Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Cerved analizza le flotte aziendali italiane: solo un’impresa su dieci con auto elettriche o ibride:

Cerved analizza le flotte aziendali italiane: solo un’impresa su dieci con auto elettriche o ibride

gennaio 26, 2017 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Cerved, il più grande information provider italiano, ha prodotto la prima e unica analisi sul mercato nazionale delle flotte automobilistiche aziendali. Un’analisi completa, che fa luce sulle tendenze del momento e sulle previsioni per il futuro, sulle caratteristiche delle auto, sulle politiche di utilizzo, sulle scelte assicurative e sull’impatto ambientale di questo mercato.

Che ritratto ne esce delle nostre aziende viste “dal garage”? Le grandi imprese (oltre 250 addetti) hanno in dotazione una flotta mediamente composta da circa un centinaio di autovetture e una quarantina di furgoni. Dall’analisi di Cerved emerge che l’84% del parco autovetture è ancora alimentato a diesel, il 13% a benzina. Solo un’impresa su dieci si è già dotata di auto elettriche o ibride.

I chilometri percorsi sono il principale criterio per la sostituzione dei mezzi aziendali: mediamente le imprese li cambiano ogni 116.000 km e in tempi che si aggirano intorno ai 5 anni e mezzo dalla prima assegnazione.

Ad oggi, inoltre, siamo ancora in una “fase esplorativa” per quanto riguarda il car sharing, metodologia generalmente scelta per i cosiddetti “muletti” assegnati ai dipendenti sprovvisti di auto.

Il Monitor Flotte Aziendali analizza tutti i punti del settore e offre approfondimenti informativi a 360°: che auto scelgono le aziende per i propri dipendenti? In quali regioni è più diffuso l’utilizzo di flotte auto? Quali invece i settori merceologici? L’analisi di Cerved risponde a queste e molte altre domande. Ad esempio: quali sono i criteri di assegnazione delle auto aziendali? Esistono car policy per la corretta gestione del parco macchine? Quali sono le figure aziendali preposte all’acquisto dei mezzi? Che tipologie di polizze assicurative vengono stipulate?

L’analisi sulle Flotte Aziendali si fonda su 3.700 interviste ad imprese operanti nei settori dell’industria, del commercio e dei servizi e le informazioni riportate sono garantite dal team di analisti Cerved. Si tratta, di fatto, della prima fotografia del panorama nazionale relativo al mercato dei veicoli aziendali. Il documento può essere richiesto a Cerved compilando il form presente a questo link.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende