Home » Comunicati Stampa »Eventi »Idee » Al CRIET della Bicocca un dibattito sullo sviluppo sostenibile del “Made in Italy”:

Al CRIET della Bicocca un dibattito sullo sviluppo sostenibile del “Made in Italy”

ottobre 27, 2017 Comunicati Stampa, Eventi, Idee

Mercoledì 25 ottobre si è svolto, presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, un evento dedicato alle “Eccellenze Sostenibili” organizzato dal CRIET (Centro di Ricerca Interuniversitario in Economia del Territorio) nell’ambito del progetto CRIET Incontra.

L’obiettivo era quello di mettere a fuoco valide prospettive di consolidamento del “Made in Italy” in quanto modello di riferimento per una produzione di qualità eccellente e sostenibile per l’ambiente. Un modello che ha iniziato ad affermarsi nel mondo agricolo, ma che a partire da questo ha successivamente contaminato la moda e il design, la valorizzazione del paesaggio e la tutela dei beni culturali.

Dopo i saluti istituzionali del Rettore dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, Cristina Messa, si sono succeduti gli interventi di Angelo Di Gregorio, Direttore del CRIET, focalizzato su “L’Economia Circolare”, di Matilde Ferretto, Presidente CLM in Turismo, Territorio e Sviluppo Locale del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, dedicato alla “Società culturale” e di Gilberto Garuti, Responsabile Ricerca e Sviluppo Neorurale Srl su “Agricoltura e sostenibilità”.

I tre relatori hanno presentato le condizioni che, dal loro punto di vista, porterebbero oggi l’Italia a essere all’avanguardia nel panorama internazionale per ricchezza di “eccellenze sostenibili”. Il nostro Paese presenta infatti un modello di agricoltura in cui ha rilievo (anche se ancora diffusione limitata) un’im­portante serie di fattori: qualità, distintività, valore culturale e antro­pologico del produrre, biodiversità, sostenibilità.

“Il modello agricolo italiano può candidarsi ad accogliere le principali sfide a livello globale, dimostrando che anche se intensiva l’agricoltura può essere rispettosa della biodiversità, farsi custode dell’ambiente e del patrimonio di civiltà che esprime, diventare protagoni­sta dell’intera filiera del food, purché sostenibile da un punto di vista ambien­tale ed economico”, ha affermato Angelo Di Gregorio, Direttore CRIET. “Connessi al mondo agricolo esistono inoltre segmenti e professioni che fanno della sostenibilità un valore primario della loro opera”.

Docenti universitari, personalità del mondo del food, della cultura e del design hanno quindi partecipato a un confronto sulle opportunità di successo delle “eccellenze sostenibili” espresse dai nostri territori, presentando il proprio contributo in termini di esperienza, conoscenza dei trend di cambiamento che impattano sulla percezione di qualità a livello internazionale secondo le rispettive prospettive settoriali, dall’Italian Food ai Beni Culturali, dal Design al Paesaggio.

“Il patrimonio culturale è un fattore essenziale nel contribuire a pro­muovere e valorizzare il territorio, attraendo talenti e turismo. In tal senso è determinante sviluppare progetti sostenibili intorno ai luoghi della cultura dove deve crescere una progettualità condivisa che produca benessere e sviluppo economico per l’intera comunità, preservando al tempo stesso il contesto ambientale e architettonico. Non possiamo trascurare la questione spazio quale risorsa da pro­teggere. Preservare i diversi territori, significa difendere luoghi nei quali l’uomo sia capace di orientarsi e riconoscersi, luoghi ai quali sente di appartenere perché in essi ritrova la propria memoria, la propria storia, la propria cultura e la propria identità. Quindi svi­luppo sostenibile e tutela e valorizzazione del paesaggio non sono concetti alienabili e devono camminare di pari passo”, ha affermato Gioia Gibelli, Presidente Siep-IALE (Sezione italiana della International Association for Landscape Ecology).

“E’ doveroso ripensare la moda, una delle industrie più inquinanti al mondo, secondo questa prospettiva. Trasformandola in un settore più sostenibile che include tanto i principi della moda ecosostenibile, cioè attenta all’ambiente, quanto quelli della moda etica, rispettosa delle condizioni di lavoro e disponibile a fornire ai consumatori tutte le informazioni riguardanti il prodotto finito”, ha affermato  Francesca Romana Rinaldi, Docente di Fashion Management all’Università Bocconi e Direttore del Master in Brand & Business Management presso il Milano Fashion Institute.

In cucina, il km zero è solo il punto di partenza per parlare di sosteni­bilità”, ha commentato Davide Oldani, ideatore della cucina POP. “Pensiamo alle opportunità per coniugare sostenibilità con la soddisfazione del palato e della ricerca estetica che derivano dall’impiego di risorse energetiche alternative, dalla riduzione dei consumi, da un efficiente impiego dell’acqua, dal riciclo al riutilizzo degli scarti”.

Per quanto riguarda, l’architettura e il design, Carlo Vezzoli, Docente di Disegno Industriale al Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e Coordinatore del Gruppo di ricerca Design e Innovazione di sistema per la Sostenibilità (DIS), ha evidenziato l’interesse del contributo espresso da professioni “che si dimostrano sempre più sensibili a una progetta­zione che tiene conto delle condizioni ambientali di un luogo, così da adattarsi in maniera sapiente – e senza rinunciare all’estetica – al concetto di evoluzione”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende