Home » Comunicati Stampa »Non-Profit »Pratiche » Contro gli ecocidi. Una raccolta firme europea fino al 21 gennaio 2014:

Contro gli ecocidi. Una raccolta firme europea fino al 21 gennaio 2014

dicembre 13, 2013 Comunicati Stampa, Non-Profit, Pratiche

End Ecocide in Europe è un’iniziativa nata da un gruppo di cittadini europei con l’obiettivo di porre fine all’ecocidio, ovvero ai danni ambientali estesi, in Europa e oltre. In Italia la campagna è sostenuta da associazioni ambientaliste come Legambiente e Italia Nostra.

Con la parola ecocidio si intende “la distruzione estensiva, il danno o la perdita di ecosistemi di un dato territorio da parte di agenti umani o altre cause ad un livello tale da compromettere seriamente il godimento pacifico da parte degli abitanti di questo territorio”.

Lo scopo della campagna è che l’ecocidio diventi un crimine per cui gli individui e le aziende possano essere ritenuti responsabili non solo attraverso multe e sanzioni economiche, bensì secondo il diritto penale. Per questo, sul sito è in corso una raccolta di firme: “Dobbiamo raccogliere un milione di firme entro il 21 gennaio 2014, dopodiché la Commissione Europea sarà legalmente obbligata a considerare la nostra proposta di legge”, spiega Lucia Beltrame, coordinatrice per l’Italia dell’iniziativa.

La proposta di legge di iniziativa popolare prevede la criminalizzazione dell’ecocidio sul territorio europeo (inclusi i territori marittimi) e, se commesso da cittadini o aziende europee, anche quando commesso al di fuori dell’UE. Si prevede inoltre il reato per favoreggiamento dell’ecocidio da parte di cittadini o aziende europee, inclusi investimenti in attività al di fuori dall’UE e l’importazione di prodotti che possano causare ecocidio in Europa. I promotori ipotizzano infine un periodo di transizione per permettere alle aziende che commettono oggi ecocidio di fermare le loro pratiche “criminali”, e ai governi che finanziano queste attività di interrompere i loro investimenti e sussidi, e piuttosto devolverli in progetti a minor impatto ambientale.

“Ciò che c’è di innovativo in questa iniziativa è che l’eventuale istituzione del crimine di ecocidio permetterebbe di includere in sé tutti i vari singoli casi di distruzione, danno o perdita ambientali per cui si protraggono battaglie da anni, ma che in mancanza di appropriati strumenti di difesa hanno perso l’attenzione che meritano. Una nuova legge li riassumerebbe tutti sotto lo stesso nome, agendo in maniera più efficace e non lasciando altro spazio all’indifferenza. Esempi di ecocidio includono le perforazioni nell’artico, il fracking, la deforestazione, lo sfruttamento delle sabbie bituminose, lo spopolamento degli alveari, lo spianamento delle montagne”, spiega Beltrame.

E’possibile firmare la proposta di legge sul sito ufficiale dell’iniziativa, fino al 21 gennaio 2014: www.endecocide.eu


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende