Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche »Prodotti »Servizi » Climatizzazione industriale: si può migliorare l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale?:

Climatizzazione industriale: si può migliorare l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale?

La climatizzazione industriale è solitamente considerata un settore altamente energivoro e a pesante impatto ambientale in termini di emissioni inquinanti. E’possibile applicare, anche in questo ambito, i principi della green economy per ridurre i consumi e gli impatti? Alcune aziende italiane ci stanno lavorando da anni, investendo in ricerca e innovazione.

Per capannoni industriali e grandi magazzini con soffitti molto alti, che non possono essere chiusi, sono stati, ad esempio, progettati condizionatori per il raffrescamento di grandi spazi che evitino, però, enormi consumi di energia. Questi sistemi, adatti a fonderie, carpenterie, e aziende di stampaggio di materie plastiche, utilizzano un principio del tutto naturale, senza usare fluidi refrigeranti o altre sostanze che possano modificare l’aria in modo artificiale. Il raffrescamento adiabatico, detto anche “raffrescamento evaporativo, si basa infatti sulle caratteristiche fisiche di acqua e aria e provoca l’abbassamento naturale della temperatura. In sostanza, l’aria calda esterna viene fatta passare attraverso un pannello evaporativo a geometria alveolare. Le superfici del pannello sono costantemente bagnate con normalissima acqua: l’aria cede quindi una parte del suo calore alle superfici bagnate ed esce da queste ad una temperatura più bassa rispetto a quella di entrata.

La ACM Kälte Klima di Arzergande, in provincia di Padova, ha studiato invece condizionatori roof top (collocati cioè sulla copertura di edifici industriali), che consentono di produrre aria calda e fredda per la climatizzazione con un ottimo comfort termoigrometrico e il minimo consumo energetico, per ottenere un funzionamento continuo della macchina a bassi costi di esercizio. Oltre all’efficienza energetica, questi condizionatori utilizzano il “refrigerante verde” R410A che, essendo privo di atomi di cloro, non danneggia l’ozono dell’atmosfera. I materiali con cui sono realizzate le macchine puntano inoltre alla durabilità di lungo periodo, per rendere questo tipo di impianti resistenti all’usura e all’azione degli agenti atmosferici, riducendone così la manutenzione e allungandone i tempi di dismissione. La loro collocazione sui tetti consente, infine, di limitare la rumorosità all’interno degli ambienti di lavoro, migliorando così le condizioni di salute acustica del personale.

Sul mercato esiste poi anche una nuova tipologia di climatizzatori a portata di gas variabile, con i quali è possibile soddisfare esigenze di raffrescamento e climatizzazione di qualsiasi categoria di edificio, dai capannoni industriali agli uffici, fino al settore residenziale. Questi impianti possono, oltretutto, funzionare con fonte rinnovabile geotermica, soddisfacendo anche la produzione di acqua calda sanitaria.

I sistemi radianti – a pavimento, a parete o a soffitto - possono, infine, offrire un’altra valida soluzione per il raffrescamento dell’ambiente, come alternativa agli impianti di condizionamento tradizionali, con i quali possono gareggiare in termini di comfort termico e acustico.

Oltre a queste soluzioni “attive”, non bisogna tuttavia mai dimenticare l’importanza fondamentale della climatizzazione passiva, che opera prevalentemente sulle coperture degli edifici industriali (ultimamente anche con “tetti verdi“), per ridurre il fabbisogno energetico del raffrescamento grazie a superfici riflettenti e isolanti.

La sfida per razionalizzare i consumi nel settore industriale è ancora impegnativa, ma sicuramente le soluzioni non mancano.

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende