella destinata all’esportazione) e dall’altro consentiranno un miglioramento del reddito degli agricoltori locali, e ancor più una maggiore tutela della loro salute e delle loro condizioni di vita. Il tutto tramite un coinvolgimento diretto di imprese, istituti e centri di ricerca cinesi, i quali possono approfittare, al pari, di tutti i benefici diretti e indiretti derivanti da queste operazioni di trasferimento tecnologico.

Parallelamente ai rapporti internazionali Agroinnova è, tuttavia, una realtà ben radicata nel proprio territorio di appartenenza, ossia la Provincia di Torino e la Regione Piemonte. Il Piemonte, in particolare, ha nel comparto agricolo uno dei punti di forza della propria economia, caratterizzata da vette di eccellenza riconosciute in ambito internazionale – basti citare al proposito il settore vinicolo. Il Centro è in grado di preparare tecnici e specialisti qualificati per imprese del settore che operano sul territorio e di realizzare progetti come MoMaVip, finalizzato alla realizzazione di un modello di supporto alle decisioni per il contenimento delle malattie della vite in Piemonte.

Tutto questo non sarebbe possibile senza la ricerca di base ed applicata, vero punto di forza di Agroinnova – che ha attualmente in attivo oltre 40 progetti, molti dei quali finanziati dall’Unione Europea, sui quali investe oltre 3 milioni di euro all’anno. Tra i principali argomenti oggetto di ricerca la sicurezza alimentare, le strategie di difesa eco-compatibile nei confronti di malattie delle colture, le biotecnologie applicate alla difesa delle colture e alla protezione dell’ambiente e gli aspetti collaterali negativi legati all’impiego di fitofarmaci. Agroinnova ha inoltre sviluppato due brevetti relativi a microrganismi agenti di lotta biologica.

Eva Filoramo

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con AIGAE sul sentiero del Morteratsch, il ghiacciaio simbolo che perde 200 metri ogni decennio

marzo 1, 2017

Con AIGAE sul sentiero del Morteratsch, il ghiacciaio simbolo che perde 200 metri ogni decennio

AIGAE, l’associazione delle guide ambientali escursionistiche – alla quale aderiscono numerosi geologi e glaciologi – lancia l’allarme: la situazione dei ghiacciai italiani è, senza mezzi termini, “drammatica”. Negli ultimi anni si è persa una superficie pari al Lago di Como. Ma il dramma non è solo nazionale. Se c’è infatti un luogo dove, secondo le [...]

All’Università di Siena un corso interdisciplinare sulla “sostenibilità” aperto al pubblico

marzo 1, 2017

All’Università di Siena un corso interdisciplinare sulla “sostenibilità” aperto al pubblico

Lo sviluppo sostenibile e la sostenibilità ambientale, ma anche economica e sociale, sono tra i temi più attuali che interessano i governi a livello globale. Un approccio complesso che coinvolge aspetti giuridici, energetici, urbanistici e sociologici, e che richiede competenze interdisciplinari per essere adeguatamente affrontato. L’ottica interdisciplinare è dunque stata scelta dal corso in “Sostenibilità” [...]

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

febbraio 28, 2017

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

Negli ultimi dieci anni, la produzione e lo smaltimento di smartphone hanno avuto un impatto significativo sul nostro pianeta, secondo un rapporto diffuso ieri da Greenpeace USA, all’inaugurazione del “World Mobile Congress” di Barcellona. Il rapporto “From Smart to Senseless: The Global Impact of Ten Years of Smartphones” fornisce una panoramica dell’aumento dell’uso degli smartphone [...]

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

febbraio 28, 2017

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

Prevenire con efficacia i danni provocati dai terremoti e dalle catastrofi naturali comporta un cambiamento culturale, sociale e tecnico che coinvolge le istituzioni, i cittadini, le imprese e i professionisti. Un radicale cambiamento che dall’emergenza ci deve portare alla gestione ordinaria dei rischi naturali e a progettare e realizzare città capaci di adattarsi ai cambiamenti climatici e [...]

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

febbraio 28, 2017

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

L’appello è arrivato alla vigilia della riunione dei Ministri dell’Ambiente della UE, in programma oggi a Bruxelles. Un appuntamento importante perché al primo punto all’ordine del giorno, è prevista la revisione dell’Emission Trading Scheme (ETS), il meccanismo europeo di scambio delle emissioni il cui obiettivo dovrebbe essere quello di far pagare gli emettitori di CO2 per [...]

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende