Home » Comunicati Stampa »Eventi » Cheese 2013: un’Arca del Gusto per salvare i formaggi in via d’estinzione:

Cheese 2013: un’Arca del Gusto per salvare i formaggi in via d’estinzione

giugno 21, 2013 Comunicati Stampa, Eventi

Sarà un’edizione di Cheese incentrata sui formaggi da salvare – quelli che fanno parte o che saliranno a breve sull’”Arca del Gusto” – e sui sapori provenienti dalle Isole Britanniche, quella che è stata presentata ieri mattina a Bra (Cn). La manifestazione internazionale, organizzata da Slow Food e Città di Bra con la partecipazione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dedicata alle forme del latte, si terrà nella cittadina piemontese dal 20 al 23 settembre 2013. Nei 4 giorni dell’evento saranno affrontati tutti i temi scottanti che riguardano il settore lattiero caseario: dal latte crudo ai fermenti, dai pascoli alle contraffazioni alimentari.

Partiamo dal tema centrale: l’Arca del Gusto è il progetto della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus, che dal 1996 cataloga i prodotti simbolo delle tradizioni, della cultura e della storia dei cinque continenti. «A Cheese ognuno di noi sarà chiamato a portare a Bra il prodotto caseario ritenuto meritevole di salire sull’Arca con l’iniziativa Salva un formaggio! Solo così, infatti, si preservano razze, pascoli, paesaggi e saperi delle piccole comunità, spesso tramandati da generazioni», racconta Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia. «L’invito è quindi a portare a Bra il formaggio che pensate stia scomparendo e farlo salpare con noi sull’Arca!».

Ospiti della manifestazione, le Isole Britanniche con i loro formaggi artigianali, creati recuperando antiche tecniche di produzione e restituendo i sapori autentici del territorio, di cui ci parla oggi Jason Hinds, colonna portante della londinese Neal’s Yard Dairy, forse il miglior affinatore di formaggi artigianali delle Isole Britanniche. «Con il nostro lavoro siamo riusciti, negli anni, a salvare dall’estinzione molte produzioni artigianali. E quando abbiamo visitato Cheese per la prima volta, abbiamo capito di aver trovato la nostra casa». Di qui l’idea di creare la Via degli Affinatori e coinvolgere altri artigiani in una collaborazione che va al di là di Cheese. «Siamo molto orgogliosi di portare a Bra i nostri formaggi e farli assaggiare, in questa che è la migliore manifestazione dedicata al mondo caseario». Degli oltre 150 formaggi presenti nella Gran Sala, quest’anno un terzo proviene da queste isole, offrendo un perfetto abbinamento con più di 800 etichette della vicina Enoteca.

Ed è Carlo Petrini, presidente di Slow Food, a tirare le somme guardando a come Cheese è cambiata in questi 16 anni: «Quante battaglie abbiamo combattuto in questi anni, dal Regno Unito degli anni ’90, in cui lo stilton tradizionale era completamente scomparso, al divieto di produrre formaggi a latte crudo negli USA. Oggi per fortuna il panorama è completamente diverso, dalle Isole Britanniche arrivano prodotti meravigliosi, frutto di ricerca e nuovi metodi di affinamento. E poi, ricordiamolo, già il medico piemontese Pantaleone da Confienza nel suo Summa lacticinorum, il primo libro sui formaggi, celebrava le produzioni lattiero casearie inglesi!».

Cheese si è aperta ormai al mondo. «Sono molti i Paesi che hanno cominciato a produrre i loro formaggi, dall’Africa al Sud America, sintomo che la biodiversità non si protegge imponendo a tutti il cibo europeo, ma insegnando a valorizzare le proprie ricchezze», aggiunge Petrini, che conclude con un augurio per la sua città e per quella che secondo lui è la «più bella manifestazione di Slow Food: venite a Bra per conoscere i produttori, godere appieno della varietà culturale che si respira in quei giorni e lasciarvi tentare dalle moltissime leccornie approdate da ogni parte del mondo a bordo dell’Arca del Gusto».

Cheese è infatti un evento fondamentale non solo per Slow Food e il settore caseario, ma anche per il territorio, come hanno ricordato i rappresentanti delle istituzioni presenti. «Per quattro giorni la nostra città diventa palcoscenico naturale di cultura e altissima gastronomia, in cui trovare i migliori artigiani che discutono nuove e vecchie sfide», ha dichiarato Bruna Sibille, Sindaco di Bra. «Un’invasione colorata e festosa di food trotter da tutta Europa, un modo di ripensare una città che si vuole Slow anche nelle buone pratiche, dalla valorizzazione del territorio alle idee per un futuro possibile».

«Nel 2012 il settore turistico in Piemonte è cresciuto dell’1%, soprattutto grazie alla presenza straniera nella nostra regione», ha sottolineato l’Assessore all’Istruzione, Sport e Turismo della Regione Piemonte, Alberto Cirio. «Quello passato, infatti, è stato il primo anno senza grandi eventi in Piemonte dai XX Giochi olimpici invernali del 2006, quindi per noi una cartina di tornasole importante che ha confermato la bontà delle nostre scelte. Ovviamente, manifestazioni come Cheese non fanno che accrescere l’attrattiva delle nostre zone così belle».

Turismo come atteggiamento culturale e politico, come conferma Luigi Barbero, presidente dell’Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero: «Cheese rappresenta un evento di grande impatto per il comparto turistico: non dimentichiamo le 5 mila camere di Langhe e Roero interamente occupate durante i quattro giorni della manifestazione, e le altre 5 mila camere prenotate nel circondario, per un giro d’affari di 10 milioni di euro. Tutti noi dobbiamo essere grati a Slow Food per aver creduto in un evento che è parte integrante della città».

L’appuntamento è dunque a settembre a Bra con il vastissimo programma, che comprenderà attività educative, Laboratori del Gusto, Appuntamenti a Tavola e ovviamente assaggi dei formaggi più particolari proposti nel Mercato, tra le bancarelle dei Presìdi e nella Gran Sala dei Formaggi.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende