Home » Comunicati Stampa » Ambiente festival spegne i riflettori e accende l’entusiasmo:l’appuntamento è per il 2010:

Ambiente festival spegne i riflettori e accende l’entusiasmo:l’appuntamento è per il 2010

novembre 2, 2009 Comunicati Stampa

Courtesy of www.ambientefestival.itRimini, 2 novembre 2009. Si conclude oggi, con l’inaugurazione di ottanta nuove biciclette per il servizio bike
sharing offerto dal Comune di Rimini, la prima esperienza di Ambiente festival, la
festa dell’ambiente e del consumo etico voluta dall’Assessorato alle politiche
ambientali ed energetiche del Comune di Rimini e da Rimini Fiera.

Dodici giorni di appuntamenti gratuiti in giro per la città: mostre, giochi, laboratori,
spettacoli, percorsi didattici, incontri, dibattiti e mercato etico hanno animato le piazze
del centro storico, offrendo alla cittadinanza e agli ospiti provenienti da tutto il mondo
anche per la fiera Ecomondo un programma ricco di spunti di riflessione, di occasioni
per trovare uno sguardo nuovo sulle cose, di strumenti per imparare e di momenti
per divertirsi.

Sono stati oltre 8.500 i bambini, provenienti da tutto il Nord Italia che hanno
prenotato e partecipato ai laboratori organizzati dal Festival, ai quali si aggiungono
quasi 5.000 persone distribuite su tutte le location allestite per la manifestazione.
Ottima riuscita per le mostre d’arte e per la mostra del Ministero dell’Ambiente
“Design italiano per la sostenibilità”, e grande successo per tutti gli allestimenti
della sala dell’Arengo, degli spazi di Ecomia, la fiera dell’economia solidale e
responsabile, della boutique etica e della Sala Archi mare, dove si sono svolti molti
degli incontri.
Grazie all’ingegno e alla capacità degli artisti e degli architetti che hanno collaborato
al progetto, (Manolo Benvenuti, Fethi Atakol e Filippo Bartolini), di ricreare con
arte e maestria arredi e allestimenti, partendo da prodotti naturali e da materiali
rigenerati, questi spazi funzionali sono stati essi stessi una parte fondamentale del
Festival, che ha puntato sulla sostenibilità in tutte le sue espressioni (100% energia
verde grazie a Multiutility, impiego di carta riciclata per la stampa di tutti i materiali di
comunicazione, materiali riciclati per allestimenti e arredi).

Educazione, felicità ed ecologia del cittadino è lo slogan di questo Festival. E su
questi tre capisaldi ha puntato tutta la manifestazione. “Con esiti assolutamente
soddisfacenti – commenta Andrea Zanzini, Assessore alle politiche ambientali ed
energetiche del Comune di Rimini – siamo riusciti, infatti, a offrire a migliaia di bambini
gli spazi cittadini per imparare ad amare e conoscere l’ambiente, abbiamo invitato
ospiti di fama internazionale per spiegare come trasformare, nella vita quotidiana,
comportamenti responsabili in comportamenti che ci fanno stare bene, abbiamo
provato a raccontare l’ambiente e l’ecologia con un linguaggio nuovo, aperto, diretto
e coinvolgente. In questo senso, l’Assessorato all’Ambiente ha presentato e dato
avvio durante il Festival a diversi progetti per la Città di Rimini, come ad esempio ‘100
impianti fotovoltaici’, l’ampliamento del ‘Bike sharing’, ‘L’Agenzia per l’Energia
Sostenibile’ e l’etichettatura energetica di tutte le scuole comunali”.

Ambiente festival ha ospitato personaggi nazionali e internazionali che hanno fatto di
una nuova cultura del vivere etico la propria missione: Leo Hickman, giornalista del
Guardian e autore di “Ultima chiamata”, Maurizio Pallante, fondatore del Movimento
per la decrescita felice e autore del libro “La felicità sostenibile”, Tristram Stuart,
giovane scrittore inglese impegnato nel fermare lo scandalo del cibo sprecato e
autore del libro “Sprechi”, appena uscito in Italia per Mondadori, e poi personaggi di
primo piano come Lorenzo Pinna, Walter Ganapini, Chicco Testa, Enrico
Loccioni e tanti altri venuti per incontrare il pubblico e parlare in maniera semplice e
diretta di che cosa significano emergenza rifiuti, energia nucleare, abitare sostenibile.

In tutto 80 ospiti, 100 eventi, un’ottantina di articoli usciti sulla stampa, interviste per
radio e tv, locali e nazionali, 7.000 programmi distribuiti, centinaia di amici e di fans
su Facebook, sul sito e sul blog di Ambiente festival. E ancora il sostegno di Ecomia
e delle associazioni di Volontarimini, che hanno contribuito al successo della
manifestazione con la partecipazione di circa 40 gruppi associativi e oltre 1.000
famiglie dei Gruppi di Acquisto Solidale di Rimini.
“Segno che la voglia di una nuova cultura ambientale, positiva e generativa, c’è -
dichiara Daniele Vignatelli, fondatore di Anima Mundi e referente di Ambiente
festival per le associazioni territoriali coinvolte nella manifestazione – si tratta forse di
lavorare di più sull’integrazione indispensabile delle diverse forze e delle diverse
istanze che stanno dietro a questa cultura, mettendo insieme sempre di più, e meglio,
le esperienze, le eccellenze e i bisogni di cittadini, imprese, amministrazioni locali e
mondo della scuola e della ricerca”.

Chi deve farsi carico della promozione di una nuova cultura ambientale? La scuola, le
amministrazioni locali, le organizzazioni non profit, lo stato. Tuttavia senza l’aiuto e
l’esperienza del mondo delle imprese queste iniziative popolari non sarebbero
possibili.
“Un grazie particolare, oltre al Comune di Rimini, va infatti alle aziende – afferma
Simone Castelli, direttore Business Unit Rimini Fiera – Quest’anno Ambiente festival
ha avuto il sostegno delle principali realtà locali, come Hera, e anche di piccole ma
significative realtà emergenti come Ubisol. Grandi nomi internazionali come Ikea e
Telecom Italia, e le maggiori realtà impegnate sul territorio nel settore ecologia e
ambiente hanno scelto di aderire a questo progetto, grazie anche all’esperienza
consolidata di Ecomondo e di Rimini Fiera. Dunque un evento popolare e riuscito,
con lo stesso successo che Ecomondo ha avuto e mantiene nel settore business e
professionale dell’ambiente”.

L’appuntamento dunque è al 2010. Con progetti, idee e iniziative su cui si lavorerà
tutto l’anno e che coinvolgeranno il pubblico in tutte le fasi attraverso i social media.
“Il primo passo compiuto quest’anno con Ambiente festival ci incoraggia ad andare
avanti – conclude l’Assessore Andrea Zanzini – Certo, molto resta da fare, anche sul
piano della completezza dei temi da trattare e del coinvolgimento pieno del territorio,
ma il Festival è stata anche l’occasione per condividere nuovi e futuri progetti, a cui
vorremmo dare seguito il prossimo anno”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende