Home » Comunicati Stampa »Eventi »Idee » Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale:

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017 Comunicati Stampa, Eventi, Idee

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR (Antimicrobial Resistance), nonché le misure previste a livello locale, nazionale e comunitario per fronteggiare l’emergenza.

La prima slide del convegno è stata mostrata dal Dr. Calzetti, infettivologo ed epatologo presso l’Ospedale Regionale di Parma, il quale ha evidenziato come nel 2050 l’AMR non solo sarà la prima causa di morte animale, ma una piaga ben 14 volte superiore al numero attuale. Eppure gli investimenti dell’industria farmaceutica nella ricerca – in funzione della redditività nel segmento degli antibiotici – restano tra i più bassi del mercato globale del “Farma”. E l’Italia, insieme a Turchia e Grecia, si contende la maglia nera nella lista delle AMRs di alcuni batteri pericolosi verso molecole considerate fino ad oggi molto efficaci, come ad esempio quelle appartenenti alla classe dei carbapenemi.

L’Italia, spiega Calzetti, secondo le stime dell’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo (OCSE) è un eccellenza per molti aspetti della vita quotidiana in generale, ma pecca clamorosamente su tre punti: alta percentuale di fumatori; alto inquinamento dell’aria; alte prescrizioni di antibiotici, sia in ambito umano che animale. Per prevenire l’AMR sarebbe quindi necessario seguire alcuni step, il primo dei quali è, secondo l’infettivologo, la vaccinazione. Ad avvalorare questa affermazione sarebbe uno studio del 2016 in cui si mostra che l’uso esteso del vaccino coniugato contro lo pneumococco potrebbe ridurre del 47% l’uso dell’antibiotico conseguente a questa infezione.

I Prof. Bertini, Quintavalla e Ossiprandi, del Dipartimento Scienze Mediche Veterinarie dell’Università di Parma, hanno poi approfondito gli aspetti dell’AMR in medicina veterinaria, sia negli animali da reddito che negli animali d’affezione, con particolare enfasi riguardo al basso livello di consapevolezza raggiunto dai consumatori europei sui rischi per la salute umana connessi alla AMR negli animali da produzione alimentare, proprio mentre da veterinari e allevatori arriva la percezione di un calo di efficacia degli antibiotici in suini e pollame.

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA), oltre ad emanare dettagliate liste di farmaci ad alto, medio e basso rischio di AMR, starebbero invece cercando di semplificare il lavoro degli operatori indicando alcuni passaggi di facile interpretazione, secondo il concetto dell 3R: REDUCE, ovvero ridurre l’uso di antimicrobici al minimo necessario; REPLACE: sostituirli con misure alternative (es. vaccinazioni, quarantena, probiotici); RETHINK: ripensare il sistema di allevamento e investire sulla prevenzione.

Anche gli ispettori ASL intervenuti al convegno – e incaricati dalla legge italiana di far rispettare le regole, a tutela degli animali e del consumatore – hanno invitato i veterinari ad assumersi le proprie responsabilità nei confronti di un problema già previsto da Fleming nel momento in cui inventò la penicillina: la resistenza agli antibiotici. Per questo il PNCAR (Piano Nazionale di Contrasto dell’AMR) prevede, nel triennio 2017-2020 una riduzione di almeno il 30% di consumo di antibiotici.

L’esito dell’attività di controllo sul consumo di antibiotici, su 121 allevamenti della regione Emilia Romagna (presentato dalla Dott.ssa Norma Arrigoni), dimostra, d’altra parte, come al raggiungimento del valore medio siano responsabili pochi allevamenti che usano tantissimo antibiotico e che basterebbe agire su quelli per abbassare radicalmente il valore. Da questa analisi nasce il progetto PSR (2016-2019) a cui partecipano, oltre all’IZSLER, l’Università di Bologna, 3 caseifici e 61 allevamenti bovini, il cui obiettivo è quello di costruire un percorso per la razionalizzazione/riduzione del 20% dell’uso degli antibiotici nella filiera bovina da latte, monitorando oltre al consumo di antibiotici altri 2 fattori indispensabili: il benessere animale e la biosicurezza.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende