Home » Comunicati Stampa »Non-Profit »Pratiche » Cinque Terre: un caso studio di restauro paesaggistico con l’agricoltura biodinamica:

Cinque Terre: un caso studio di restauro paesaggistico con l’agricoltura biodinamica

Il “restauro paesaggistico” di Punta Mesco, area abbandonata per anni nel cuore delle Cinque Terre, si fa con la biodinamica.  A inaugurare una collaborazione tra cultura e agricoltura che si allargherà ad altri beni culturali e paesaggistici del nostro Paese, sono oggi il FAI- Fondo Ambiente Italiano e l’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica, che ha offerto il suo supporto nelle attività dell’azienda, che oggi viene riaperta alla fruizione.

La biodinamica è l’approccio più coerente di agricoltura di qualità e rispettosa dell’ambiente: oltre a produrre alimenti che non contengono residui chimici (la biodinamica non utilizza né pesticidi né concimi di sintesi), lo specifico di questa eco-agricoltura è la grande cura della fertilità dei suoli e dell’armonia del paesaggio. In quest’ottica va letto l’intervento realizzato sul restauro ambientale e agricolo di Punta Mesco.

Nel febbraio scorso l’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica ha risposto alla richiesta del FAI di supportarlo nelle attività agricole, introducendo il metodo biodinamico di coltivazione per i vigneti, l’oliveto e l’orto. Punta Mesco, che ha ospitato nei secoli coltivazioni di pregio sulle terrazze sostenute da muretti a secco, negli ultimi decenni era diventato un caso esemplare di abbandono. Oggi si trasforma in un esempio di recupero globale: non solo architettonico e culturale ma anche di uso. L’intuizione del FAI è che per salvaguardare i beni storici presenti in ambito rurale, occorre conservare la natura agricola dei contesti in cui insistono. La biodinamica è, in questo caso, l’approccio più coerente di agricoltura di qualità e rispettosa dell’ambiente. Il luogo inoltre  richiede lavorazioni rispettose, con piccoli attrezzi motorizzati e operazioni volte a incrementare la fertilità del suolo. Sono state quindi iniziate operazioni colturali per riportare l’attività agricola dov’era l’abbandono. In settembre è programmato l’utilizzo dei primi preparati della biodinamica e l’avvio delle lavorazioni per l’ampliamento del vigneto pregiato, che aspira a divenire una delle eccellenze italiane.

“Dalla bellezza e dalla varietà di Punta Mesco è possibile far ripartire un’agricoltura d’eccellenza, capace di valorizzare il territorio, salvaguardarlo e proporlo come il meglio dell’agricoltura del Paese. Grazie a posti come questo l’Italia possiede il primato della biodiversità agricola”, ha spiegato il presidente dell’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica Carlo Triarico, all’inaugurazione di ieri . “L’obbiettivo è quindi di reintrodurre un sistema colturale rispettoso del meglio della tradizione, delle varietà vegetali storiche e della biodiversità autoctona. Allo stesso tempo si vuol evitare di farne un luogo ideale ma non replicabile.  Punta Mesco –annuncia - è solo il primo intervento del FAI con la biodinamica”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende