Home » Comunicati Stampa »Progetti » Agroinnova: metodi sostenibili contro il patogeno del basilico:

Agroinnova: metodi sostenibili contro il patogeno del basilico

settembre 2, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

E’ notizia di pochi giorni fa che i coltivatori di basilico liguri hanno chiesto alla Regione Liguria di sostenerli nella richiesta al Ministero della Salute per l’utilizzo di nuovi agrofarmaci in grado di salvaguardare le coltivazioni minacciate dalla Peronospora belbahrii, un fungo che sta mettendo in serio pericolo le produzioni, con una ricaduta immediata sulla produzione di pesto.

Il problema di questa vera e propria peste del basilico era già stato sollevato nel giugno scorso durante la “giornata a porte aperte” di  Agroinnova, il Centro di Competenza per l’Innovazione in campo Agro-ambientale dell’Università di Torino, che da tempo lavora a livello internazionale su questo tema, sperimentando nuovi metodi di difesa sempre più all’avanguardia e sostenibili e che, proprio per questo motivo, ha un punto di vista molto più articolato su quella che deve essere la risposta, non solo a breve termine ma a lungo termine, a questa minaccia.

La soluzione infatti non sta nell’impiego durante la coltivazione di nuovi agrofarmaci,  sostanze chimiche che, pur combattendo il patogeno, su una coltura come il basilico possono lasciare residui non graditi al consumatore, ma su trattamenti di concia dei semi, con mezzi fisici, naturali, biologici ed eventualmente chimici. Sono infatti i semi a diffondere il patogeno e sui semi si deve intervenire se si vuole salvare il basilico.

Il parassita responsabile di questa malattia del basilico, come molti altri, viaggia da tempo da un continente all’altro diffondendosi con grande rapidità, attraverso semi infetti. Semi che vengono spesso prodotti in paesi terzi, per abbattere i costi di produzione, e poi di qui commercializzati in tutto il mondo.  Ciò ha favorito la rapida diffusione di parassiti in molte aree geografiche diverse da quelle in cui i semi sono stati prodotti. Come si può dunque affrontare in modo efficace questa minaccia?

Basare la lotta contro il fungo killer del basilico sul semplice impiego di agrofarmaci durante la coltivazione, per quanto sempre più sofisticati, non è sufficiente e in breve tempo potrebbe rivelarsi un vero e proprio boomerang – sottolinea Maria Lodovica Gullino, direttore di Agroinnova e Past-President della Società Internazionale di Patologia vegetale. Quella del basilico, come ben sanno i coltivatori, è una coltura molto delicata, a ciclo breve, con raccolte a ritmi molto frequenti. Trattare in campo con agrofarmaci significa rischiare di ritovare residui dei prodotti utilizzati nel prodotto finale, nonché di favorire la selezione di popolazioni del patogeno resistenti. Gli agricoltori (e spesso anche i ricercatori) devono capire che gli agrofarmaci non sono più la soluzione a tutti i problemi. La soluzione sta nella ricerca applicata, che qui ad Agroinnova conduciamo da molti anni anche nell’ambito di Progetti Europei,  cercando di minimizzare l’impatto sul consumatore finale. Non è un caso che dal 2011 coordiniamo un progetto Europeo sulla biosicurezza – denominato PLANTFOODSEC – e finanziato con oltre 6 milioni di euro, che si occupa proprio di trovare soluzioni  sostenibili all’introduzione di parassiti nelle colture della UE, Italia inclusa.  Al tempo stesso siamo partner di un altro progetto europeo, denominato TESTA, che si occupa proprio dello sviluppo di metodi di trattamento dei semi a basso impatto ambientale”.

Fondamentale è anzitutto il controllo della sanità dei semi, da effettuarsi con tecniche diagnostiche il più rapide e precise possibili. E questo compito spetta alle ditte sementiere che devono garantire l’origine geografica della semente e la sua sanità. Il seme contaminato può essere risanato, con trattamenti di concia. Anche per la concia oggi si tende ad usare mezzi fisici (acqua o aria calda) combinati con prodotti biologici, naturali o chimici.

“Mi rendo conto – continua il presidente di Agroinnova Angelo Garibaldi – che gli agricoltori liguri, come tutti gli agricoltori,  chiedono soluzioni rapide ed efficaci, ma solo con risposte tecnologiche sostenibili per l’ambiente e con la collaborazione delle aziende sementiere, possiamo salvaguardare al meglio sia le coltivazioni di basilico, sia i consumatori”.

In questo scenario, che prevede l’impiego di tecnologie sempre più avanzate, sta crescendo oggi di importanza la diagnostica molecolare e che potrebbe consentire di attivare strategie preventive a livello internazionale, basate sul controllo fitosanitario del materiale riproduttivo. Si tratta di un metodo rapido ed efficace, due caratteristiche fondamentali quando si ha a che fare con potenziali epidemie, in un contesto in cui rapidità e dati certi sono determinanti. Identificato il patogeno si devono poi applicare mezzi di lotta efficaci che possono essere fisici, chimici o biologici. Di grande importanza in questo senso sono i sistemi di concia cioè di disinfezione dei semi: nel primo caso, ad esempio, (mezzi fisici) un trattamento dei semi con acqua o aria calda a temperature variabili tra i 45 e i 70 gradi può arrivare ad eradicare completamente alcuni patogeni dai semi. Particolarmente utili si sono rivelati anche alcuni fungicidi (mezzi chimici), anche se vanno sottolineate le crescenti difficoltà nell’impiego di questi mezzi dovute alle restrizioni imposte alla loro registrazione dalle nuove normative europee.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende