Home » Comunicati Stampa »Non-Profit »Pratiche » Contro gli ecocidi. Una raccolta firme europea fino al 21 gennaio 2014:

Contro gli ecocidi. Una raccolta firme europea fino al 21 gennaio 2014

dicembre 13, 2013 Comunicati Stampa, Non-Profit, Pratiche

End Ecocide in Europe è un’iniziativa nata da un gruppo di cittadini europei con l’obiettivo di porre fine all’ecocidio, ovvero ai danni ambientali estesi, in Europa e oltre. In Italia la campagna è sostenuta da associazioni ambientaliste come Legambiente e Italia Nostra.

Con la parola ecocidio si intende “la distruzione estensiva, il danno o la perdita di ecosistemi di un dato territorio da parte di agenti umani o altre cause ad un livello tale da compromettere seriamente il godimento pacifico da parte degli abitanti di questo territorio”.

Lo scopo della campagna è che l’ecocidio diventi un crimine per cui gli individui e le aziende possano essere ritenuti responsabili non solo attraverso multe e sanzioni economiche, bensì secondo il diritto penale. Per questo, sul sito è in corso una raccolta di firme: “Dobbiamo raccogliere un milione di firme entro il 21 gennaio 2014, dopodiché la Commissione Europea sarà legalmente obbligata a considerare la nostra proposta di legge”, spiega Lucia Beltrame, coordinatrice per l’Italia dell’iniziativa.

La proposta di legge di iniziativa popolare prevede la criminalizzazione dell’ecocidio sul territorio europeo (inclusi i territori marittimi) e, se commesso da cittadini o aziende europee, anche quando commesso al di fuori dell’UE. Si prevede inoltre il reato per favoreggiamento dell’ecocidio da parte di cittadini o aziende europee, inclusi investimenti in attività al di fuori dall’UE e l’importazione di prodotti che possano causare ecocidio in Europa. I promotori ipotizzano infine un periodo di transizione per permettere alle aziende che commettono oggi ecocidio di fermare le loro pratiche “criminali”, e ai governi che finanziano queste attività di interrompere i loro investimenti e sussidi, e piuttosto devolverli in progetti a minor impatto ambientale.

“Ciò che c’è di innovativo in questa iniziativa è che l’eventuale istituzione del crimine di ecocidio permetterebbe di includere in sé tutti i vari singoli casi di distruzione, danno o perdita ambientali per cui si protraggono battaglie da anni, ma che in mancanza di appropriati strumenti di difesa hanno perso l’attenzione che meritano. Una nuova legge li riassumerebbe tutti sotto lo stesso nome, agendo in maniera più efficace e non lasciando altro spazio all’indifferenza. Esempi di ecocidio includono le perforazioni nell’artico, il fracking, la deforestazione, lo sfruttamento delle sabbie bituminose, lo spopolamento degli alveari, lo spianamento delle montagne”, spiega Beltrame.

E’possibile firmare la proposta di legge sul sito ufficiale dell’iniziativa, fino al 21 gennaio 2014: www.endecocide.eu


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende