Home » Comunicati Stampa »Progetti » Dal 6° Forum Barilla esce la versione finale del “Protocollo di Milano”:

Dal 6° Forum Barilla esce la versione finale del “Protocollo di Milano”

dicembre 8, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Si è chiuso in questi giorni a Milano il 6° International Forum on Food and Nutrition. I numeri, meglio delle parole, illustrano i tre grandi paradossi di questi tempi: sono in aumento i bambini obesi rispetto ai bambini denutriti; solo il 50% della produzione agricola è destinata alla produzione del cibo per gli uomini, il rimanente 50% è usato per nutrire animali e produrre biocarburante; il cibo sprecato è sufficiente per nutrire le oltre 805 milioni di persone affamate su scala mondiale.

Il “Protocollo di Milano”, promosso da Fondazione BCFN, fissa sulla carta impegni concreti per bilanciare queste cifre in vista dell’appuntamento con Expo 2015.

“Con questa edizione, l’iter che ha accompagnato nel 2013 la stesura del Protocollo di Milano giunge a conclusione con la presentazione della versione finale del documento che viene consegnato alle istituzioni italiane e internazionali con l’obiettivo di promuovere il dibattito sui tavoli politici durante i prossimi mesi” – afferma Guido Barilla, Presidente della Fondazione BCFN – “Non dobbiamo perdere l’occasione per affrontare in modo serio questioni che sono fondamentali per il nostro futuro. I sei mesi di Expo 2015 devono lasciare un’eredità più profonda e duratura di una pur splendida vetrina con le migliori eccellenze alimentari”.

Esperti provenienti da tutto il mondo hanno discusso durante 6 tavole rotonde più un approfondimento, dedicato a “Milano capitale mondiale dell’alimentazione” in quanto sede dell’Esposizione Universale dedicata a “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” nel 2015. Le decisioni da prendere con urgenza riguardano i temi della piaga tragicamente attuale della denutrizione ancora diffusa in troppe aree della terra, dell’aumento dell’obesità, di sistemi che promuovono l’agricoltura sostenibile e di come porre fine allo spreco del cibo. Al centro del dibattito, la dignità dell’uomo, i risultati delle più recenti ricerche relative agli impatti economici – ma non solo – sulla società causati dallo spreco del cibo e dalla malnutrizione, ed esempi virtuosi di forme di agricoltura sostenibile e possibile, discussi da Ertharin Cousin, Executive Director World Food Programme, Adam Drewnowski, Professore di Epidemiologia presso l’Università di Washington, Jonathan Bloom, giornalista e attivista Americano, Philip Lymbery, CEO, Compassion in World Farming, Mark Little, a capo di Food Waste Reduction, Tesco, Johan Rockström, Executive Director presso il Centro Resilienza di Stoccolma, Ann Tutwiler, Direttore Generale di Bioversity International, Franco Sassi, OECD, Health Division, Directorate for Employment, Labour and Social Affairs, insieme al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia e a Livia Pomodoro, Presidente del Tribunale di Milano – che attraverso la realizzazione di una Food Policy e la costituzione del Milan Center for Food Law and Policy lanciano Milano quale luogo d’elezione per la conoscenza e l’elaborazione su legislazione e politiche alimentari mondiali, una legacy destinata a durare dopo Expo 2015.

Alla conclusione del Forum, il Protocollo di Milano è passato in consegna a chi potrà portarlo avanti nelle giuste sedi istituzionali, in particolare a Maurizio Martina, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, con delega ad Expo 2015, Giancarlo Caratti, Vice commissario generale per la partecipazione dell’Unione Europea a Expo 2015 e Paolo De Castro, coordinatore del gruppo S&D alla Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale del Parlamento Europeo e relatore permanente per Expo 2015 della stessa Commissione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende