Home » Comunicati Stampa »Prodotti »Servizi » Bob Sharing, il carpooling che trasforma i “passaggi” in certificati bianchi negoziabili:

Bob Sharing, il carpooling che trasforma i “passaggi” in certificati bianchi negoziabili

giugno 17, 2015 Comunicati Stampa, Prodotti, Servizi

Oggi il 70% degli spostamenti quotidiani delle persone avviene con l’automobile. Il dato che emerge, e che preoccupa, è che le macchine che si muovono, nel 94% dei casi trasportano una persona sola! Il concetto di carpooling non è nuovo, ma lo è la filosofia e l’approccio “scientifico” con cui gli ideatori di Bob Sharing, Lara Naclerio e Giuliano Cavaglià, più di un anno fa, si sono avvicinati al tema.

“Eravamo stanchi di lamentarci tutte le mattine e tutte le sere perché imbottigliati nella congestione del traffico dei principali corsi della città in cui viviamo (Torino) – raccontano i due ideatori di Bob Sharing – Stufi di perdere mezz’ora ogni mattina e ogni sera, stufi di spendere soldi in carburante per rimanere in coda così tanto tempo a motore acceso, stufi di rischiare il micro-tamponamento da stress per colpa di vicini di auto, stressati e intenti a cambiare CD, o a telefonare durante i microavanzamenti della coda, stufi di lamentarci e accettare passivamente un fenomeno in continuo peggioramento. Da questo siamo partiti e dalla considerazione che tutti i nostri vicini di auto, durante le ore interminabili trascorse in coda, erano anche loro, come noi, il solo occupante della loro auto! Così ci siamo detti che era giunto il momento di fare qualcosa di concreto, l’obiettivo era far sì che metà di quelli che erano in coda decidessero di smettere di muoversi sempre in auto e accettassero di fare i passeggeri sull’auto  dell’altra metà”.

Nasce così il sistema Bob Sharing, che si presenta come una applicazione che permette di spostarsi in macchina, risparmiando sui costi del trasporto, grazie alla condivisione dell’auto tra chi effettua gli stessi percorsi. Scaricando l’App sul proprio smartphone ci si mette in contatto per possibili passaggi in automobile, per il momento nelle aree limitrofe di Torino (un bel numero i Comuni già interessati), con l’obiettivo di coinvolgere tutta la Provincia. Bob Sharing si propone quindi di diventare una nuova modalità ecologica di trasporto per gli spostamenti quotidiani. Il concetto è quello di utilizzare le nuove forme di comunicazione per ritrovare una dimensione sociale nella realtà in cui è possibile solidarizzare e aiutarsi a vicenda.

Ma il vero valore aggiunto di Bob Sharing è quello di aver pensato a valorizzare (o meglio “monetizzare”) l’efficienza energetica che si sarebbe generata stimolando la pratica della condivisione dell’auto.

Questo è potuto accadere grazie al lavoro svolto dagli ideatori con ENEA (l’Ente preposto ad asseverare il risparmio di energia che consegue agli interventi di efficienza energetica). La collaborazione infatti ha prodotto una metrica che valorizza l’efficienza energetica collegata alla condivisione dell’auto, consolidando un algoritmo di calcolo che permette di calcolare il quantitativo di combustibile risparmiato, proprio grazie alla condivisione dell’auto, traducendolo con una relazione univoca a TEE (Titoli di Efficienza Energetica o “certificati bianchi“) negoziabili.

Senza questa misura di agevolazione sarebbe difficile far stare in piedi una qualsiasi iniziativa di carpooling, non volendo far pagare nulla a nessuno. L’unica fonte di ricavo è infatti rappresentata dalla monetizzazione dei certificati bianchi, quindi è legata al risparmio di carburante generato da questo sistema.

Il servizio, che prevede un parziale rimborso spese per l’autista, viene quindi offerto gratuitamente: è gratis scaricare l’App., il gestore non richiede commissioni di alcun tipo a nessuno degli utenti ed i Comuni coinvolti nell’iniziativa non devono sostenere alcun costo, permettendo così di ridurre drasticamente i soldi spesi mensilmente per muoversi.

“Un importante risultato è già stato raggiunto – continua l’ingegner Cavaglià – grazie al lavoro portato avanti per mesi e mesi da Bob Sharing con l’ENEA, verrà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale una misura per l’incentivazione della pratica della condivisione dell’auto attraverso l’erogazione di certificati bianchi, commisurati alle tonnellate di petrolio equivalenti risparmiate da tutti i passeggeri che sceglieranno i sistemi di carpooling, anziché l’auto propria in regime di “solo occupante”. Questo incentivo porterà inevitabilmente ad avere meno auto sulle strade, nonché a ridurre l’inquinamento e la CO2 immessa nell’ambiente, i costi di trasporto, di parcheggio, gli incidenti e renderà i tragitti in auto dei momenti di socializzazione.”

Ma come funziona, in pratica, il sistema? Bob Sharing è rivolto principalmente a un target di pendolari. Su ciascuna iscrizione viene effettuato un controllo preventivo per verificare la presenza dei requisiti di massima sicurezza. Il conducente fa la sua tratta abituale, che farebbe in ogni caso, e ottiene dal passeggero un parziale rimborso spese calcolato dal sistema (15 centesimi di euro a km). I punti di incontro tra conducente e passeggero sono predefiniti e memorizzati nel programma: una tratta inizia e termina sempre in corrispondenza di uno di questi punti che sono localizzati in luoghi di interscambio del sistema di trasporto (in parcheggi, stazioni ferroviarie, capolinea autobus). L’ applicazione accompagna conducente e passeggero fino al termine della tratta e ne certifica l’avvenuta esecuzione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende