Home » Comunicati Stampa » Andrea Da Ponte, una distilleria “illuminata” per natura:

Andrea Da Ponte, una distilleria “illuminata” per natura

febbraio 24, 2012 Comunicati Stampa

Posta nella suggestiva cornice della conca di Corbanese di Tarzo (TV), la Distilleria Andrea Da Ponte persegue da anni l’obiettivo di coniugare i canoni della tradizione, dettati dal Metodo Da Ponte, con tecnologie sempre più all’avanguardia, per il risparmio energetico e la riduzione dell’impatto ambientale dello stabilimento.

L’espressione ultima, in ordine di tempo, dell’impegno dell’azienda è l’impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, di recente costruzione, integrato con la copertura del tetto dei magazzini di invecchiamento dello stabilimento.

 

L’impianto, di 740 mq, si compone di 454 pannelli fotovoltaici in silicio policristallino, che garantiscono le migliori prestazioni elettriche nel periodo estivo. La considerevole estensione garantisce una produzione annua di energia elettrica pari a circa 112.000 KWh. Di questi, quasi il 70% alimenta l’intero stabilimento e permette un abbattimento dell’emissione di gas serra pari a circa 70 tonnellate annue, mentre il restante 30% viene immesso nella rete locale.

L’onere iniziale, legato all’installazione di questo impianto di ultima generazione, sarà ripagato, in termini economici, con un consistente recupero di risorse finanziarie, che potranno essere investite nei processi di invecchiamento della grappa e nella ricerca continua di qualità dei prodotti, costituendo, in questo modo, non un mero costo, ma un investimento competitivo.

Ma l’impianto fotovoltaico è solo l’ultima delle iniziative che la Distilleria Andrea Da Ponte ha attuato negli anni, intuendo, prima di altri competitors, l’importanza di una gestione ecocompatibile della propria produzione.

 

Risale infatti al 1983 l’installazione di caldaie a biomassa, alimentate da farina di vinaccioli, bucce d’uva e farine essiccate, recuperate per la produzione di vapore utilizzato nel processo di distillazione. L’impianto, ancora oggi operativo circa 120 giorni all’anno, da settembre a gennaio, trasforma quindi i prodotti vegetali di scarto in combustibile, impiegato per la creazione dell’energia necessaria al funzionamento dell’attività aziendale.

Nel 1986 viene invece messo a regime un impianto per il recupero energetico dei vapori alcolici, generati durante il processo di distillazione, dalla cui condensazione si ottiene il calore necessario al riscaldamento dell’ acqua che circola negli impianti di riscaldamento dei reparti di confezionamento e imbottigliamento.

E ancora, nel 1989, viene installato il depuratore delle acque con produzione di biogas: le acque reflue provenienti dai cicli di lavorazione dello stabilimento, inviate a un impianto di depurazione, producono attraverso la rifermentazione un biogas utilizzato interamente per il riscaldamento degli uffici. La produzione non eccedente di biogas consente dunque di avere un impatto ambientale di questa fonte energetica quasi nullo.

Nel 1994, infine, si interviene sulla riduzione dell’inquinamento dell’aria, attraverso l’installazione di un depuratore di fumi con filtri elettrostatici.

Dallo scorso anno la distilleria ha raggiunto il bilancio energetico dello stabilimento, con un surplus energetico messo a disposizione della comunità locale, a conferma dello stretto rapporto con il territorio circostante, quello della D.O.C.G. Conegliano Valdobbiadene, a cui la Distilleria Andrea Da Ponte deve la qualità dei propri prodotti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende