Home » Comunicati Stampa » Al via la campagna per promuovere il sughero:

Al via la campagna per promuovere il sughero

dicembre 10, 2010 Comunicati Stampa

Sughero, Courtesy of losvizzero, Flickr.comIn partenza in Italia e in altri 12 paesi la campagna di promozione del sughero, che durerà 18 mesi, promossa da APCOR (Associazione Portoghese dei Produttori di Sughero) e da Assoimballaggi/ Federlegnoarredo per l’Italia. Valorizzare il sughero permette non solo di evidenziare le straordinarie caratteristiche di questo prodotto e le sue diverse applicazioni, a partire dalla tappatura per il vino, ma anche di far conoscere il grande patrimonio che le foreste di sughero “mediterranee” rappresentano per l’economia di questo bacino e del nostro paese e il loro valore nella salvaguardia di un ecosistema tutto da scoprire.

La produzione mondiale di sughero raggiunge le 300 mila tonnellate annue e si concentra nel bacino del Mediterraneo tra il Portogallo con il 52,5% del totale, la Spagna con il 29,5%, l’Italia con il 5,5%, seguite da Algeria, Marocco, Tunisia e Francia.

L’Italia, al terzo posto tra i produttori mondiali, con 170 mila quintali di sughero prodotti all’anno, realizza circa un miliardo e mezzo di tappi di sughero. L’industria del vino è, infatti, il maggior “cliente” dell’industria del sughero e  assorbe il 70% della sua produzione. La rimanente produzione è così suddivisa: 16% settore bio-edilizia, 9% settore calzaturiero, 3% settore artigianato.

Giuseppe Molinas, Consigliere Incaricato del Gruppo Sughero di Assoimballaggi afferma:Il bacino del Mediterraneo è coperto da circa 2,2 milioni di ettari di foreste da sughero, di cui circa 225.000 si trovano in Italia, per il 90% in Sardegna e per la restante parte in Sicilia, Calabria, Lazio, Toscana e Campania. Nel nostro Paese le 250 aziende del settore sono per la maggior parte ubicate all’interno del Distretto del Sughero di Calangianus in Sardegna, dove si trasforma circa il 70% di tutto il sughero lavorato in Italia. I circa 2 miliardi di tappi, tra quelli prodotti e quelli lavorati in Italia, ci permettono di coprire un fabbisogno di un Paese come il nostro, che è tra i primi produttori ed esportatori di vino a livello mondiale. Il sughero e il vino hanno una storia secolare e la storia dell’uno non può prescindere da quella dell’altro. Questo antico connubio con il vino italiano ci fa affermare che per le sue caratteristiche il sughero è ancora oggi la soluzione più naturale ed efficace per la conservazione del vino in bottiglia”.

Roberta Danzi, Coordinamento Tecnico Laboratori Unione Italiana Vini, dichiara: “Il sughero è molto importante nell’industria vitivinicola in Italia e già al Vinitaly di due anni fa l’Unione Italiana Vini era tra i partecipanti del tavolo tecnico per la revisione del Disciplinare per la creazione di un nuovo documento di riferimento per il controllo di qualità dei tappi di sughero in Italia. Come UIV abbiamo un laboratorio attrezzato con le più moderne apparecchiature dedicato ai controlli sui tappi; ogni anno analizziamo circa 600 campioni provenienti dalle cantine di tutta Italia”.

Le foreste di sughero, in Italia Sugherete e in Portogallo Montado, sono un patrimonio irrinunciabile anche da un punto di vista ambientale. Le Sugherete costituiscono un habitat ideale per varie specie animali e rappresentano uno dei migliori esempi di biodiversità mediterranea e ambientale. Inoltre hanno un ruolo molto importante per la lotta al depauperamento e alla desertificazione a favore dello sviluppo sostenibile.

Il sughero svolge un ruolo fondamentale nel combattere il surriscaldamento globale, poiché ogni anno assorbe più di 10 milioni di tonnellate di C02 . Inoltre, lo studio sul Life Cycle Assessment, condotto da Price Waterhouse Coopers, mostra che il processo produttivo dei tappi di sughero emette C02 24 volte in meno rispetto ad altri tappi artificiali.

Massimiliano Rocco, Responsabile Programma Traffic e Timber Trade del WWF Italia, aggiunge: “Le Sugherete sono una priorità per l’attività del WWF nel Mediterraneo, la loro gestione corretta coniuga conservazione della biodiversità e sviluppo economico. Come WWF ci stiamo muovendo per cercare di rafforzare nei produttori, come nei consumatori, il senso del valore della certificazione FSC che consente di promuovere una gestione forestale, in modo che risulti adeguata, che produca benefici sociali e tenga conto anche di quelli economici. Ormai sono oltre 50.000 gli ettari di sugherete che hanno ricevuto questa certificazione e 150.000 ettari di sugherete portoghesi potrebbero essere certificate entro il 2010”. Continua Rocco: “Abbiamo deciso di sposare questa causa perché le Sugherete sono minacciate da più parti, a causa di una governance non adeguata, mancanza di investimenti per una corretta gestione e cambiamenti del mercato di riferimento, quale quello dei tappi di sughero. La conseguenza della diminuzione dell’utilizzo dei tappi di sughero potrebbe portare all’abbandono delle Sugherete, rischiando di condannare queste foreste mediterranee”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende