Home » Comunicati Stampa »Eventi »Idee » Al CRIET della Bicocca un dibattito sullo sviluppo sostenibile del “Made in Italy”:

Al CRIET della Bicocca un dibattito sullo sviluppo sostenibile del “Made in Italy”

ottobre 27, 2017 Comunicati Stampa, Eventi, Idee

Mercoledì 25 ottobre si è svolto, presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, un evento dedicato alle “Eccellenze Sostenibili” organizzato dal CRIET (Centro di Ricerca Interuniversitario in Economia del Territorio) nell’ambito del progetto CRIET Incontra.

L’obiettivo era quello di mettere a fuoco valide prospettive di consolidamento del “Made in Italy” in quanto modello di riferimento per una produzione di qualità eccellente e sostenibile per l’ambiente. Un modello che ha iniziato ad affermarsi nel mondo agricolo, ma che a partire da questo ha successivamente contaminato la moda e il design, la valorizzazione del paesaggio e la tutela dei beni culturali.

Dopo i saluti istituzionali del Rettore dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, Cristina Messa, si sono succeduti gli interventi di Angelo Di Gregorio, Direttore del CRIET, focalizzato su “L’Economia Circolare”, di Matilde Ferretto, Presidente CLM in Turismo, Territorio e Sviluppo Locale del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, dedicato alla “Società culturale” e di Gilberto Garuti, Responsabile Ricerca e Sviluppo Neorurale Srl su “Agricoltura e sostenibilità”.

I tre relatori hanno presentato le condizioni che, dal loro punto di vista, porterebbero oggi l’Italia a essere all’avanguardia nel panorama internazionale per ricchezza di “eccellenze sostenibili”. Il nostro Paese presenta infatti un modello di agricoltura in cui ha rilievo (anche se ancora diffusione limitata) un’im­portante serie di fattori: qualità, distintività, valore culturale e antro­pologico del produrre, biodiversità, sostenibilità.

“Il modello agricolo italiano può candidarsi ad accogliere le principali sfide a livello globale, dimostrando che anche se intensiva l’agricoltura può essere rispettosa della biodiversità, farsi custode dell’ambiente e del patrimonio di civiltà che esprime, diventare protagoni­sta dell’intera filiera del food, purché sostenibile da un punto di vista ambien­tale ed economico”, ha affermato Angelo Di Gregorio, Direttore CRIET. “Connessi al mondo agricolo esistono inoltre segmenti e professioni che fanno della sostenibilità un valore primario della loro opera”.

Docenti universitari, personalità del mondo del food, della cultura e del design hanno quindi partecipato a un confronto sulle opportunità di successo delle “eccellenze sostenibili” espresse dai nostri territori, presentando il proprio contributo in termini di esperienza, conoscenza dei trend di cambiamento che impattano sulla percezione di qualità a livello internazionale secondo le rispettive prospettive settoriali, dall’Italian Food ai Beni Culturali, dal Design al Paesaggio.

“Il patrimonio culturale è un fattore essenziale nel contribuire a pro­muovere e valorizzare il territorio, attraendo talenti e turismo. In tal senso è determinante sviluppare progetti sostenibili intorno ai luoghi della cultura dove deve crescere una progettualità condivisa che produca benessere e sviluppo economico per l’intera comunità, preservando al tempo stesso il contesto ambientale e architettonico. Non possiamo trascurare la questione spazio quale risorsa da pro­teggere. Preservare i diversi territori, significa difendere luoghi nei quali l’uomo sia capace di orientarsi e riconoscersi, luoghi ai quali sente di appartenere perché in essi ritrova la propria memoria, la propria storia, la propria cultura e la propria identità. Quindi svi­luppo sostenibile e tutela e valorizzazione del paesaggio non sono concetti alienabili e devono camminare di pari passo”, ha affermato Gioia Gibelli, Presidente Siep-IALE (Sezione italiana della International Association for Landscape Ecology).

“E’ doveroso ripensare la moda, una delle industrie più inquinanti al mondo, secondo questa prospettiva. Trasformandola in un settore più sostenibile che include tanto i principi della moda ecosostenibile, cioè attenta all’ambiente, quanto quelli della moda etica, rispettosa delle condizioni di lavoro e disponibile a fornire ai consumatori tutte le informazioni riguardanti il prodotto finito”, ha affermato  Francesca Romana Rinaldi, Docente di Fashion Management all’Università Bocconi e Direttore del Master in Brand & Business Management presso il Milano Fashion Institute.

In cucina, il km zero è solo il punto di partenza per parlare di sosteni­bilità”, ha commentato Davide Oldani, ideatore della cucina POP. “Pensiamo alle opportunità per coniugare sostenibilità con la soddisfazione del palato e della ricerca estetica che derivano dall’impiego di risorse energetiche alternative, dalla riduzione dei consumi, da un efficiente impiego dell’acqua, dal riciclo al riutilizzo degli scarti”.

Per quanto riguarda, l’architettura e il design, Carlo Vezzoli, Docente di Disegno Industriale al Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e Coordinatore del Gruppo di ricerca Design e Innovazione di sistema per la Sostenibilità (DIS), ha evidenziato l’interesse del contributo espresso da professioni “che si dimostrano sempre più sensibili a una progetta­zione che tiene conto delle condizioni ambientali di un luogo, così da adattarsi in maniera sapiente – e senza rinunciare all’estetica – al concetto di evoluzione”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Amazon Sustainability Accelerator: al via la seconda edizione per le start up

febbraio 9, 2023

Amazon Sustainability Accelerator: al via la seconda edizione per le start up

Si è aperta oggi, 9 febbraio 2023, la seconda edizione dell’Amazon Sustainability Accelerator, il programma rivolto alle startup nella fase Early Stage focalizzate sulla sostenibilità. Lanciato da Amazon, EIT Climate-KIC (l’hub europeo per l’innovazione in materia di clima) e WRAP (una delle principali ONG britanniche impegnate nel contrasto al cambiamento climatico), Accelerator è aperto alle startup che stanno creando [...]

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende