Home » Comunicati Stampa »Green Economy »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Cobat presenta a Padova i dati di raccolta dei “rifiuti tecnologici”. Pesa la piaga del traffico illecito:

Cobat presenta a Padova i dati di raccolta dei “rifiuti tecnologici”. Pesa la piaga del traffico illecito

Oltre 20 mila tonnellate di rifiuti tecnologici raccolti in Veneto, Trentino  Alto Adige e Friuli Venezia Giulia solo nel 2015. L’equivalente in peso di circa 500 autoarticolati a  pieno carico. Sono questi i dati presentati da Cobat ‐ Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, nel  corso del convegno “Economia circolare nel Triveneto: riciclo, legalità e best practice”, tenutosi ieri a Padova presso il Centro Altinate‐San Gaetano, nell’ambito di Panorama d’Italia, il tour che il  newsmagazine della Mondadori, Panorama, compie  attraverso  il  Paese  tra  informazione,  cultura,  spettacolo,  enogastronomia e intrattenimento. Fino a sabato 11 giugno nella città veneta si terrà infatti un calendario di 21 iniziative aperte a  tutti per stabilire un legame con le eccellenze del Made in Italy della città, in particolare nel mondo  dell’impresa, dell’economia, della cultura e della tecnologia.

Nel 2015 Cobat ha raccolto e avviato al riciclo in Triveneto oltre 17.500 tonnellate di pile portatili e  batterie industriali e per auto, 2.300 tonnellate di apparecchiature elettriche ed elettroniche –  categoria che oltre ai dispositivi elettronici include anche i moduli fotovoltaici, sempre più presenti  sui tetti del Nord Est – e 200 tonnellate di pneumatici provenienti da autodemolizione. Il Veneto,  in particolare, risulta la regione più virtuosa d’Italia per la raccolta di pile portatili: 407 mila chili  solo nel 2015.

Una montagna di smartphone, tablet, elettrodomestici e batterie che, vittime  dell’usura  o  dell’incessante  innovazione  tecnologica,  sono  stati  gettati  e  successivamente  trasformati in nuove materie prime. Un tesoro che potrebbe essere ancora più ricco, senza la  piaga del traffico illecito di rifiuti, come batterie e apparecchiature elettriche ed elettroniche, che  dalla frontiera orientale del Triveneto vengono esportati illegalmente, togliendo risorse al Paese.

Quella del Nord Est è comunque una raccolta capillare e “a chilometro zero” che ha permesso di ottimizzare la logistica e di  abbattere le emissioni di anidride carbonica in atmosfera dovute al trasporto dei rifiuti. Sono  infatti 9 i Punti Cobat – aziende autorizzate alla raccolta e allo stoccaggio distribuite in maniera  omogenea su tutto il territorio del Triveneto – che hanno servito le isole ecologiche e le imprese di  piccoli e grandi comuni, dalla pianura alla montagna, avviando al riciclo i rifiuti nei 4 impianti di  selezione e trattamento di pile, apparecchiature elettriche ed elettroniche e pneumatici, tutti  localizzati nelle province venete di Vicenza, Verona, Treviso e Venezia.

“L’economia del Triveneto – ha spiegato Giancarlo Morandi, presidente di Cobat – ha tratto  beneficio da questa attività di raccolta capillare di rifiuti tecnologici. Stiamo parlando di prodotti  che possono essere trasformati in ricchezza. Da una batteria per auto di 14 kg, ad esempio, siamo  in grado di estrarre 8 kg di piombo che viene reimmesso nel mercato, con benefici per l’ambiente  e per il sistema economico, che così non deve importare nuove materie prime”.   “L’approccio di Cobat – aggiunge Claudio De Persio, direttore operativo del consorzio – è di tipo  collaborativo.  Stringiamo  accordi  con  gli  enti  locali  e  le  associazioni  che  rappresentano  sul  territorio produttori di beni e imprese che hanno la necessità di gestire i propri rifiuti, nell’ottica di  intercettare quanti più prodotti a fine vita e offrire un servizio personalizzato in base alle esigenze  delle imprese.”

L’economia circolare, sempre più in cima all’agenda politica europea, prevede del resto un sistema in cui il  rifiuto non esiste più, ma tutto viene riciclato o riutilizzato, rientrando nel ciclo produttivo. Una  vera e propria rivoluzione che, in parte, avviene già adesso anche in Veneto. Ma di strada da fare  ce n’è ancora molta, soprattutto sul fronte della lotta all’illegalità. Le cronache recenti mettono il  Triveneto, che per la sua posizione geografica è un ponte verso l’Est Europa, al centro di attività di  traffico  illecito  di  rifiuti,  con  Tir  che  esportano  illegalmente  batterie  esauste  in  Romania e  inchieste internazionali sulla gestione illecita di rifiuti speciali, tra cui batterie al piombo esauste, rifiuti elettronici, parti di auto oggetto di demolizione e pneumatici fuori uso, che da Gorizia,  passando per Genova, erano diretti in Camerun.

“Molte aziende si rivolgono a soggetti non autorizzati, pensando di risparmiare. In realtà non è  così – commenta De Persio – Oltre al rischio di sanzioni, peraltro piuttosto salate, queste pratiche  creano una turbativa di mercato che genera concorrenza sleale, altera i reali costi di gestione dei  rifiuti e crea danni all’ambiente e, di riflesso, alla salute. Su questo fronte, è fondamentale l’azione  delle forze dell’ordine, con cui collaboriamo attivamente. Ma serve soprattutto una maggiore  coscienza ambientale da parte di tutti, cittadini e imprese. Serve la consapevolezza che l’economia  circolare, oltre a tutelare l’ecosistema, genera ricchezza e posti di lavoro. Soprattutto a livello  locale.”

Cobat sarà presente a Padova anche oggi a Palazzo  della  Salute, nell’incontro  “I  grandi  incontri  di  Focus:  Ambiente,  Clima  ed  Energia  Ecosostenibile”, al quale interverranno Giancarlo  Morandi,  presidente  di  Cobat,  Barbara  Degani,  sottosegretario al Ministero dell’Ambiente, Jacopo Gabrieli, ricercatore del CNR e Daniele Moccio,  tenente colonnello dell’Aeronautica Militare, moderati da Jacopo Loredan, direttore di Focus.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende