Home » Comunicati Stampa » Padova sede della Biennale Internazionale di architettura urbana:

Padova sede della Biennale Internazionale di architettura urbana

ottobre 28, 2011 Comunicati Stampa

 

È ancora una volta il Palazzo della Ragione la cornice scelta per la mostra della Biennale internazionale di Architettura “Barbara Cappochin”, in programma a Padova dal 27 ottobre 2011 al 13 febbraio 2012. “SUPERURBANO. RIGENERAZIONE URBANA SOSTENIBILE”, questo il titolo, è il racconto di 19 esperienze di riqualificazione e rinnovo urbano in chiave sostenibile realizzate in diverse città del mondo: da Milano a Copenaghen, da Siviglia a Tripoli, e ancora Torino, Nantes, Vienna, Madrid, Medellin, Seul, New York, Dublino, Barcellona.

Esempi assunti a modello di quella che dovrà essere la città del futuro: sostenibile, intelligente, inclusiva, categorie ispirate alle linee guida proposte dal documento europeo “Europa 2020. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”. Progetti realizzati in contesti socioeconomici e culturali anche molto diversi tra loro, che si caratterizzano per l’essere costruzioni aperte e condivise, intrinsecamente connesse al paesaggio e al territorio circostante.

La mostra, a cura di Andrea Boschetti con Grammatiche Metropolitane, è frutto del progetto di allestimento ideato da Alberto Francini (METROGRAMMA) e Michele De Lucchi (AMDL) e realizzato da Ar.te.

A rappresentare la città sostenibile, il giardino pubblico Foundries’ Gardens di Nantes (Francia), un’area botanica di 3.200 mq ospitata nei padiglioni ristrutturati della vecchia fonderia; Elm Park, complesso di edifici a uso pubblico e privato progettato per essere il “polmone verde” della capitale irlandese Dublino, grazie all’utilizzo di tecniche architettoniche e materiali costruttivi che ne minimizzano l’impatto ambientale e il consumo energetico; la High Line di New York, nata dalla trasformazione di una struttura industriale dismessa in un parco verde a dieci metri dal suolo. E ancora, la Ewha Womans University di Seul (Corea del Sud), che ha creato all’interno del campus universitario una grande area verde per il ritrovo delle giovani studentesse; il Green Belt a Tripoli (Libia), 700 ettari di cintura verde metropolitana intorno al cuore della città; infine, il Brooklyn Bridge Park (Stati Uniti), in corso di realizzazione, che avrà l’obiettivo di preservare il lungofiume dell’East River grazie a sistemi di raccolta dell’acqua piovana e al reimpiego di materiali recuperati.

Modelli per la città intelligente sono invece: il Digital Water Pavilion di Saragozza (Spagna), progettato in occasione dell’Expo 2008, in cui, grazie all’uso dell’acqua come elemento architettonico, è stato possibile creare un piacevole microclima eliminando completamente l’uso dell’aria condizionata. Un’altra città spagnola, Madrid, sarà presente con il singolare progetto dell’ “albero-aria” Ecoboulevard, una struttura leggera e smontabile, costruita per lo più con materiali riciclati, che utilizza pannelli fotovoltaici per creare energia elettrica e illuminare gli spazi circostanti; e con il Madrid Rio, un parco lineare che costeggia per più di dieci chilometri il fiume Manzanarre, con 8.360 alberi e numerosi percorsi pedonali e ciclabili sorti al posto di una vecchia circonvallazione. In questa sezione anche il Prada Transformer a Seul, padiglione rotante a quattro facce di diversa forma, pensato per ospitare sfilate, mostre e rassegne di cinema, e due esperienze italiane: il quartiere Portello a Milano, oggetto di una riqualificazione delle aree a ridosso dell’ex edificio fieristico, diventate ora spazi pubblici (due piazze e un parco urbano) collegati da una rete di percorsi pedonali; e, sempre a Milano, il Maciachini Business Park, progetto che ha trasformato l’area industriale della storica casa farmaceutica Carlo Erba in uno spazio che oggi accoglie un teatro, un museo di marionette e burattini, una grande palestra con piscina, negozi e ristoranti.

Quali esempi di città inclusiva, la mostra porta infine in scena? Il Piano di urbanistica sociale per la rivitalizzazione dei quartieri più degradati di Medellin, in Colombia, dove sono stati realizzati spazi ed edifici a servizio della comunità (biblioteca, giardino botanico, centro culturale, museo della tecnologia); il Superkilen Master Plan di Copenaghen, che ha creato nel quartiere più multiculturale della Danimarca una piazza di 800 mq in cui gli elementi architettonici e i colori omaggiano le 60 nazionalità che qui vivono e lavorano; il South east coastal Park, invece, ha portato sulla spiaggia di Barcellona (Spagna) un auditorium, spazi per attività e attrazioni all’aperto. E ancora, la Christus Church di Vienna; il Caixa Forum a Madrid (Spagna), edificio che ospita l’omonimo museo e centro culturale nell’ex stazione di conversione dell’energia elettrica; il Metropol Parasol, spazio coperto nel centro storico di Siviglia (Spagna), destinato alla vita sociale di cittadini e turisti. Infine, un’altra esperienza italiana, il torinese Centro polifunzionale Snos, sorto nell’area delle Officine Savigliano e affacciato sul parco del fiume Dora, che oggi accoglie attività commerciali, ristoranti e unità abitative.

La mostra è pensata come una scena teatrale, in cui si propone in forma allegorica uno spaccato di città del futuro entro cui il visitatore può muoversi, vedere, imparare e interagire. Grazie a un sofisticato progetto multimediale (a cura di Dotdotdot), il pubblico entra virtualmente nelle diverse realtà rappresentate dai singoli progetti, attraverso una sorta di labirinto sensoriale fatto di suoni, voci e rumori, che lo accompagnano all’interno di una città ideale dal forte impatto scenografico. Le tre torri-edifici principali accolgono al loro interno scorci urbani raccontati attraverso un’interfaccia dinamica e interattiva, che lascia il visitatore libero di fruire dei contenuti video riguardanti i progetti in esposizione.

La mostra è aperta al pubblico dal 27 ottobre al 13 febbraio 2012. E per tutti i tre mesi di durata, il tema della rigenerazione urbana sostenibile sarà al centro di momenti di confronto e dibattito tra architetti, urbanisti, economisti, giuristi, amministratori, sociologi. Venerdì 28 ottobre al PALAGEOX di Padova, una conferenza internazionale intitolata, appunto, “Idee per la rigenerazione urbana sostenibile aprirà la riflessione, alla presenza di autorità ed esperti.

Fa parte della Biennale Cappochin anche il grande “Tavolo dell’architettura”, la tradizionale “vetrina” che espone i migliori progetti selezionati nell’ambito del Premio internazionale “Barbara Cappochin” (vinto quest’anno da Fabrizio Barozzi e Alberto Veiga per il progetto del nuovo Centro di promozione della D.O.C. “Ribera del Duero” a Roa, in Spagna). La struttura, il cui progetto porta  la firma di Michele De Lucchi, è realizzata da Ar.te e sarà visitabile fino al 13 febbraio 2012 a Padova, nella centrale piazza Cavour.

La Biennale “Barbara Cappochin” è  promossa dalla Fondazione “Barbara Cappochin” e dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Padova insieme al Comune di Padova e realizzata in collaborazione con la Regione Veneto, l’Unione Internazionale degli Architetti (U.I.A.) e il Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (C.N.A.P.P.C.).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende