Home » Comunicati Stampa »Green Economy »Idee » Behind Energy analizza la voce del web sul caso “trivelle”. 99%dei tweet contrari alle estrazioni:

Behind Energy analizza la voce del web sul caso “trivelle”. 99%dei tweet contrari alle estrazioni

Nell’ultimo mese la vicenda delle autorizzazioni concesse dal Governo ai progetti di estrazione petrolifera nei mari italiani ha scatenato una forte reazione sul web. È quanto emerge dall’analisi di Behind Energy, portale sui veri costi dell’energia, prodotta da a Twig, società esperta di data mining.

Su Twitter i principali hashtag del dibattito sulle trivelle sono diventati trend in diverse occasioni nel corso del mese di gennaio (#notriv 9 gennaio, #trivelle 20 gennaio, #electionday 26 gennaio).

Un’analisi di oltre 40.000 tweet pubblicati da circa 13.000 utenti ha evidenziato un sentiment decisamente negativo nei confronti delle trivellazioni: al netto dei tweet neutrali (rappresentati in primis da notizie di media) il 99% dei tweet esprime opinioni contrarie alle estrazioni.

Centro del dibattito su Twitter è stata la questione del referendum sulle trivelle promosso da 9 Consigli di Regione; ne parla il 42% dei tweet. Ed è proprio nei giorni in cui arrivano le notizie sull’iter di approvazione del Referendum che si registrano i picchi di attenzione più alti degli utenti – l’ultimo in occasione della decisione del Governo di fissare la data del Referendum al prossimo 17 Aprile.

Gli hashtag e le parole più utilizzate dagli utenti confermano il clima d’opinione negativo del dibattito, con ‘notriv’ (“no trivelle”, sigla del coordinamento nazionale contro lo sfruttamento delle fonti fossili) che compare nel 16% dei tweet analizzati e ‘election day’ (la richiesta non accolta di accorpare in un’unica giornata il voto per referendum ed elezioni amministrative) nel 19%. Il dissenso digitale articolato intorno a questi punti si è palesato anche nella forma di due petizioni diffuse dagli attivisti attraverso la piattaforma Change.org, le quali hanno superato ad oggi le 70.000 firme. Non sorprende dunque il fatto che l’account Twitter di Change.org (@ChangeItalia) sia stato il terzo più influente in termini di retweet, menzioni e mi piace ricevuti. Il fronte del no alle trivelle è stato portato avanti con decisione anche da Greenpeace Italia, quarto account più influente nel dibattito su Twitter e promotore dell’iniziativa TrivAdvisor’, finto portale sul turismo petrolifero in Italia.

Il tweet che ha ottenuto la maggiore eco tra quelli analizzati è dello scrittore Erri De Luca che, con toni ironici e provocatori, il 12 gennaio scrive: “Progetto di stupro: trivellazioni nel mare delle Isole Tremiti. Guai al popolo suddito di cretini. Il nostro petrolio è la bellezza” (385 retweet e 303 like). Nessun tweet a favore delle trivelle entra, al contrario, tra i 100 più retweetati – un dato che attesta ancora una volta il volume dell’opposizione online al progetto del governo.

I due account più influenti nei discorsi sulle trivelle sono stati quelli del Premier Matteo Renzi e del Presidente della regione Puglia Michele Emiliano. Da un lato gli utenti hanno fatto appello a Renzi affinché venissero ritirate le autorizzazioni e indetti referendum a riguardo nel giorno delle elezioni amministrative; dall’altro Emiliano è portavoce del fronte di opposizione ai progetti di estrazione, e i suoi tweet ottengono un cospicuo endorsement da parte degli altri utenti.

Tra i 60 utenti più influenti e attivi nel dibattito spiccano gli account di attivisti e ONG (Greenpeace, Legambiente e WWFItalia in primis), a testimonianza della loro volontà di creare mobilitazione dal basso in Rete. Tra i politici, oltre a Renzi ed Emiliano, troviamo Angelino Alfano – anche lui bersaglio dei tweet insieme al premier e, in misura minore, al ministro dello sviluppo economico Federica Guidi – e i Presidenti di Regione del fronte anti trivelle Pietro Lacorazza (Basilicata) e Luca Zaia (Veneto). Presente anche il M5S con il portavoce al Parlamento Europeo Piernicola Pedicini e Luigi Di Maio. Minore del previsto l’attività e l’influenza degli account di media e giornalisti – solitamente tra le primissime posizioni su Twitter – con l’eccezione del Fatto Quotidiano (sesto account più menzionato e retweetato).

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende