Home » Comunicati Stampa »Progetti » Borghi Alpini piemontesi: dopo Calsazio e Lunella, su Ebay in vendita anche Gilli:

Borghi Alpini piemontesi: dopo Calsazio e Lunella, su Ebay in vendita anche Gilli

febbraio 3, 2015 Comunicati Stampa, Progetti

Borgata alpina Perosa Argentina è il titolo dellannuncio che si può trovare su EBay, il più noto e usato sito al mondo per acquisti on line. Un borgo - Gilli, tra Perosa e Pomaretto, in Val Chisone – interamente da recuperare, esposto a sud. Otto fabbricati rurali con sviluppo totale di circa 700 metri quadrati interamente da ristrutturare, corte pianeggiante interna, strada di accesso privata, circa 7.500 metri quadrati di terreno a bosco verso il fondovalle. “Possibilità di recupero a fini abitativi, agriturismo, bed&breakfast, ristorazione, …” si legge nell’annuncio al quale è possibile rispondere con la proposta di acquisto (non si tratta di un’asta, ma l’offerta rientra nella possibilità “compralo subito”). 180.000 euro il costo degli otto immobili e del terreno. Da ritirare “solo in zona”.

Lannuncio è stato inserito dal geometra Giovanni Piavento di Settimo Torinese che ha voluto, con Uncem, rilanciare in questo modo il programma Borghi Alpini, sul quale da due anni e mezzo è impegnata la Delegazione Piemontese dei Comuni delle Comunità e degli Enti montani. Obiettivo, favorire la valorizzazione di 5.000 immobili e borghi (dalle cinque alle cinquanta case) completamente abbandonati nelle Terre Alte del Piemonte. “La montagna che si è spopolata negli ultimi quarant’anni – spiega Marco Bussone, coordinatore per Uncem del programma Borghi Alpini – ha lasciato questo patrimonio immenso che oggi deve essere valorizzato. Per questo abbiamo voluto aiutare i Comuni e i privati proprietari nell’individuare nuovi percorsi di promozione, attirando investimenti e agevolando luso di fondi europei per la rivitalizzazione. Proprio come era avvenuto con la misura 322 del Piano di Sviluppo Rurale regionale che nel 2009 aveva permesso a 35 borghi alpini di essere completamente trasformati. Una rivoluzione positiva mai vista prima”. Anche Gilli può essere oggetto di questo recupero. E ha già il sigillo dei “Borghi alpini”, marchio voluto da Uncem che identifica finora 80 borghi piemontesi dove i Comuni e i cittadini hanno avviato progetti di rivitalizzazione o dove questi si sono già conclusi, favorendo nuovo sviluppo economico e nuova imprenditoria, nel campo dellagricoltura, del turismo, dellartigianato anche dei green e smart jobs.

Un ritorno alla montagna – in Val Chisone è un modello il progetto di recupero delle vigne sui terrazzamenti in pietra avviato dal Comune di Pomaretto – per generare impresa, economia: il recupero genera nuovi posti di lavoro e fa lavorare le aziende edili locali. Lose, legno, pietra sono gli elementi chiave di un restauro dove la tradizione incontra l’innovazione. Lo sa bene Giovanni Piavento: “Da tempo ho ricevuto dai proprietari degli otto immobili a Gilli – spiega – l’incarico di vendere il borgo. I canali tradizionali, locali, sono saturi. Così ho stretto un accordo con Uncem per individuarne nuovi. EBay, strada che Uncem ha già individuato, può aprire nuovi mercati del real estate, anche in montagna. Mettiamo a disposizione dell’acquirente i rilievi e i progetti del borgo trasformato che torna a vivere. Diciamo loro, ‘ecco come il borgo diventerà’. È un impegno concreto. Una sfida che vogliamo vincere”.

Dopo Calsazio (frazione di Sparone in Valle Orco) e Lunella, borgo sopra il Col del Lys (Viù, Valli di Lanzo), andati on line sul sito di vendite a luglio 2014, Uncem e lo studio di Piavento rilanciano. “Per Calsazio e Lunella – conferma Bussone – il lavoro di analisi delle oltre 200 proposte di acquisto arrivate sta proseguendo. L’alto grado di innovazione della proposta e l’altissimo numero di risposte ricevute richiedono un grande impegno. Gilli può dare un ulteriore slancio a questo nuovo sistema di promozione on line che di fatto rivoluziona il real estate”. “Da questi processi, dall’attenzione per il fronte Borghi alpini di imprese, privati, università, investitori, Comuni – spiega il presidente Uncem Piemonte Lido Riba - è evidente una cosa: serve un impegno istituzionale della Regione. In primo luogo mettendo la rivitalizzazione dei borghi al centro delle politiche di sviluppo dei prossimi cinque anni. E rifinanziando, con le risorse europee del PSR, una nuova misura 322 per il recupero delle borgate. Lo chiedono centinaia di Comuni, che hanno già firmato una petizione, e che credono in questo ritorno al ‘rurale’ e alla montagna, a vantaggio dell’intero Piemonte”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

“Green Grain”: al parco CollinaPo di Torino un meeting e una mostra tra ecologia e design

ottobre 12, 2017

“Green Grain”: al parco CollinaPo di Torino un meeting e una mostra tra ecologia e design

GREEN GRAIN, è un meeting interdisciplinare dedicato alle buone pratiche ambientali ed ecologiche, in programma oggi nella sede del Parco CollinaPo a Cascina Le Vallere, e inserito nel calendario City of Design della Città di Torino, nell’ambito del World Design Congress WDO 2017. L’appuntamento intende proporre un confronto le realtà pubbliche del comprensorio metropolitano torinese “Riserva di [...]

“Immondezza”, presentato a Milano il nuovo documentario di Mimmo Calopresti

ottobre 9, 2017

“Immondezza”, presentato a Milano il nuovo documentario di Mimmo Calopresti

Ci sono tanti modi per raccontare il Sud Italia, le sue bellezze, le sue risorse ma anche le difficoltà e le tante sfide quotidiane. Il regista Mimmo Calopresti ha deciso di farlo partendo, questa volta, da una prospettiva ambientale. Così è nato “Immondezza“, il nuovo documentario dell’autore calabrese di “Preferisco il rumore del mare”, che [...]

Coordinamento Agenda 21: gli enti locali chiedono concretezza e focus sulle città

ottobre 6, 2017

Coordinamento Agenda 21: gli enti locali chiedono concretezza e focus sulle città

«La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile è una tappa importante per l’Italia, ma alla fine la declinazione concreta poi si fa sui territori e nelle nostre città: è qui che ogni giorno siamo impegnati a disegnare politiche pubbliche che contemplino gli obiettivi di Agenda 2030 e a sviluppare con fatica azioni e progettualità che [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende