Home » Comunicati Stampa » Per Agroinnova un nuovo progetto di ricerca europeo del valore di tre milioni:

Per Agroinnova un nuovo progetto di ricerca europeo del valore di tre milioni

dicembre 23, 2009 Comunicati Stampa

Courtesy of AgroinnovaFinalizzato a ridurre i rischi per l’ambiente e per la salute umana dovuti all’uso di agrofarmaci, prenderà il via il 1°gennaio 2010.

Quasi 3 milioni di euro di investimento, 3 Paesi coinvolti (Italia, Grecia e Polonia), 5 partner, 9 aree previste per le attività dimostrative, tra cui le Province di Torino, Asti, Cuneo e Alessandria e 24 siti pilota.

Sono questi alcuni dei numeri del progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma LIFE Plus, che Agroinnova, il Centro di Competenza per l’Innovazione in campo agro-ambientale dell’Università di Torino, si è recentemente aggiudicato e che prenderà via il prossimo 1 gennaio 2010.

Il progetto, della durata di tre anni,  nasce con l’obiettivo di fornire soluzioni concrete al piano messo in atto dall’Unione Europea per ridurre i rischi per l’ambiente e la salute umana dovuti all’impiego degli agrofarmaci e, più in generale, per promuovere un uso più sostenibile di tali prodotti e una riduzione complessiva dei rischi e degli utilizzi, senza perdita di efficienza per gli utilizzatori professionali.

Tale progetto acquisisce particolare importanza per l’Italia e per il Piemonte, in quanto si propone di intervenire, nello specifico, sull’impiego dei fumiganti, prodotti utilizzati per la disinfestazione del terreno in ortofloricoltura intensiva e, quindi, molto importanti per l’agricoltura mediterranea in generale e italiana in particolare. Non è un caso quindi che le aree scelte per la sperimentazione dei risultati delle ricerche in Italia siano proprio nelle province di Torino, Asti, Cuneo e Alessandria, caratterizzate dalla presenza di un’orticoltura intensiva di notevole importanza economica.

Agroinnova sarà capofila di un Consorzio costituito da cinque partner distribuiti nei tre Paesi, provenienti dal settore pubblico e da quello privato: con Agroinnova collaboreranno infatti l’azienda Dow AgroSciences in Italia, l’Università di Atene in Grecia e l’Istituto  di Ricerca in Frutticoltura e Floricoltura e la Società di consulenza JWC in Polonia.

La composizione stessa del Consorzio testimonia ancora una volta l’importanza di un rapporto diretto fra il mondo della ricerca e quello delle imprese, da sempre promosso e sostenuto da Agroinnova. Tale rapporto è infatti indispensabile per trasferire in tempi

coltivazione e difesa di colture per la quarta gamma. Agroinnova ha sviluppato due brevetti relativi a microrganismi agenti di lotta biologica.

Il progetto LIFE prende le mosse dalla recente direttiva 2009/128/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, pubblicata lo scorso 24 novembre 2009 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile degli agrofarmaci. La direttiva mira alla tutela della salute umana e dell’ambiente riducendo i potenziali rischi connessi all’uso degli agrofarmaci e promuovendo l’uso della difesa integrata e di approcci o tecniche alternativi.

Tra gli agrofarmaci, particolare attenzione viene dedicata ai fumiganti, che a causa del loro elevato impatto ambientale sono considerati prodotti ad alto rischio e sono presi particolarmente di mira dalla nuova direttiva europea. Il progetto coordinato da Agroinnova mira dunque alla promozione dell’uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli nel settore orticolo al fine di contribuire all’attuazione della Strategia Tematica Europea per l’uso sostenibile degli agrofarmaci ed alla definizione dei Piani d’Azione Nazionali in questa previsti. Nello specifico questo progetto promuove l’uso sostenibile di fumiganti utilizzati nel settore orticolo quali l’1,3-dicloropropene, la cloropicrina ed i generatori di metilisotiocianato (dazomet, metam sodio e metam potassio) tramite il miglioramento dei metodi di applicazione (riduzione delle dosi, diminuzione della dispersione nell’ambiente) e la combinazione o sostituzione con metodi non chimici di disinfestazione del suolo quali solarizzazione, innesto, biofumigazione, uso di compost e di agenti biologici.

Oltre alle province di Torino, Asti, Cuneo ed Alessandria, in Italia, le attività dimostrative del progetto interesseranno la Regione del Peloponneso in Grecia e le regioni di Mazowse e Lodzkie in Polonia. Per il raggiungimento degli obiettivi del progetto, che includono la promozione nell’adozione di tecniche di gestione delle fitopatie del suolo maggiormente sostenibili ed il mantenimento della competitività degli operatori del comparto orticolo nei tre Paesi, è previsto lo svolgimento di diverse attività di ricerca e sperimentazione, di formazione per tecnici e operatori e di diffusione e comunicazione dei risultati.

Le azioni di diffusione dei risultati, in particolare, mirano da una parte a rendere accessibili agli operatori i risultati della ricerca e, parallelamente, a stimolare programmi di ricerca pertinenti alle esigenze dei produttori. La presenza di due partner industriali all’interno del Consorzio faciliterà il rapido trasferimento dei risultati al mondo delle imprese.

E’ un fatto che oggi la ricerca debba essere svolta a livello internazionale, nell’ambito di ampi consorzi che vedono uniti ricercatori pubblici e privati – ha dichiarato Maria Lodovica Gullino, Direttore di Agroinnova. L’Italia, anche per rimediare alla estrema scarsità di fondi nazionali, non può che guardare all’Europa, dove peraltro la competizione  è molto forte. Negli ultimi anni il Centro di Competenza per l’Innovazione in campo agro-ambientale e agro-alimentare Agroinnova dell’Università di Torino ha investito molte risorse umane nel campo della ricerca europea e questi investimenti danno i loro frutti: numerosi progetti, di considerevole entità, coordinati

direttamente da Agroinnova, sono stati infatti finanziati negli ultimi anni dalla Commissione Europea. L’aggiudicazione del progetto LIFE Plus costituisce certamente un risultato importante, ma certamente non ci accontentiamo e stiamo già lavorando per candidarci a lavorare a livello europeo su altre importanti tematiche, dalla biosicurezza all’effetto dei cambiamenti climatici sulla disponibilità di cibo nei paesi meno fortunati”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende