Home » Comunicati Stampa » Aiab: sei proposte per migliorare il regolamento sul biologico:

Aiab: sei proposte per migliorare il regolamento sul biologico

novembre 26, 2012 Comunicati Stampa

Semplificazione burocratica, gestione sicura delle importazioni, apertura a forme di certificazione diversa che diano garanzia ma si adeguino alle piccole aziende, nessuna tolleranza verso gli OGM, definizione di requisiti ambientali ed energetici, inclusione di nuovi ambiti quali la ristorazione collettiva: questi i temi cardine proposti da AIAB per la revisione del regolamento europeo 834/07, che definisce regole e modalità di certificazione del biologico.

A discuterne, nei giorni scorsi, nel corso della tavola rotonda “L’agricoltura biologica che vogliamo nel 2020”, sono stati il presidente di AIAB Alessandro Triantafyllidis, Teresa De Matthaeis del MIPAAF, Stefano Masini, Responsabile Area Ambiente e Territorio di Coldiretti, Vittorio Cogliati Dezza, Presidente di Legambiente, Fulvio Mamone Capria, Presidente della LIPU , Emilio Gatto, Direttore Generale ICQRF, Giovanni Cavinato, Presidente di ICEA, Massimo Crivellaro, VALOREITALIA, Vincenzo Vizioli, presidente di FIRAB ed Andrea Ferrante,Vice Presidente IFOAM EU.

Il primo regolamento europeo che ha permesso al settore del biologico di affermarsi è stato emanato nel 1991, integrato ed emendato numerose volte è stato poi completamente rivisto nel 2007 con l’emanazione del Reg. 834/07. Attualmente è iniziato un importante processo di revisione dell’intero impianto regolamentare relativo all’agricoltura biologica che porterà all’entrata in vigore nel 2016 di un nuovo regolamento.

In tale contesto AIAB ha iniziato un percorso di consultazione nelle regioni, coinvolgendo i diversi portatori d’interesse, per raccogliere idee e proposte che arricchiranno l’iter di discussione con l’obiettivo di formulare una proposta concreta di revisione inclusiva di tutte le istanze del biologico italiano. Tale proposta verrà portata alle istituzioni nazionali e comunitarie e condivisa con i colleghi degli altri Stati Europei.

“È iniziato il lungo processo di revisione del regolamento di riferimento, un momento delicato rispetto al quale non possiamo stare a guardare – ha dichiarato il presidente di AIAB, Alessandro Triantafyllidis Dobbiamo essere molto attivi per guidare la riflessione, se non vogliamo vedere stravolto il concetto di biologico che abbiamo fin qui difeso e non vogliamo perdere quella sana originalità che ha fatto del biologico una vera avanguardia politica, culturale, sociale ed economica. Oltre al regolamento però, per raggiungere gli ambiziosi obiettivi a beneficio della collettività che il biologico garantisce, non si può prescindere da una PAC che sostenga questo fondamentale momento di cambiamento. E purtroppo così non sembra, alla luce delle proposte sulla nuova PAC e dei massicci tagli al relativo budget, che mirano più a mantenere delle rendite di posizione che a sostenere un reale sviluppo reale di cui i contadini debbono essere i protagonisti principali”.

Tra gli argomenti prioritari per il processo di revisione sono stati identificati alcuni punti da trasformare in proposte a breve e a lungo periodo:

  • Una riforma nella certificazione e nel sistema di controllo per garantire, insieme alla sicurezza, anche il facile accesso ai produttori interessati al metodo biologico. Attualmente l’eccesso di burocrazia è un deterrente all’accesso di piccole aziende e di intere filiere locali.

  • Un sistema di importazione trasparente che non permetta la creazione di pericolose falle.

  • Maggiore tutela della biodiversità.

  • Attenzione all’efficienza energetica, all’uso di energie rinnovabili ed alla tutela delle risorse primarie.

  • Mantenere il biologico libero da OGM, confermando l’impossibilità della coesistenza.

  • Includere nuovi campi di applicazione come ad esempio la ristorazione collettiva.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende