Home » Comunicati Stampa »Eventi » Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20:

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017 Comunicati Stampa, Eventi

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale.

La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al Cinema Massimo 1) e che si concentrerà sui dati dei cambiamenti climatici e atmosferici avvenuti nell’arco di un ventennio, dalla nascita del Festival a oggi. Se l’annuale “rapporto” sullo stato del Pianeta presentato dal noto meteorologo al pubblico del Festival metterà in luce come, per effetto dell’inarrestabile antropizzazione, tutti gli indicatori ambientali lampeggino più che mai al rosso, senza segnali d’inversioni di rotta, il film a seguire approfondirà il fenomeno nelle sue più attuali conseguenze politico-sociali.

Presentato come il punto di incontro ideale tra The Hurt Locker e la pietra miliare del cinema ambientalista, Una scomoda verità, The Age of Consequences, il lungometraggio dell’australiano Jared P. Scott (co-autore del pluripremiato Requiem for the American Dream), che inaugura le proiezioni del Festival e della sezione Concorso Internazionale Documentari, risale direttamente alle origini dell’attuale crisi globale mettendo in relazione i cambiamenti climatici con la crescente scarsità di risorse e quindi con l’aumento delle ondate migratorie e il propagarsi dei conflitti nazionali e internazionali. Attraverso fonti dirette del Pentagono, interviste a esperti di sicurezza interna, generali, veterani di guerra, il film analizza come la scarsità di cibo, la siccità, le condizioni atmosferiche estreme, l’innalzamento del livello del mare funzionino come un acceleratore e un catalizzatore d’instabilità nelle zone più fragili del Pianeta e abbiano avuto un ruolo determinante nella guerra in Siria, nelle tensioni sociali delle Primavere arabe, nella nascita di un’organizzazione fondamentalista quale l’ISIS.

Non portavoce di un rassegnato fatalismo, ma invito a ripensare il modo in cui usiamo e produciamo energia, il film ha suscitato molto interesse negli Stati Uniti, dove è stato definito “una rivelazione attraverso il linguaggio del cinema” (The Hollywood Reporter), “una chiamata al risveglio” (Indiewire), “coinvolgente e inquietante” (The New York Times): al termine della proiezione, ne parleranno, in un incontro con il pubblico, il regista e Luca Mercalli.

Al calar del buio si inaugurerà anche “Visioni della sesta estinzione”, evento speciale che coinvolgerà la Mole Antonelliana e che si ripeterà nei prossimi giorni del Festival. Fino al 4 giugno, ogni sera, a cadenza oraria (21.30, 22.30, 23.30), una facciata del monumento-simbolo di Torino diventerà display dinamico per una spettacolare proiezione, di una decina di minuti, di splendide immagini – fornite gratuitamente da fotografi naturalisti di fama mondiale – di vertebrati inclusi nella Lista Rossa dell’IUCN - Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, intercalate da disegni d’epoca di specie già estinte. L’iniziativa, realizzata dal Festival in collaborazione con il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino e con “VJs Kidddz” (Nadia Zanellato e Andrea Daddi, specializzati in videoproiezioni artistiche e architetturali per eventi e spettacoli), intende richiamare l’attenzione sulla tutela improrogabile della biodiversità: a differenza di quanto avvenuto nelle precedenti cinque megaestinzioni, che hanno avuto cause squisitamente naturali, nell’attuale era geologica animali e piante stanno scomparendo a un ritmo vertiginoso rispetto al passato per effetto dell’azione umana. In pericolo estremo sono soprattutto i vertebrati, gli animali a noi più vicini, esposti in particolar modo all’alterazione e alla riduzione degli habitat, all’introduzione di specie invasive, all’inquinamento, alla crescita della popolazione umana, al consumo delle risorse. L’iniziativa affianca l’ampia selezione di film sul mondo animale proposta quest’anno dal Festival e annuncia le mostre “Bestiale! Animal Film Stars” del Museo Nazionale del Cinema (da giugno alla Mole Antonelliana) ed “Estinzioni. Biodiversità dei vertebrati in allarme rosso” (a novembre, a cura del Museo Regionale di Scienze Naturali).

Nel pomeriggio si inaugurerà (ore 18.30, Circolo Culturale Amantes) anche un altro evento speciale che accompagnerà il Festival fino alla chiusura, l’installazione interattiva Atlas Bormida, opera digitale collettiva frutto di un lavoro culturale e investigativo sui luoghi e sulle storie di una Valle in una delle zone più boscose d’Europa, interessata dal fenomeno della grande industria nei decenni passati, ma risparmiata dalla diffusa cementificazione di altre aree limitrofe. Collezione di storie, opera corale di disvelamento e spazio dove visioni e documenti, esperienze sonore e racconti si innescano a vicenda, Atlas Bormida è un archivio vivo, che attualizza l’immaginario di un territorio complesso, per secoli via di transito di mercanti e pellegrini, da sempre teatro di lotte e battaglie, tra cui ultima – solo in ordine cronologico — la prima lotta ambientalista italiana conosciuta come “il caso ACNA di Cengio”. Costituita da fotografie, video, testi, riferimenti ipertestuali e materiali provenienti da archivi pubblici, associazioni, imprese e privati, progettata e realizzata sotto forma di storytelling interattivo e multimediale, Atlas Bormida reinterpreta un formato utilizzato da inchieste giornalistiche e progetti artistici internazionali. Sia opera digitale online, sia installazione temporanea nello spazio fisico, inaugura una modalità di produzione culturale e pubblicazione inedita in Italia. L’inaugurazione dell’installazione allestita in occasione del Festival sarà affiancata da un incontro con gli autori – Andrea Botto, Laura Cantarella, Alberto Momo, Alessandro Sciaraffa – moderato dalla giornalista Lisa Parola e da Luisa Perlo dell’Associazione a.titolo.

Sempre nel pomeriggio, per festeggiare i 20 anni del Festival, Bike Pride Fiab Torino organizza la prima Evergreen Ride, una pedalata libera e gratuita, in cui si invitano i partecipanti a pedalare rigorosamente vestiti in verde e anche, volendo, ammantati di foglie, fiori e pittura.  La partenza sarà da Piazza Statuto alle 18.30 e la pedalata terminerà, dopo circa 45 minuti di percorso nelle vie del centro e a passo lento, in Via Verdi, di fronte al Cinema Massimo. L’obiettivo, oltre a quello ludico, è di consegnare una penna USB alle istituzioni presenti in serata all’inaugurazione contenente 20 anni di eco-proposte nate durante il Festival CinemAmbiente o elaborate da Bike Pride, che da otto anni organizza la grande parata di biciclette nata per rivendicare il diritto a muoversi pedalando e una mobilità nuova.

L’apertura del Festival è annunciata da un grande arazzo in lana di 16×4 metri, in cui campeggia la scritta “20° CinemAmbiente”, allestito nei giorni scorsi di fronte alla Mole Antonelliana. Composta da 1100 pezzotti colorati di 25×25 centimetri, realizzati a maglia e all’uncinetto, l’opera è frutto della creatività e del lavoro del gruppo “InGenio diritto e rovescio”. La lavorazione ha coinvolto 200 persone (cittadini, volontari, disabili, operatori e turisti), sei gruppi associativi, sei Servizi alla persona e due sponsor che hanno regalato parte dei 40 chili di filati necessari alla realizzazione. L’iniziativa rientra nell’ambito di “InGenio bottega d’arti e antichi mestieri”, progetto della Città di Torino – Direzione Servizi Sociali Area Politiche Sociali – Servizio Disabili.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende