Home » Comunicati Stampa »Eventi »Nazionali »Politiche » CompraVerde: a Roma la decima edizione del forum per gli acquisti verdi delle pubbliche amministrazioni:

CompraVerde: a Roma la decima edizione del forum per gli acquisti verdi delle pubbliche amministrazioni

Si è aperta ieri mattina al Salone delle Fontane dell’EUR di Roma la X edizione del Forum CompraVerde-BuyGreen, due giornate di “Stati Generali degli Acquisti Verdi” in cui si incontrano e si confrontano gli attori coinvolti nella diffusione e nell’attuazione del Green Public Procurement.

In apertura, dopo il saluto del presidente della Fondazione Ecosistemi Daniele Nembrini e la proiezione di un estratto dal video del discorso di Papa Francesco alle Nazioni Unite, è intervenuto il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti: “Dai toner rigenerati per le stampanti alla carta riciclata fino al cibo che si serve a mensa, gli acquisti verdi nelle pubbliche amministrazioni sono sempre più uno strumento strategico per ridurre gli impatti ambientali e insieme razionalizzare la spesa. Con il Collegato Ambientale e il Codice degli Appalti sono stati rafforzati i cosiddetti ‘criteri ambientali minimi’, che permettono alle P.A. di promuovere e attuare politiche cruciali di efficienza energetica, di riduzione delle emissioni inquinanti, di riutilizzo della materia e anche di contrasto agli sprechi di cibo. Il Ministero dell’Ambiente – ha proseguito Galletti – sta affrontando la tematica del Green Public Procurement consapevole che dal settore pubblico possa a debba arrivare il migliore segnale culturale di rispetto dell’ambiente rivolto ai cittadini ma anche al mondo imprenditoriale, che già sta mostrando – come certifica lo studio di Compraverde – una positiva attenzione a questa buona e indispensabile pratica”.

A inaugurare i lavori del X Forum CompraVerde-BuyGreen – promosso dalla Fondazione Ecosistemi e dal Coordinamento Agende 21 Locali Italiane in collaborazione con il Ministero dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Unioncamere e Iclei – anche i rappresentanti della Regione Lazio e di Roma Capitale. “Siamo orgogliosi di affiancare il Forum CompraVerde – ha dichiarato Marta Bonafoni, in rappresentanza della Regione Lazio – una manifestazione pienamente nelle nostre corde, in sintonia con ciò che diciamo e facciamo in tema di riconversione ambientale, non in un contesto di nicchia ma per permeare l’intera politica pubblica”. L’assessore alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale Paola Muraro è intervenuta per portare i suoi saluti: “Siamo lieti di essere presenti al X Forum CompraVerde, da questa manifestazione possiamo attingere le buone pratiche messe in atto in Italia e all’estero per dare ulteriore stimolo alle nostre politiche di sostenbilità ambientale”.

Nel panel inaugurale, focalizzato su “Il GPP nelle politiche pubbliche europee, nazionali e regionali”, hanno portato il loro contributo diversi rappresentanti delle istituzioni europee: “Il ministero romeno dell’ambiente ha compiuto ogni sforzo per pubblicare la prima legge sul GPP nel 2016 – ha affermato il Segretario di Stato del Ministero dell’Ambiente, dell’Acqua e delle Foreste della Romania Raul Pop – risultato di un dibattito parlamentare che è andato avanti negli ultimi 14 mesi. Il Forum CompraVerde-BuyGreen e il progetto Life GPPBest sono delle opportunità uniche per imparare di più dai partner italiani nell’ambito dell’implementazione del GPP. Il Forum CompraVerde funge da catalizzatore per la condivisione delle buone pratiche tra partecipanti e può attivamente contribuire a disseminare informazioni riguardanti il GPP”. Anche il Ministro dell’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Ambiente di Cipro Nicos Kouyialis, ha portato al tavolo di confronto la propria esperienza: “Il Dipartimento dell’Ambiente, in qualità di struttura competente per il GPP a Cipro, ha preparato un Piano Nazionale di Azione del GPP che è stato approvato dal Consiglio dei Ministri ed è attualmente in fase di implementazione da parte delle strutture governative. I nostri premi GPP sono il risultato di uno sforzo importante, sistematico e collettivo di tutti noi e offrono segnali incoraggianti per un’economia più verde. La collaborazione con l’Italia è di grande importanza, dal momento in cui stringiamo i rapporti con un paese vicino con il quale abbiamo molto in comune”. Infine la responsabile delle politiche GPP del Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Regionale della Lettonia Inese Pelša ha aggiunto: “Il Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Regionale della Lettonia ha elaborato un piano di supporto per il Green Procurement per il 2015-2017 focalizzato su tre aree prioritarie: l’implementazione della base normativa nel sistema istituzionale, il monitoraggio dei risultati raggiunti con il sistema GPP e la promozione del GPP in tutte le istituzioni pubbliche, comprese quelle locali. L’obiettivo del piano è incrementare la percentuale di Green Public Procurement nell’offerta di beni e servizi”.

Karmenu Vella, Commissario all’Ambiente dell’Unione Europea, ha ricordato come “il Green Public Procurement rappresenti circa il 14% del prodotto interno lordo europeo, pari a circa 2.000 miliardi di euro, e che il GPP è riconosciuto come un veicolo per la crescita grazie anche al pacchetto sull’economia circolare adottato lo scorso dicembre. Il GPP in Europa è una politica volontaria – ha concluso il Commissario – e renderla reale dipende dall’impegno degli stati membri e delle singole autorità politiche in materia: per raggiungere questi obiettivi, che sono stati già centrati in numerose iniziative create in varie capitali europee, occorrono un forte impegno politico e adeguati piani di sviluppo, ai quali va senz’altro affiancata una nuova conoscenza del mercato e una conseguente analisi dei dati che potrà portare a significativi contenimenti di costi”.

Banca Etica, main sponsor del X Forum CompraVerde-BuyGreen, ha infine ricordato, per voce del vicedirettore generale Nazzareno Gabrielli, che “la valutazione dell’impatto ambientale è da sempre un criterio con cui Banca Etica individua a chi dare credito e verso chi indirizzare gli investimenti. Questo criterio, insieme ad altri tipici della finanza etica, contribuisce a determinare una bassa incidenza del credito problematico che è oggi uno dei principali problemi del sistema bancario italiano”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende