Home » Comunicati Stampa »Green Economy »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Cobat presenta a Padova i dati di raccolta dei “rifiuti tecnologici”. Pesa la piaga del traffico illecito:

Cobat presenta a Padova i dati di raccolta dei “rifiuti tecnologici”. Pesa la piaga del traffico illecito

Oltre 20 mila tonnellate di rifiuti tecnologici raccolti in Veneto, Trentino  Alto Adige e Friuli Venezia Giulia solo nel 2015. L’equivalente in peso di circa 500 autoarticolati a  pieno carico. Sono questi i dati presentati da Cobat ‐ Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, nel  corso del convegno “Economia circolare nel Triveneto: riciclo, legalità e best practice”, tenutosi ieri a Padova presso il Centro Altinate‐San Gaetano, nell’ambito di Panorama d’Italia, il tour che il  newsmagazine della Mondadori, Panorama, compie  attraverso  il  Paese  tra  informazione,  cultura,  spettacolo,  enogastronomia e intrattenimento. Fino a sabato 11 giugno nella città veneta si terrà infatti un calendario di 21 iniziative aperte a  tutti per stabilire un legame con le eccellenze del Made in Italy della città, in particolare nel mondo  dell’impresa, dell’economia, della cultura e della tecnologia.

Nel 2015 Cobat ha raccolto e avviato al riciclo in Triveneto oltre 17.500 tonnellate di pile portatili e  batterie industriali e per auto, 2.300 tonnellate di apparecchiature elettriche ed elettroniche –  categoria che oltre ai dispositivi elettronici include anche i moduli fotovoltaici, sempre più presenti  sui tetti del Nord Est – e 200 tonnellate di pneumatici provenienti da autodemolizione. Il Veneto,  in particolare, risulta la regione più virtuosa d’Italia per la raccolta di pile portatili: 407 mila chili  solo nel 2015.

Una montagna di smartphone, tablet, elettrodomestici e batterie che, vittime  dell’usura  o  dell’incessante  innovazione  tecnologica,  sono  stati  gettati  e  successivamente  trasformati in nuove materie prime. Un tesoro che potrebbe essere ancora più ricco, senza la  piaga del traffico illecito di rifiuti, come batterie e apparecchiature elettriche ed elettroniche, che  dalla frontiera orientale del Triveneto vengono esportati illegalmente, togliendo risorse al Paese.

Quella del Nord Est è comunque una raccolta capillare e “a chilometro zero” che ha permesso di ottimizzare la logistica e di  abbattere le emissioni di anidride carbonica in atmosfera dovute al trasporto dei rifiuti. Sono  infatti 9 i Punti Cobat – aziende autorizzate alla raccolta e allo stoccaggio distribuite in maniera  omogenea su tutto il territorio del Triveneto – che hanno servito le isole ecologiche e le imprese di  piccoli e grandi comuni, dalla pianura alla montagna, avviando al riciclo i rifiuti nei 4 impianti di  selezione e trattamento di pile, apparecchiature elettriche ed elettroniche e pneumatici, tutti  localizzati nelle province venete di Vicenza, Verona, Treviso e Venezia.

“L’economia del Triveneto – ha spiegato Giancarlo Morandi, presidente di Cobat – ha tratto  beneficio da questa attività di raccolta capillare di rifiuti tecnologici. Stiamo parlando di prodotti  che possono essere trasformati in ricchezza. Da una batteria per auto di 14 kg, ad esempio, siamo  in grado di estrarre 8 kg di piombo che viene reimmesso nel mercato, con benefici per l’ambiente  e per il sistema economico, che così non deve importare nuove materie prime”.   “L’approccio di Cobat – aggiunge Claudio De Persio, direttore operativo del consorzio – è di tipo  collaborativo.  Stringiamo  accordi  con  gli  enti  locali  e  le  associazioni  che  rappresentano  sul  territorio produttori di beni e imprese che hanno la necessità di gestire i propri rifiuti, nell’ottica di  intercettare quanti più prodotti a fine vita e offrire un servizio personalizzato in base alle esigenze  delle imprese.”

L’economia circolare, sempre più in cima all’agenda politica europea, prevede del resto un sistema in cui il  rifiuto non esiste più, ma tutto viene riciclato o riutilizzato, rientrando nel ciclo produttivo. Una  vera e propria rivoluzione che, in parte, avviene già adesso anche in Veneto. Ma di strada da fare  ce n’è ancora molta, soprattutto sul fronte della lotta all’illegalità. Le cronache recenti mettono il  Triveneto, che per la sua posizione geografica è un ponte verso l’Est Europa, al centro di attività di  traffico  illecito  di  rifiuti,  con  Tir  che  esportano  illegalmente  batterie  esauste  in  Romania e  inchieste internazionali sulla gestione illecita di rifiuti speciali, tra cui batterie al piombo esauste, rifiuti elettronici, parti di auto oggetto di demolizione e pneumatici fuori uso, che da Gorizia,  passando per Genova, erano diretti in Camerun.

“Molte aziende si rivolgono a soggetti non autorizzati, pensando di risparmiare. In realtà non è  così – commenta De Persio – Oltre al rischio di sanzioni, peraltro piuttosto salate, queste pratiche  creano una turbativa di mercato che genera concorrenza sleale, altera i reali costi di gestione dei  rifiuti e crea danni all’ambiente e, di riflesso, alla salute. Su questo fronte, è fondamentale l’azione  delle forze dell’ordine, con cui collaboriamo attivamente. Ma serve soprattutto una maggiore  coscienza ambientale da parte di tutti, cittadini e imprese. Serve la consapevolezza che l’economia  circolare, oltre a tutelare l’ecosistema, genera ricchezza e posti di lavoro. Soprattutto a livello  locale.”

Cobat sarà presente a Padova anche oggi a Palazzo  della  Salute, nell’incontro  “I  grandi  incontri  di  Focus:  Ambiente,  Clima  ed  Energia  Ecosostenibile”, al quale interverranno Giancarlo  Morandi,  presidente  di  Cobat,  Barbara  Degani,  sottosegretario al Ministero dell’Ambiente, Jacopo Gabrieli, ricercatore del CNR e Daniele Moccio,  tenente colonnello dell’Aeronautica Militare, moderati da Jacopo Loredan, direttore di Focus.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende