Home » Comunicati Stampa »Pratiche » Biologico per uscire dalla crisi: secondo la CIA vale 3,1 miliardi di euro:

Biologico per uscire dalla crisi: secondo la CIA vale 3,1 miliardi di euro

giugno 25, 2014 Comunicati Stampa, Pratiche

Il settore del ‘bio’ può essere una leva potente per uscire dalla crisi: in Italia vale 3,1 miliardi di euro, i consumi crescono ininterrottamente da sette anni (+8% nel 2013), così come gli operatori della filiera e le superfici dedicate. Tanti i giovani, le donne e i laureati impegnati nel settore. Per questo, sottolineano da Anabio-Cia, ora bisogna eliminare gli ostacoli che ne limitano lo sviluppo, a partire dall’Europa, lavorando sul nuovo regolamento comunitario sul biologico che deve puntare su semplificazione, rafforzamento dei controlli e reciprocità dei mercati.

“Il settore agroalimentare, e in particolare il biologico, può essere davvero una leva potente per uscire dalla crisi economica. L’Italia è al primo posto in Europa per numero di aziende e superfici dedicate al ‘bio’, con un fatturato che ci colloca in sesta posizione nella classifica mondiale. Ecco perché ora è necessario che le istituzioni agiscano in modo da eliminare gli ostacoli alla produzione biologica ancora presenti nell’Ue e nel contempo siano capaci di mantenere e migliorare la fiducia dei consumatori sul comparto”, ha detto il presidente di Anabio Federico Marchini, ringraziando l’Assemblea elettiva che ieri a Roma, presso l’auditorium “Giuseppe Avolio”, lo ha confermato alla guida dell’associazione per l’agricoltura biologica della Cia-Confederazione italiana agricoltori. Al suo fianco, assume l’incarico di direttore di Anabio Antonio Sposicchi.

“L’agricoltura negli ultimi anni è entrata con forza nella traiettoria dell’innovazione, che ha prodotto profondi mutamenti nel comparto: dal prodotto indifferenziato ai prodotti tipici del territorio; da grande utilizzatore di input chimici ed energetici a produttore di chimica verde ed energie rinnovabili, dal passaggio di aree marginali ad aree rurali contraddistinte da elevati stili di vita e di benessere. E proprio il segmento del biologico è stato uno dei protagonisti di questa grande innovazione, avendo assunto un’importanza sempre più rilevante caratterizzata da una sostenuta crescita dei consumi”.

Secondo l’analisi di Anabio-Cia, dal 2007 in poi l’offerta di prodotti biologici si è progressivamente avvicinata alla domanda, facendosi più accessibile nella distribuzione, nei prezzi, nella gamma di offerta. Negli ultimi due anni i listini al dettaglio dei prodotti ‘bio’ sono rimasti stabili (+0,3%) e questo ha contribuito a far crescere la domanda. Un universo di consumatori assai più ampio si è affacciato sul mercato del biologico, che ha guadagnato quote di mercato ed è cresciuto per fatturato e numero di operatori. Oggi il giro d’affari complessivo del ‘bio’ in Italia ammonta a 3,1 miliardi di euro; nell’ultimo anno gli acquisti sono cresciuti dell’8% (+25 per cento nei discount) e gli operatori della filiera ‘bio’ sono saliti a quota 49.709. Anche la superficie dedicata è aumentata, per un totale di 1,1 milioni di ettari lavorati, e attualmente la produzione con metodo biologico nel Belpaese copre il 9 per cento della superficie agricola utilizzata (Sau).

Insomma “da movimento circoscritto, per lo più locale e poco organizzato -ha detto Marchini- il biologico è diventato un fenomeno esteso e tendenzialmente di massa”. Di conseguenza, “il settore sta evolvendo e si sta riorganizzando al suo interno, imponendo un nuovo modello, più strutturato sia da un punto di vista dimensionale che economico”. Già oggi, infatti, le imprese biologiche italiane hanno una Sau maggiore (la media aziendale del biologico è di 26 ettari contro i 7,9 delle aziende tradizionali) e quasi il 20% delle imprese ‘bio’ può vantare un giro economico superiore ai 100.000 euro, contro il 5,5% del totale delle aziende. In più, il biologico ha caratteristiche fortemente innovative, soprattutto se messe a confronto con la situazione generale dell’agricoltura: un’alta percentuale di donne imprenditrici (25%), di giovani (il 50% ha meno di 50 anni), di imprenditori agricoli aventi un livello di istruzione elevato (il 50% dei produttori biologici ha il diploma, il 17 per cento la laurea).

“Per questi motivi ora serve che le istituzioni, in primis quelle europee, si impegnino per aggiornare e adeguare le norme, consentendo al comparto di svilupparsi ulteriormente e far fronte alle sfide future -ha evidenziato il presidente della Cia, Dino Scanavino, chiudendo i lavori dell’assemblea-. In questo senso, le proposte di Bruxelles per rivedere la legislazione comunitaria sul ‘bio’ rappresentano un grande passo avanti. Al settore serve una nuova regolamentazione, che punti a semplificare la burocrazia e i meccanismi di certificazione, aprendo il mercato anche ai piccoli produttori; a rafforzare i controlli; a creare una concorrenza più leale all’interno e all’esterno dell’Europa. Solo così si possono garantire sul serio gli agricoltori e i consumatori”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende