Home » Comunicati Stampa »Progetti » Agroinnova: metodi sostenibili contro il patogeno del basilico:

Agroinnova: metodi sostenibili contro il patogeno del basilico

settembre 2, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

E’ notizia di pochi giorni fa che i coltivatori di basilico liguri hanno chiesto alla Regione Liguria di sostenerli nella richiesta al Ministero della Salute per l’utilizzo di nuovi agrofarmaci in grado di salvaguardare le coltivazioni minacciate dalla Peronospora belbahrii, un fungo che sta mettendo in serio pericolo le produzioni, con una ricaduta immediata sulla produzione di pesto.

Il problema di questa vera e propria peste del basilico era già stato sollevato nel giugno scorso durante la “giornata a porte aperte” di  Agroinnova, il Centro di Competenza per l’Innovazione in campo Agro-ambientale dell’Università di Torino, che da tempo lavora a livello internazionale su questo tema, sperimentando nuovi metodi di difesa sempre più all’avanguardia e sostenibili e che, proprio per questo motivo, ha un punto di vista molto più articolato su quella che deve essere la risposta, non solo a breve termine ma a lungo termine, a questa minaccia.

La soluzione infatti non sta nell’impiego durante la coltivazione di nuovi agrofarmaci,  sostanze chimiche che, pur combattendo il patogeno, su una coltura come il basilico possono lasciare residui non graditi al consumatore, ma su trattamenti di concia dei semi, con mezzi fisici, naturali, biologici ed eventualmente chimici. Sono infatti i semi a diffondere il patogeno e sui semi si deve intervenire se si vuole salvare il basilico.

Il parassita responsabile di questa malattia del basilico, come molti altri, viaggia da tempo da un continente all’altro diffondendosi con grande rapidità, attraverso semi infetti. Semi che vengono spesso prodotti in paesi terzi, per abbattere i costi di produzione, e poi di qui commercializzati in tutto il mondo.  Ciò ha favorito la rapida diffusione di parassiti in molte aree geografiche diverse da quelle in cui i semi sono stati prodotti. Come si può dunque affrontare in modo efficace questa minaccia?

Basare la lotta contro il fungo killer del basilico sul semplice impiego di agrofarmaci durante la coltivazione, per quanto sempre più sofisticati, non è sufficiente e in breve tempo potrebbe rivelarsi un vero e proprio boomerang – sottolinea Maria Lodovica Gullino, direttore di Agroinnova e Past-President della Società Internazionale di Patologia vegetale. Quella del basilico, come ben sanno i coltivatori, è una coltura molto delicata, a ciclo breve, con raccolte a ritmi molto frequenti. Trattare in campo con agrofarmaci significa rischiare di ritovare residui dei prodotti utilizzati nel prodotto finale, nonché di favorire la selezione di popolazioni del patogeno resistenti. Gli agricoltori (e spesso anche i ricercatori) devono capire che gli agrofarmaci non sono più la soluzione a tutti i problemi. La soluzione sta nella ricerca applicata, che qui ad Agroinnova conduciamo da molti anni anche nell’ambito di Progetti Europei,  cercando di minimizzare l’impatto sul consumatore finale. Non è un caso che dal 2011 coordiniamo un progetto Europeo sulla biosicurezza – denominato PLANTFOODSEC – e finanziato con oltre 6 milioni di euro, che si occupa proprio di trovare soluzioni  sostenibili all’introduzione di parassiti nelle colture della UE, Italia inclusa.  Al tempo stesso siamo partner di un altro progetto europeo, denominato TESTA, che si occupa proprio dello sviluppo di metodi di trattamento dei semi a basso impatto ambientale”.

Fondamentale è anzitutto il controllo della sanità dei semi, da effettuarsi con tecniche diagnostiche il più rapide e precise possibili. E questo compito spetta alle ditte sementiere che devono garantire l’origine geografica della semente e la sua sanità. Il seme contaminato può essere risanato, con trattamenti di concia. Anche per la concia oggi si tende ad usare mezzi fisici (acqua o aria calda) combinati con prodotti biologici, naturali o chimici.

“Mi rendo conto – continua il presidente di Agroinnova Angelo Garibaldi – che gli agricoltori liguri, come tutti gli agricoltori,  chiedono soluzioni rapide ed efficaci, ma solo con risposte tecnologiche sostenibili per l’ambiente e con la collaborazione delle aziende sementiere, possiamo salvaguardare al meglio sia le coltivazioni di basilico, sia i consumatori”.

In questo scenario, che prevede l’impiego di tecnologie sempre più avanzate, sta crescendo oggi di importanza la diagnostica molecolare e che potrebbe consentire di attivare strategie preventive a livello internazionale, basate sul controllo fitosanitario del materiale riproduttivo. Si tratta di un metodo rapido ed efficace, due caratteristiche fondamentali quando si ha a che fare con potenziali epidemie, in un contesto in cui rapidità e dati certi sono determinanti. Identificato il patogeno si devono poi applicare mezzi di lotta efficaci che possono essere fisici, chimici o biologici. Di grande importanza in questo senso sono i sistemi di concia cioè di disinfezione dei semi: nel primo caso, ad esempio, (mezzi fisici) un trattamento dei semi con acqua o aria calda a temperature variabili tra i 45 e i 70 gradi può arrivare ad eradicare completamente alcuni patogeni dai semi. Particolarmente utili si sono rivelati anche alcuni fungicidi (mezzi chimici), anche se vanno sottolineate le crescenti difficoltà nell’impiego di questi mezzi dovute alle restrizioni imposte alla loro registrazione dalle nuove normative europee.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende