Home » Comunicati Stampa » Ceretto: tracciabilità fino all’ultima zolla:

Ceretto: tracciabilità fino all’ultima zolla

agosto 23, 2011 Comunicati Stampa

Il piemontese Mario Soldati diceva che il vino è la poesia del territorio. Da oltre settant’anni la famiglia Ceretto compone questi versi firmando etichette uniche di Barolo e Barbaresco, di Arneis, Spumante, Barbera e distillati da collezione. Prodotti diventati ambasciatori del gusto italiano nel mondo, secondo una visione ad ampio respiro che attribuisce l’importanza primaria alla coltivazione, fedele ai dettami tradizionali, ma ricerca una costante evoluzione degli accorgimenti tecnici, indirizzati a perfezionare – e non a modificare - il ruolo della generosa natura langarola.

All’inizo dell’estate Alessandro Ceretto ha ricevuto, a nome dell’azienda, il prestigioso premio “Imprese x Innovazione 2011” promosso da Confindustria e consegnato in presenza del  Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in una cerimonia  al Palazzo del Quirinale. Tra le 36 imprese premiate come simboli dell’eccellenza innovativa del Made in Italy, Ceretto ha ricevuto una “Menzione Speciale” classificandosi nelle prime 10 tra le 167 aziende partecipanti.

L’assegnazione del premio all’azienda costituisce il riconoscimento della scelta manageriale – adottata a partire dall’anno 2000 - di collocare l’intera attività produttiva e la gestione dell’azienda sotto il segno della trasparenza operativa e della certificazione.  In particolare, l’azienda ha adottato un sistema di gestione orientato alla perseguimento e valorizzazione della qualità, ma ha anche coniugato il perseguimento di  questo obiettivo con la salvaguardia della sicurezza alimentare, mediante il ricorso a certificazioni internazionali.

Il rispetto della rintracciabilità totale, ossia quel sistema che permette di rendere visibili e controllabili tutte le fasi della filiera produttiva, dalle singole partite di uva alla bottiglia di vino è stato il perno di un’operazione estremamente all’avanguardia nel settore vitivinicolo italiano: in questo modo l’obiettivo di esaltare la qualità del prodotto si sposa pienamente con la tutela degli interessi dei consumatori finali e la  piena valorizzazione del territorio di provenienza delle produzioni di base. Per dirle in breve, è immediato e trasparente il viaggio che a partire dall’etichetta si può realizzare, a ritroso, fino alla zolla della vigna di appartenenza delle uve.

L’entrata in azienda della terza generazione della famiglia Ceretto ha infatti introdotto la consapevolezza che anche l’organizzazione e i processi aziendali sono, nell’era della globalizzazione, altrettanto fondamentali quanto la qualità delle produzioni. In questa ottica è stato avviato nel 1999 il “Progetto Qualità”, instaurando una partnership ancora oggi attiva con la società di consulenza Arete Srl di Alba, specializzata in qualità, ambiente e sicurezza.

La volontà di investire nella protezione di una qualità che proviene dalla trasparenza dei processi produttivi, rispecchia, secondo Alessandro Ceretto, una mentalità che tende a proteggere la purezza della materia prima, come prodotto unico di una terra unica. Non è infatti sostenibile, spiegano in azienda, una scelta imprenditoriale che spinga – come a volte è successo in Toscana- maggiormente il brand a scapito della qualità e della salvaguardia delle uve autoctone.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende