Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche »Prodotti »Servizi » Climatizzazione industriale: si può migliorare l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale?:

Climatizzazione industriale: si può migliorare l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale?

La climatizzazione industriale è solitamente considerata un settore altamente energivoro e a pesante impatto ambientale in termini di emissioni inquinanti. E’possibile applicare, anche in questo ambito, i principi della green economy per ridurre i consumi e gli impatti? Alcune aziende italiane ci stanno lavorando da anni, investendo in ricerca e innovazione.

Per capannoni industriali e grandi magazzini con soffitti molto alti, che non possono essere chiusi, sono stati, ad esempio, progettati condizionatori per il raffrescamento di grandi spazi che evitino, però, enormi consumi di energia. Questi sistemi, adatti a fonderie, carpenterie, e aziende di stampaggio di materie plastiche, utilizzano un principio del tutto naturale, senza usare fluidi refrigeranti o altre sostanze che possano modificare l’aria in modo artificiale. Il raffrescamento adiabatico, detto anche “raffrescamento evaporativo, si basa infatti sulle caratteristiche fisiche di acqua e aria e provoca l’abbassamento naturale della temperatura. In sostanza, l’aria calda esterna viene fatta passare attraverso un pannello evaporativo a geometria alveolare. Le superfici del pannello sono costantemente bagnate con normalissima acqua: l’aria cede quindi una parte del suo calore alle superfici bagnate ed esce da queste ad una temperatura più bassa rispetto a quella di entrata.

La ACM Kälte Klima di Arzergande, in provincia di Padova, ha studiato invece condizionatori roof top (collocati cioè sulla copertura di edifici industriali), che consentono di produrre aria calda e fredda per la climatizzazione con un ottimo comfort termoigrometrico e il minimo consumo energetico, per ottenere un funzionamento continuo della macchina a bassi costi di esercizio. Oltre all’efficienza energetica, questi condizionatori utilizzano il “refrigerante verde” R410A che, essendo privo di atomi di cloro, non danneggia l’ozono dell’atmosfera. I materiali con cui sono realizzate le macchine puntano inoltre alla durabilità di lungo periodo, per rendere questo tipo di impianti resistenti all’usura e all’azione degli agenti atmosferici, riducendone così la manutenzione e allungandone i tempi di dismissione. La loro collocazione sui tetti consente, infine, di limitare la rumorosità all’interno degli ambienti di lavoro, migliorando così le condizioni di salute acustica del personale.

Sul mercato esiste poi anche una nuova tipologia di climatizzatori a portata di gas variabile, con i quali è possibile soddisfare esigenze di raffrescamento e climatizzazione di qualsiasi categoria di edificio, dai capannoni industriali agli uffici, fino al settore residenziale. Questi impianti possono, oltretutto, funzionare con fonte rinnovabile geotermica, soddisfacendo anche la produzione di acqua calda sanitaria.

I sistemi radianti – a pavimento, a parete o a soffitto - possono, infine, offrire un’altra valida soluzione per il raffrescamento dell’ambiente, come alternativa agli impianti di condizionamento tradizionali, con i quali possono gareggiare in termini di comfort termico e acustico.

Oltre a queste soluzioni “attive”, non bisogna tuttavia mai dimenticare l’importanza fondamentale della climatizzazione passiva, che opera prevalentemente sulle coperture degli edifici industriali (ultimamente anche con “tetti verdi“), per ridurre il fabbisogno energetico del raffrescamento grazie a superfici riflettenti e isolanti.

La sfida per razionalizzare i consumi nel settore industriale è ancora impegnativa, ma sicuramente le soluzioni non mancano.

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende