Home » Comunicati Stampa »Green Economy »Idee » Behind Energy analizza la voce del web sul caso “trivelle”. 99%dei tweet contrari alle estrazioni:

Behind Energy analizza la voce del web sul caso “trivelle”. 99%dei tweet contrari alle estrazioni

Nell’ultimo mese la vicenda delle autorizzazioni concesse dal Governo ai progetti di estrazione petrolifera nei mari italiani ha scatenato una forte reazione sul web. È quanto emerge dall’analisi di Behind Energy, portale sui veri costi dell’energia, prodotta da a Twig, società esperta di data mining.

Su Twitter i principali hashtag del dibattito sulle trivelle sono diventati trend in diverse occasioni nel corso del mese di gennaio (#notriv 9 gennaio, #trivelle 20 gennaio, #electionday 26 gennaio).

Un’analisi di oltre 40.000 tweet pubblicati da circa 13.000 utenti ha evidenziato un sentiment decisamente negativo nei confronti delle trivellazioni: al netto dei tweet neutrali (rappresentati in primis da notizie di media) il 99% dei tweet esprime opinioni contrarie alle estrazioni.

Centro del dibattito su Twitter è stata la questione del referendum sulle trivelle promosso da 9 Consigli di Regione; ne parla il 42% dei tweet. Ed è proprio nei giorni in cui arrivano le notizie sull’iter di approvazione del Referendum che si registrano i picchi di attenzione più alti degli utenti – l’ultimo in occasione della decisione del Governo di fissare la data del Referendum al prossimo 17 Aprile.

Gli hashtag e le parole più utilizzate dagli utenti confermano il clima d’opinione negativo del dibattito, con ‘notriv’ (“no trivelle”, sigla del coordinamento nazionale contro lo sfruttamento delle fonti fossili) che compare nel 16% dei tweet analizzati e ‘election day’ (la richiesta non accolta di accorpare in un’unica giornata il voto per referendum ed elezioni amministrative) nel 19%. Il dissenso digitale articolato intorno a questi punti si è palesato anche nella forma di due petizioni diffuse dagli attivisti attraverso la piattaforma Change.org, le quali hanno superato ad oggi le 70.000 firme. Non sorprende dunque il fatto che l’account Twitter di Change.org (@ChangeItalia) sia stato il terzo più influente in termini di retweet, menzioni e mi piace ricevuti. Il fronte del no alle trivelle è stato portato avanti con decisione anche da Greenpeace Italia, quarto account più influente nel dibattito su Twitter e promotore dell’iniziativa TrivAdvisor’, finto portale sul turismo petrolifero in Italia.

Il tweet che ha ottenuto la maggiore eco tra quelli analizzati è dello scrittore Erri De Luca che, con toni ironici e provocatori, il 12 gennaio scrive: “Progetto di stupro: trivellazioni nel mare delle Isole Tremiti. Guai al popolo suddito di cretini. Il nostro petrolio è la bellezza” (385 retweet e 303 like). Nessun tweet a favore delle trivelle entra, al contrario, tra i 100 più retweetati – un dato che attesta ancora una volta il volume dell’opposizione online al progetto del governo.

I due account più influenti nei discorsi sulle trivelle sono stati quelli del Premier Matteo Renzi e del Presidente della regione Puglia Michele Emiliano. Da un lato gli utenti hanno fatto appello a Renzi affinché venissero ritirate le autorizzazioni e indetti referendum a riguardo nel giorno delle elezioni amministrative; dall’altro Emiliano è portavoce del fronte di opposizione ai progetti di estrazione, e i suoi tweet ottengono un cospicuo endorsement da parte degli altri utenti.

Tra i 60 utenti più influenti e attivi nel dibattito spiccano gli account di attivisti e ONG (Greenpeace, Legambiente e WWFItalia in primis), a testimonianza della loro volontà di creare mobilitazione dal basso in Rete. Tra i politici, oltre a Renzi ed Emiliano, troviamo Angelino Alfano – anche lui bersaglio dei tweet insieme al premier e, in misura minore, al ministro dello sviluppo economico Federica Guidi – e i Presidenti di Regione del fronte anti trivelle Pietro Lacorazza (Basilicata) e Luca Zaia (Veneto). Presente anche il M5S con il portavoce al Parlamento Europeo Piernicola Pedicini e Luigi Di Maio. Minore del previsto l’attività e l’influenza degli account di media e giornalisti – solitamente tra le primissime posizioni su Twitter – con l’eccezione del Fatto Quotidiano (sesto account più menzionato e retweetato).

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende