Home » Comunicati Stampa »Eventi »Progetti » GDF SUEZ e Cisco lanciano “City Protocol” per la certificazione delle smart city:

GDF SUEZ e Cisco lanciano “City Protocol” per la certificazione delle smart city

agosto 31, 2012 Comunicati Stampa, Eventi, Progetti

I rappresentanti di oltre 30 città, di varie organizzazioni ed università hanno preso parte ad un incontro internazionale organizzato dalla municipalità di Barcellona, da GDF SUEZ e da Cisco allo scopo di lanciare e condividere i criteri di realizzazione di City Protocol: un primo sistema di certificazione per le smart city, che possa essere adottato da qualsiasi città nel mondo.

I partecipanti all’evento, intitolato ”Building Better Cities Together”,  si sono confrontati  su come creare una metodologia di semplice utilizzo per l’innovazione delle città; la definizione di standard, l’integrazione delle piattaforme, lo sviluppo di tecnologie e soluzioni ad hoc sono elementi che possono aiutare ad utilizzare in modo efficiente le risorse e a garantire la sostenibilità economica, sociale, ambientale delle smart city.

City Protocol sarà presentato in occasione di SmartCity Expo, che si terrà a Barcellona dal 13 al 15 novembre prossimo.

L’iniziativa nasce nel contesto dell’accordo che, dallo scorso marzo, lega Cisco e la città di Barcellona, prevedendo la realizzazione di diversi progetti di valore strategico, quali l’adozione, nella città, della piattaforma Cisco Smart+Connected Community, con l’obiettivo primario di fare di Barcellona un modello di riferimento per  sviluppo urbano sostenibile.

Dal momento che è  sempre più necessario un cambiamento radicale nella pianificazione urbanistica, per accelerare la trasformazione delle città, City Protocol stabilirà un quadro di riferimento per raggiungere questo obiettivo. City Protocol è un infatti framework operativo aperto, globale e in continuo sviluppo, che permette alle città di tutto il mondo di valutare e di migliorare il proprio livello di sostenibilità ambientale, di competitività economica, di qualità della vita e di servizi al cittadino; obiettivo che può essere raggiunto innovando e mettendo in pratica nuovi modelli di gestione della città, creando nuovi modi per coinvolgere la società civile, sfruttando pienamente le tecnologie ICT.

Il nuovo sistema di certificazione fornirà strumenti per il reporting, includerà la definizione di standard e di sistemi di certificazione e si occuperà anche della definizione dei servizi; comprenderà best practice e suggerimenti operativi per rendere le città più innovative e sostenibili. Tutto ciò sarà reso possibile dall’applicazione dell’ICT nei più vari ambiti, quali la gestione delle informazioni, la comunicazione, l’energia, la mobilità, le costruzioni, la gestione dei rifiuti. Governi, istituzioni locali, responsabili di progetti di sviluppo urbano potranno applicare il protocollo, per trasformare i centri urbani in città intelligenti. La città di Barcellona, ben nota come esempio di città innovativa e intelligente, ha guidato l’avvio di questo progetto, essendo un esempio concreto dell’applicazione di soluzioni smart.

Nello stesso modo in cui la creazione dell’Internet Protocol ha dato forma allo sviluppo iniziale di Internet, il City Protocol sarà discusso e sviluppato a livello internazionale, impostando un protocollo evolutivo che veda l’accordo di una comunità globale. Offrirà vantaggi nelle città e per i rapporti fra di esse, indirizzando lo sviluppo urbano in un modo integrato e sistemico.

Sarà creata una organizzazione non profit, chiamata City Protocol Society, con l’obiettivo di garantire una partecipazione aperta. Seguirà il modello della Internet Society e accoglierà rappresentanti di università, centri di ricerca, aziende e cittadini di varie città. I suoi obiettivi saranno definire, sviluppare e promuovere il City Protocol. Partecipando a questo processo, le città avranno vantaggi e reali miglioramenti; le aziende comprenderanno meglio la struttura e la gestione delle città per meglio collaborare con esse; le istituzioni educative, i centri di ricerca ed anche organizzazioni non profit potranno invece studiare in modo più dettagliato i problemi delle città e proporre soluzioni.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende