Home » Comunicati Stampa » Art’Ambiente Light & Recycle:

Art’Ambiente Light & Recycle

dicembre 15, 2009 Comunicati Stampa

Art'AmbienteAlla fine degli Anni Sessanta inizio Anni Settanta la parola ecologia fa ufficialmente il proprio ingresso nel campo dell’informazione e si incomincia a parlare, con frequenza, del danno e delle alterazioni che il nostro sistema occidentale di vita, di produzione e di consumo, esportato ormai in tutto il mondo, arreca all’ ambiente. Negli stessi anni, non è forse un caso, anche il panorama artistico contemporaneo muta sostanzialmente, introducendo ufficialmente per la prima volta il termine “ambiente” anche per specifiche categorie di opere artistiche. La grande rivoluzione che all’inizio del secolo XX ha modificato completamente il punto di vista artistico introducendo grazie alle scoperte di Einstein, il concetto di quarta dimensione anche nell’opera d’arte, torna a verificarsi, ma secondo nuovi principi e nuove modalità espressive.

E’ sempre il concetto di spazio a venir posto sotto inchiesta. Ma se, nel primo caso, si trattò di apportare al suo interno la modifica sostanziale di un’ inestricabile connessione dello spazio e del tempo, questa volta si tratterà di includervi, definitivamente, quello di organismo vivente, di sistema complesso a cui contribuiscono discipline diverse: chimica, fisica, biologia, scienze della terra, integrandosi al suo interno come in una “casa” – oixos in greco: casa, ambiente -, da cui “eco”.

Dal simbolico spazio eterno dell’arte al modo in cui l’arte, secondo i propri processi operativi, diviene capace di integrare conoscenze filosofico-scientifiche con pratiche e comportamenti che rendano più facile, anche allo spettatore, porsi problemi altrimenti relegati nella teoria – in quanto oltremodo complessi e fuori dalla comune portata – rendendoli praticabili e più facilmente applicabili.

I nomi di Duchamp, Beuys, Klein, marcano questo nuovo territorio all’estero, quali pionieri, come da noi quelli di Manzoni, Zorio, De Dominicis, Pisani. Prima metà del secolo scorso e seconda metà a confronto. L’avanguardia – in particolare cubista, futurista, costruttivista e dadaista – aveva già gettato le basi, sia dell’ampliamento dello spazio interno all’opera, con l’integrazione di frammenti di mondo esterno – come nel collage e nel polimaterismo cubista e futurista – sia di un coinvolgimento totale dell’ambiente con azioni, parole e suoni che lo attraversavano da cima a fondo – come nello Spettacolo futurista e nel Cabaret dadaista – trasformandolo in un vero campo di battaglia. Ma Surrealismo, New-dada, Fluxus, Arte Povera e Ambientale con i loro insostituibili gesti, happening, performance, installazioni, toccano l’acme di nuove concezioni, ormai molto vicine alle moderne teorie di campo, sia in fisica quantistica che in psicologia sociale, ovvero a un porsi contestualmente dinanzi alla totalità dei fatti coesistenti nella loro interdipendenza, fuor da qualsiasi presunzione di scomposizione delle singole parti e incline, invece, ad analisi di totalità e casualità circolari, come nell’ esperienza ecologica ed ecosistemica a diversi livelli.

Bisogna, dunque, ripartire da qui anche oggi, in piena “società liquida” – per dirla con Zigmund Bauman – per ritrovare forse la più antica e attuale fra le motivazioni dell’arte, quella a modificare l’ambiente, riportandolo dal caos al cosmos, con il suo esemplare antiutilitarismo, con il suo essere al di là di ogni speculazione, che non costituisca puro modello di riflessione e non solleciti spinte urgenti al cambiamento di un sistema economico sociale in senso sempre meno fittizio e sempre più praticamente terapeutico per l’anima ed il corpo umano, minacciati di estinzione. Largo a chi voglia, con la gratuità di gesti leggeri, non per questo meno seri, come quelli della creazione artistica, rintracciare nuove vie per comunicare le ormai imprescindibili necessità di tutto il pianeta.

Esposizione Mostra

dal 16 al 17 Dicembre 2009                Orario : 10 – 20                 Ingresso libero

Roma, Centro Storico – Piazza San Lorenzo in Lucina, 41 presso Spazio Etoile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende