Home » Comunicati Stampa »Idee » Alla ricerca dell’orchidea perduta nel parco delle Dolomiti Bellunesi:

Alla ricerca dell’orchidea perduta nel parco delle Dolomiti Bellunesi

luglio 4, 2013 Comunicati Stampa, Idee

Liparis loeselii è una delle più rare orchidee italiane: ne sono stati censiti, negli ultimi anni, solo 70 esemplari. Vive nelle Alpi centro-orientali, tra Lombardia e Friuli, dove cresce in luoghi umidi, fino a 1000 metri di quota.

Nel 2012 Giorgio Perazza, assieme ad altri studiosi italiani di orchidee, ha descritto una nuova sottospecie: Liparis loeselii nemoralis, che vive in ambienti boscosi ed è conosciuta solo per una decina di località tra Veneto e Friuli, per un totale di circa 500 esemplari in tutto. Le due località venete si trovano entrambe in Val Canzoi (Cesiomaggiore, in provincia di Belluno), alle porte del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi ma all’esterno dei suoi confini.

Su iniziativa del botanico Cesare Lasen, nei giorni scorsi, un agguerrito gruppo di “cacciatori di orchidee”, coordinato dallo stesso Prof. Lasen e formato da appassionati botanici del GIROS (Gruppo Italiano per la Ricerca sulle Orchidee Spontanee), personale del CTA del Corpo Forestale dello Stato e del Parco Nazionale, ha deciso di cercare la rara orchidea nella parte di Val Canzoi inclusa nell’area protetta.

La ricerca è stata coronata da successo e Alberto Scariot ha “scovato” un esemplare di Liparis, aumentando così il già elevato numero di specie di piante note (attualmente sono oltre 1370) all’interno dei confini amministrativi del Parco Nazionale.

Una ricerca non facile, dato che la Liparis non è certo un’orchidea appariscente, a differenza della maggior parte delle altre specie della stessa Famiglia, note per la straordinaria bellezza dei loro fiori. Alta da 8 a 20 centimetri, Liparis loeselii ha due foglie di forma ovata, allungate, e un unico fusto che porta piccoli fiori verdi-giallastri.

Liparis loeselii è inserita nella “Lista rossa delle piante italiane minacciate di estinzione” e nell’allegato II della Direttiva europea “Habitat”, nata per tutelare gli ambienti e le specie animali e vegetali a rischio di scomparsa.

Nel corso della stessa “spedizione” è stata scoperta, sempre all’interno del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, anche una nuova stazione di un’altra orchidea: la molto più nota e appariscente “pianella della Madonna” (Cypripedium calceolus). Anche questa orchidea, che vive soprattutto in boschi radi e cespuglieti, pur essendo più comune della Liparis e a minor rischio di scomparsa, è inserita nella Lista rossa della flora italiana.

Gli esiti di questa ricerca confermano ancora una volta la ricchezza del territorio di un Parco che, seppure esplorato da decenni, riserva sempre nuove sorprese agli studiosi che decidono di indagare la sua straordinaria biodiversità.

Questi fiori, come tutti gli altri che vivono nel Parco, ovviamente non si possono raccogliere, poiché, come diceva Aldo Capitini: “solo il fiore che lasci sulla pianta è tuo“.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende