Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » Confindustria e UE, un ecoprestito per la sostenibilità:

Confindustria e UE, un ecoprestito per la sostenibilità

Sostenibilità e politica industriale, un connubio che vede come protagonisti la federazione della Confindustria e l’Unione Europea, che invitano a unirsi per uno scopo: avere finanziamenti agevolati per inserirsi nel solco degli obiettivi europei di sostenibilità. Quello che occorre è un progetto per favorire l’ottenimento dell’efficienza energetica nelle abitazioni private, considerato che, dati alla mano, il patrimonio abitativo esistente contribuisce per oltre il 35% alle emissioni di CO2 italiane.

Ma, si sa, in Italia senza incentivi non si va avanti.  Per questo si chiede aiuto all’Europa. E come? Con un coinvolgimento sul finanziamento proprio a livello comunitario. Nella fattispecie, per Sergio Fabio Brivio, consigliere incaricato per la sostenibilità da Confindustria Finco (Federazione industrie prodotti impianti e servizi per le costruzioni), si potrebbe attingere ai Fondi Europei per lo Sviluppo, sulla scia di quanto stanziato dalla BEI per l’efficienza energetica.

Questo lo spunto di Brivio da cui nasce l’idea di un ecoprestito. La proposta – che si inquadra nel percorso ”20-20-20“, di riduzione del 20% delle emissioni, incremento del 20% del risparmio energetico e 20% di copertura del fabbisogno da fonti rinnovabili – si innesta nel solco di analoghe esperienze già portate avanti in Francia (nel 2008, con fondi interni) e Inghilterra (lo scorso anno, con l’aiuto finanziario delle utility) e prevede l’accesso a prestiti agevolati a tasso zero per 10 anni, fino a un massimo di 30mila euro per ciascun beneficiario.

Il vantaggio, secondo Brivio, è che dal punto di vista finanziario non si chiedono soldi a fondo perduto, ma solo interessi agevolati, e si avrebbe beneficio in termini di Pil attraverso l’emersione di ulteriori redditi e di una minore esposizione in termini di penali Co2 nel meccanismo di Emission Trading. Vantaggi anche in termini di energia risparmiata e di occupazione, creata o mantenuta. Possibile anche un incremento delle entrate per lo Stato, a copertura della stessa misura, tramite Iva recuperata, Irpef e Ires aumentate.

Per Finco gli istituti che concedono il prestito a tasso zero dovrebbero poter portare in detrazione fiscale l’onere sostenuto, nella figura di minor introito di esercizio. L’Ecoprestito, così inteso, potrebbe essere rimborsato in dieci anni, ma i lavori dovrebbero iniziare entro il 2012 e terminare entro l’anno successivo. Il prestito potrebbe essere riscosso in due tranche, a inizio e fine lavori, in modo da incentivare l’effettiva realizzazione degli interventi.

La proposta, precisa la Finco, va intesa come relativa alla provvista finanziaria e pertanto aggiuntiva, non sostitutiva delle attuali misure di detrazione fiscale previste dal Governo, come il bonus del 55% per la riqualificazione energetica.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende