Home » Comunicati Stampa »Eventi »Nazionali »Politiche » CompraVerde: a Roma la decima edizione del forum per gli acquisti verdi delle pubbliche amministrazioni:

CompraVerde: a Roma la decima edizione del forum per gli acquisti verdi delle pubbliche amministrazioni

Si è aperta ieri mattina al Salone delle Fontane dell’EUR di Roma la X edizione del Forum CompraVerde-BuyGreen, due giornate di “Stati Generali degli Acquisti Verdi” in cui si incontrano e si confrontano gli attori coinvolti nella diffusione e nell’attuazione del Green Public Procurement.

In apertura, dopo il saluto del presidente della Fondazione Ecosistemi Daniele Nembrini e la proiezione di un estratto dal video del discorso di Papa Francesco alle Nazioni Unite, è intervenuto il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti: “Dai toner rigenerati per le stampanti alla carta riciclata fino al cibo che si serve a mensa, gli acquisti verdi nelle pubbliche amministrazioni sono sempre più uno strumento strategico per ridurre gli impatti ambientali e insieme razionalizzare la spesa. Con il Collegato Ambientale e il Codice degli Appalti sono stati rafforzati i cosiddetti ‘criteri ambientali minimi’, che permettono alle P.A. di promuovere e attuare politiche cruciali di efficienza energetica, di riduzione delle emissioni inquinanti, di riutilizzo della materia e anche di contrasto agli sprechi di cibo. Il Ministero dell’Ambiente – ha proseguito Galletti – sta affrontando la tematica del Green Public Procurement consapevole che dal settore pubblico possa a debba arrivare il migliore segnale culturale di rispetto dell’ambiente rivolto ai cittadini ma anche al mondo imprenditoriale, che già sta mostrando – come certifica lo studio di Compraverde – una positiva attenzione a questa buona e indispensabile pratica”.

A inaugurare i lavori del X Forum CompraVerde-BuyGreen – promosso dalla Fondazione Ecosistemi e dal Coordinamento Agende 21 Locali Italiane in collaborazione con il Ministero dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Unioncamere e Iclei – anche i rappresentanti della Regione Lazio e di Roma Capitale. “Siamo orgogliosi di affiancare il Forum CompraVerde – ha dichiarato Marta Bonafoni, in rappresentanza della Regione Lazio – una manifestazione pienamente nelle nostre corde, in sintonia con ciò che diciamo e facciamo in tema di riconversione ambientale, non in un contesto di nicchia ma per permeare l’intera politica pubblica”. L’assessore alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale Paola Muraro è intervenuta per portare i suoi saluti: “Siamo lieti di essere presenti al X Forum CompraVerde, da questa manifestazione possiamo attingere le buone pratiche messe in atto in Italia e all’estero per dare ulteriore stimolo alle nostre politiche di sostenbilità ambientale”.

Nel panel inaugurale, focalizzato su “Il GPP nelle politiche pubbliche europee, nazionali e regionali”, hanno portato il loro contributo diversi rappresentanti delle istituzioni europee: “Il ministero romeno dell’ambiente ha compiuto ogni sforzo per pubblicare la prima legge sul GPP nel 2016 – ha affermato il Segretario di Stato del Ministero dell’Ambiente, dell’Acqua e delle Foreste della Romania Raul Pop – risultato di un dibattito parlamentare che è andato avanti negli ultimi 14 mesi. Il Forum CompraVerde-BuyGreen e il progetto Life GPPBest sono delle opportunità uniche per imparare di più dai partner italiani nell’ambito dell’implementazione del GPP. Il Forum CompraVerde funge da catalizzatore per la condivisione delle buone pratiche tra partecipanti e può attivamente contribuire a disseminare informazioni riguardanti il GPP”. Anche il Ministro dell’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Ambiente di Cipro Nicos Kouyialis, ha portato al tavolo di confronto la propria esperienza: “Il Dipartimento dell’Ambiente, in qualità di struttura competente per il GPP a Cipro, ha preparato un Piano Nazionale di Azione del GPP che è stato approvato dal Consiglio dei Ministri ed è attualmente in fase di implementazione da parte delle strutture governative. I nostri premi GPP sono il risultato di uno sforzo importante, sistematico e collettivo di tutti noi e offrono segnali incoraggianti per un’economia più verde. La collaborazione con l’Italia è di grande importanza, dal momento in cui stringiamo i rapporti con un paese vicino con il quale abbiamo molto in comune”. Infine la responsabile delle politiche GPP del Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Regionale della Lettonia Inese Pelša ha aggiunto: “Il Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Regionale della Lettonia ha elaborato un piano di supporto per il Green Procurement per il 2015-2017 focalizzato su tre aree prioritarie: l’implementazione della base normativa nel sistema istituzionale, il monitoraggio dei risultati raggiunti con il sistema GPP e la promozione del GPP in tutte le istituzioni pubbliche, comprese quelle locali. L’obiettivo del piano è incrementare la percentuale di Green Public Procurement nell’offerta di beni e servizi”.

Karmenu Vella, Commissario all’Ambiente dell’Unione Europea, ha ricordato come “il Green Public Procurement rappresenti circa il 14% del prodotto interno lordo europeo, pari a circa 2.000 miliardi di euro, e che il GPP è riconosciuto come un veicolo per la crescita grazie anche al pacchetto sull’economia circolare adottato lo scorso dicembre. Il GPP in Europa è una politica volontaria – ha concluso il Commissario – e renderla reale dipende dall’impegno degli stati membri e delle singole autorità politiche in materia: per raggiungere questi obiettivi, che sono stati già centrati in numerose iniziative create in varie capitali europee, occorrono un forte impegno politico e adeguati piani di sviluppo, ai quali va senz’altro affiancata una nuova conoscenza del mercato e una conseguente analisi dei dati che potrà portare a significativi contenimenti di costi”.

Banca Etica, main sponsor del X Forum CompraVerde-BuyGreen, ha infine ricordato, per voce del vicedirettore generale Nazzareno Gabrielli, che “la valutazione dell’impatto ambientale è da sempre un criterio con cui Banca Etica individua a chi dare credito e verso chi indirizzare gli investimenti. Questo criterio, insieme ad altri tipici della finanza etica, contribuisce a determinare una bassa incidenza del credito problematico che è oggi uno dei principali problemi del sistema bancario italiano”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende