Home » Comunicati Stampa »Normative »Prodotti »Prodotti » Bici elettriche: quali sono le regole da rispettare? Breviario per e-bikers:

Bici elettriche: quali sono le regole da rispettare? Breviario per e-bikers

In cosa si differenziano le regole da rispettare per ciclisti tradizionali ed eBiker? È obbligatorio indossare il casco in sella all’eBike? Si possono percorrere le piste ciclabili? È necessario essere patentati? Qual è la normativa sul montaggio delle luci? Bosch eBike Systems, leader di mercato nei sistemi di trazione, ha realizzato una panoramica dei punti principali che regolamentano l’utilizzo dell’eBike.

Partiamo innanzitutto dalle definizioni. Che differenza c’è tra eBike e S-pedelec? La pedelec è, in generale, un veicolo azionato dalla forza muscolare e da un motore elettrico di supporto. Il termine è un’abbreviazione di “Pedal Electric Cyclee in Europa è sinonimo di eBike, la bicicletta elettrica più popolare. Il motore si attiva appena il ciclista inizia a pedalare e i sensori misurano la potenza in ingresso, la cadenza e la velocità, regolando di conseguenza il supporto. Quest’ultimo viene fornito fino a una velocità massima di 25 km/h, dopodiché viene disattivato e il motore può avere una potenza nominale continua di 250 watt. Dal punto di vista normativo, una pedelec è considerata equivalente a una bicicletta e non richiede alcuna assicurazione obbligatoria. Allo stesso modo, non esiste un requisito minimo di età e non è necessaria una patente per guidarla.

La S-pedelec abbreviazione di “Speed Pedelec” è invece la versione ad alta velocità della pedelec, con un motore che può raggiungere fino a 45 km/h e una potenza di 500 watt. La legge in Italia ricalca il regolamento europeo in vigore dal 1° gennaio 2017 e considera le S-pedelec al pari dei ciclomotori, obbligando chi le utilizza ad essere in possesso di patentino o patente AM e ad indossare il casco. Le S-pedelec, dotate di specchietto retrovisore, clacson e cavalletto, devono essere omologate, immatricolate e assicurate. I ciclisti di S-pedelec, che devono avere minimo 16 anni, sono inoltre obbligati a rispettare i limiti di velocità e assicurarsi che le caratteristiche dei pezzi di ricambio siano corrispondenti a quelle indicate nel libretto di circolazione.

Passando invece alle “normali” eBike cosa cambia? Si possono percorrere le piste ciclabili con l’eBike? La risposta è affermativa: gli eBiker possono utilizzare le piste ciclabili ma, come tutti i ciclisti, hanno l’obbligo di condurre l’eBike a mano sui marciapiedi destinati ai pedoni e sugli attraversamenti pedonali: solo su quelli ciclopedonali (caratterizzati dalle strisce e i quadrati da un lato) è possibile transitare in sella, con prudenza e a bassa velocità.

Le eBike devono essere dotate di segnalazioni visive: anteriormente di luci bianche o gialle, posteriormente di luci rosse e di catadiottri rossi. Sui pedali, sulle ruote o sui lati del telaio, devono essere applicati catadiottri gialli o analoghi dispositivi per la visibilità. Le eBike, come le biciclette muscolari, possono essere equipaggiate per il trasporto di bambini fino a agli 8 anni, a bordo di seggiolini omologati, che non intralcino visuale o movimenti. Scelti a seconda delle esigenze del ciclista e della corporatura del bambino, i seggiolini devono soddisfare i requisiti dello standard europeo EN14344.

Anche i carrelli per il trasporto di oggetti e merci possono essere utilizzati in abbinamento a un’eBike, purché rispettino le dimensioni previste dalla legge e che il carico non superi il metro di altezza e i 50 kg di peso. Per la circolazione notturna il rimorchio deve essere equipaggiato con i dispositivi di segnalazione visiva posteriore e laterale previsti per i velocipedi.

E per quanto riguarda l’utilizzo di smartphone e cuffie, che talvolta si vedono nelle orecchie di chi ama fondere la pedalata all’aria aperta con le emozioni di una propria colonna sonora? E’bene ricordare che, per la propria sicurezza e quella altrui, gli eBiker non possono utilizzare cuffie audio durante la marcia. È invece consentito l’uso di smartphone o altri apparecchi purché in modalità viva voce o dotati di auricolare, in modo che le mani siano libere e che quindi la guida non sia compromessa in nessun modo.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende