Home » Comunicati Stampa »Pratiche » Biologico per uscire dalla crisi: secondo la CIA vale 3,1 miliardi di euro:

Biologico per uscire dalla crisi: secondo la CIA vale 3,1 miliardi di euro

giugno 25, 2014 Comunicati Stampa, Pratiche

Il settore del ‘bio’ può essere una leva potente per uscire dalla crisi: in Italia vale 3,1 miliardi di euro, i consumi crescono ininterrottamente da sette anni (+8% nel 2013), così come gli operatori della filiera e le superfici dedicate. Tanti i giovani, le donne e i laureati impegnati nel settore. Per questo, sottolineano da Anabio-Cia, ora bisogna eliminare gli ostacoli che ne limitano lo sviluppo, a partire dall’Europa, lavorando sul nuovo regolamento comunitario sul biologico che deve puntare su semplificazione, rafforzamento dei controlli e reciprocità dei mercati.

“Il settore agroalimentare, e in particolare il biologico, può essere davvero una leva potente per uscire dalla crisi economica. L’Italia è al primo posto in Europa per numero di aziende e superfici dedicate al ‘bio’, con un fatturato che ci colloca in sesta posizione nella classifica mondiale. Ecco perché ora è necessario che le istituzioni agiscano in modo da eliminare gli ostacoli alla produzione biologica ancora presenti nell’Ue e nel contempo siano capaci di mantenere e migliorare la fiducia dei consumatori sul comparto”, ha detto il presidente di Anabio Federico Marchini, ringraziando l’Assemblea elettiva che ieri a Roma, presso l’auditorium “Giuseppe Avolio”, lo ha confermato alla guida dell’associazione per l’agricoltura biologica della Cia-Confederazione italiana agricoltori. Al suo fianco, assume l’incarico di direttore di Anabio Antonio Sposicchi.

“L’agricoltura negli ultimi anni è entrata con forza nella traiettoria dell’innovazione, che ha prodotto profondi mutamenti nel comparto: dal prodotto indifferenziato ai prodotti tipici del territorio; da grande utilizzatore di input chimici ed energetici a produttore di chimica verde ed energie rinnovabili, dal passaggio di aree marginali ad aree rurali contraddistinte da elevati stili di vita e di benessere. E proprio il segmento del biologico è stato uno dei protagonisti di questa grande innovazione, avendo assunto un’importanza sempre più rilevante caratterizzata da una sostenuta crescita dei consumi”.

Secondo l’analisi di Anabio-Cia, dal 2007 in poi l’offerta di prodotti biologici si è progressivamente avvicinata alla domanda, facendosi più accessibile nella distribuzione, nei prezzi, nella gamma di offerta. Negli ultimi due anni i listini al dettaglio dei prodotti ‘bio’ sono rimasti stabili (+0,3%) e questo ha contribuito a far crescere la domanda. Un universo di consumatori assai più ampio si è affacciato sul mercato del biologico, che ha guadagnato quote di mercato ed è cresciuto per fatturato e numero di operatori. Oggi il giro d’affari complessivo del ‘bio’ in Italia ammonta a 3,1 miliardi di euro; nell’ultimo anno gli acquisti sono cresciuti dell’8% (+25 per cento nei discount) e gli operatori della filiera ‘bio’ sono saliti a quota 49.709. Anche la superficie dedicata è aumentata, per un totale di 1,1 milioni di ettari lavorati, e attualmente la produzione con metodo biologico nel Belpaese copre il 9 per cento della superficie agricola utilizzata (Sau).

Insomma “da movimento circoscritto, per lo più locale e poco organizzato -ha detto Marchini- il biologico è diventato un fenomeno esteso e tendenzialmente di massa”. Di conseguenza, “il settore sta evolvendo e si sta riorganizzando al suo interno, imponendo un nuovo modello, più strutturato sia da un punto di vista dimensionale che economico”. Già oggi, infatti, le imprese biologiche italiane hanno una Sau maggiore (la media aziendale del biologico è di 26 ettari contro i 7,9 delle aziende tradizionali) e quasi il 20% delle imprese ‘bio’ può vantare un giro economico superiore ai 100.000 euro, contro il 5,5% del totale delle aziende. In più, il biologico ha caratteristiche fortemente innovative, soprattutto se messe a confronto con la situazione generale dell’agricoltura: un’alta percentuale di donne imprenditrici (25%), di giovani (il 50% ha meno di 50 anni), di imprenditori agricoli aventi un livello di istruzione elevato (il 50% dei produttori biologici ha il diploma, il 17 per cento la laurea).

“Per questi motivi ora serve che le istituzioni, in primis quelle europee, si impegnino per aggiornare e adeguare le norme, consentendo al comparto di svilupparsi ulteriormente e far fronte alle sfide future -ha evidenziato il presidente della Cia, Dino Scanavino, chiudendo i lavori dell’assemblea-. In questo senso, le proposte di Bruxelles per rivedere la legislazione comunitaria sul ‘bio’ rappresentano un grande passo avanti. Al settore serve una nuova regolamentazione, che punti a semplificare la burocrazia e i meccanismi di certificazione, aprendo il mercato anche ai piccoli produttori; a rafforzare i controlli; a creare una concorrenza più leale all’interno e all’esterno dell’Europa. Solo così si possono garantire sul serio gli agricoltori e i consumatori”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende