Home » Comunicati Stampa » Barriere coralline: un paradiso… perduto?:

Barriere coralline: un paradiso… perduto?

dicembre 7, 2010 Comunicati Stampa

fondali, courtesy of Key of life Flickr.comAllarme clima per la Barriera Corallina Mesoamericana, la più estesa dell’emisfero occidentale, che genera da sola oltre 5 miliardi di dollari in attività economiche l’anno per paesi come Messico, Belize, Guatemala e Honduras. Il bilancio di questo paradiso naturale lo ha fatto il WWF, nel mezzo del vertice sul clima che si sta svolgendo proprio in questi giorni a Cancun, in Messico.

La Barriera Mesoamericana è considerata uno degli ecosistemi marini biologicamente più produttivi al mondo. Purtroppo è anche uno dei paradisi più minacciati per via dei crescenti impatti dei cambiamenti climatici.  “Ci aspettiamo che i ministri, appena giunti al Summit di Cancun, siano arrivati con una buona dose di volontà perché gli effetti dei cambiamenti climatici in corso sono enormi e colpiscono i Paesi più vulnerabili, come quelli delle coste caraibiche” ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile energia e clima del WWF Italia presente al vertice.

La Barriera Corallina Mesoamericana attrae, infatti, più di 8 milioni di turisti l’anno e le attività economiche connesse, prevalentemente turismo e pesca, sono esposte a rischi diretti derivanti dai cambiamenti climatici. Inoltre tempeste, alluvioni e l’erosione della costa minacciano la sicurezza e la sopravvivenza dei 2 milioni di abitanti della regione, oltre al processo di sviluppo delle infrastrutture lungo le coste.

La Tufts University ha calcolato il  costo annuale dell’inazione nel contrastare gli impatti climatici nei Carabi: circa 10,7 miliardi di dollari da qui al 2025, e 21,9 miliardi di dollari entro il 2050, ovvero rispettivamente  il 5 e il 10,3% del PIL della regione.

Tra i paesi più colpiti ci sarà il Messico, paese ospite del vertice clou sul clima del 2010: recenti analisi hanno dimostrato che le temperature molto elevate non confortevoli o le crescenti condizioni di carenza di acqua dolce, oltre alla sempre maggiore intensità degli uragani, si tradurranno in danni alle infrastrutture e in una riduzione dei flussi turistici nella regione.

Il livello del mare in aumento e le temperature crescenti della superficie delle acque stanno innescando cambiamenti significativi che provocano un impatto negativo sui vari habitat costieri che compongono la Barriera Corallina Mesoamericana: estuari, spiagge, fiumi costieri, mangrovie, praterie di  alghe e zone umide costiere.

I cambiamenti climatici si stanno manifestando nell’area principalmente sotto forma di sbiancamento del corallo e uragani più forti della norma che amplificano le minacce esacerbando gli effetti degli altri fattori di stress come l’eccesso di prelievi di specie animali, l’inquinamento derivante dalle attività agricole e gli insediamenti turistici gestiti in modo non sostenibile.

Le acque più calde stanno contribuendo alla formazione di tempeste più violente e uragani più intensi che traggono energia proprio dalle elevate temperature della superficie del mare. Inoltre, sono in crescita le tempeste  e le precipitazioni elevate e questo, abbinato all’innalzamento progressivo del livello del mare, minaccia direttamente le risorse di acqua dolce costiere a causa dell’intrusione di acqua salata nelle falde. La regione sta inoltre registrando altri impatti connessi al clima come la maggiore incidenza delle invasioni di insetti e delle epidemie, delle alluvioni e dei vasti incendi che vengono alimentati dalle temperature più elevate che si alternano a periodi di intensa siccità. Gli effetti dei cambiamenti climatici abbinati ad altri fattori di stress di origine umana  stanno avendo effetti devastanti sugli ecosistemi marini e terrestri nella regione.

Le iniziative in difesa della Barriera Corallina Mesoamericana si traducono in progetti finalizzati ad aiutare la regione ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici, in particolare attraverso la protezione delle barriere coralline, la promozione dello sviluppo sostenibile delle aree costiere e la protezione delle mangrovie, per garantire l’aumento della loro resistenza ai cambiamenti climatici attraverso la collaborazione con i residenti locali. Inoltre, il WWF sta sviluppando nuove partnership tra pubblico e privato nel tentativo di coinvolgere una sempre più vasta gamma di attori interessati che potranno svolgere un ruolo più attivo nella protezione delle barriere coralline.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende