Home » Comunicati Stampa »Eventi »Nazionali »Politiche » COWM 2016 a Venezia: i cittadini “obusers” protagonisti contro il dissesto idrogeologico:

COWM 2016 a Venezia: i cittadini “obusers” protagonisti contro il dissesto idrogeologico

Si è aperto ieri a Palazzo Labia, a Venezia, il convegno internazionale Citizen Observatories for Water Management, organizzato dall’Autorità di Bacino dei Fiumi dell’Alto Adriatico, sotto l’alto patronato della Commissione Europea, del Ministero per l’Ambiente e della Protezione Civile Nazionale.

Ad aprire i lavori l’intervento di Mauro Grassi, Direttore della struttura di missione contro il dissesto idrogeologico #ItaliaSicura: In Italia i danni pubblici e privati da dissesto assommano, solo a livello statale, a 3,5 miliardi l’anno. Negli ultimi dieci anni abbiamo investito 600 milioni in interventi, ma siamo riusciti ad impegnarne una media di 400 milioni l’anno, cifre che la dicono lunga sulla nostra capacità di intervento. #ItaliaSicura si è data un primo obiettivo da 1,2 miliardi, ma a regime dovremmo riuscire ad investire 2 miliardi l’anno per dieci anni.

Per arginare il dissesto della Penisola servirebbero complessivamente: 9.324 interventi per un valore di oltre 30 miliardi (in Veneto 273 opere per 2,4 miliardi). Con il Piano Città Metropolitane, #ItaliaSicura ha affrontato prioritariamente i territori più densamente popolati. Si tratta di 132 opere per 1.300 milioni, 654 già finanziati. Contiamo di vedere i cantieri aperti nella prima metà del 2017”, ha puntualizzato Grassi. Per il bacino dell’Alto Adriatico si tratta di 5 interventi (bacini di laminazione nelle province di Venezia, Vicenza e Padova) per un totale di 155 milioni, 104 già trasferiti dallo Stato al Commissario di Governo (che in Veneto è il Presidente della Regione). “Ma deve essere chiaro che gli interventi infrastrutturali non ci mettono al riparo dal rischio sempre più elevato dovuto ai cambiamenti climatici – ha concluso il responsabile dell’Unità di Missione governativa – e il cittadino deve “auto-difendersi” dal rischio. La capacità di reazione delle comunità sarà fondamentale per mitigare davvero i danni”.

E in questo l’Autorità di Bacino dell’Alto Adriatico (competente per i fiumi Isonzo, Livenza, Tagliamento, Piave e Brenta-Bacchiglione) rappresenta un’avanguardia in Italia. Ieri a COWM16 è stato presentato il “modello Vicenza” realizzato nell’ambito di un progetto internazionale finanziato dalla Comunità Europea (WeSenseIt). “La cittadinanza vicentina, messa alla prova dalla grave alluvione del 2010, era particolarmente sensibilizzata e si è fatta coinvolgere con grande entusiasmo – spiega il Direttore dell’Autorità di Bacino Alto Adriatico, Francesco Baruffi –  i cittadini daranno prova, nell’esercitazione prevista per venerdì 10 giugno, di come in caso di alluvione possano trasmettere dati alla centrale operativa con la loro App e contemporaneamente ricevere istruzioni sui comportamenti da tenere o comunicazione in grado di prevedere problematicità con un anticipo di 3 giorni (modello previsionale AMICO)”.

Un territorio, quello del Nordest, particolarmente esposto: un comune su 5 nel Veneto (107 comuni) è classificato a rischio massimo. Un’area densamente urbanizzata dove i danni economici, ma anche in termini di vite umane, possono essere estremamente elevati. Nell’area dell’Alto Adriatico abbiamo 2mila chilometri quadrati alluvionabili in un tempo di ritorno di 100 anni – ha spiegato Michele Ferri, dell’Autorità di Bacino – è chiaro quindi che dobbiamo lavorare sulla riduzione della vulnerabilità ed esposizione al rischio per mitigare i danni. Un test in un piccolo comune nel bacino trasnazionale (Italia-Slovenia) dell’Isonzo (Savogna-UD, 500 abitanti) ci ha dimostrato che un osservatorio dei cittadini con tecnologie digitali può ridurre drasticamente i danni da alluvione: stimabili da 4 milioni a 1 milione. E’ chiaro quindi quanto sia importante investire in questa direzione. Quanto costa? Stimiamo 3,5 milioni per un bacino idrografico esteso 4mila km quadrati. Per tutto il nostro territorio di competenza si tratta di circa 30 milioni che contiamo di riuscire a finanziare nei prossimi sei anni, anche con il sostegno dell’UE”.

Tecnologie digitali, dunque, ma anche investimenti in corsi di formazione con i volontari e nelle scuole superiori per intercettare i nativi digitali. Dopo Vicenza, la sperimentazione si estenderà prioritariamente ai bacini di Brenta e Isonzo, nelle province più a rischio (Padova e Udine).

Una strategia che ha il sostegno della Comunità Europea, rappresentata ieri a Venezia da Andrea Tilche, Direttore Generale per i Cambiamenti Climatici: “Gli eventi alluvionali si stanno ripetendo con una frequenza molto più elevata che in passato. Social media e tecnologie, grazie alla loro diffusione di massa, possono diventare fondamentali nella gestione di situazioni di crisi. Ma dobbiamo passare ad una nuova generazione di cittadini che io chiamo gli obuser: gli observers & users, capaci di raccogliere e trasferire informazioni per creare una intelligenza collettiva delle comunità”.

Nel pomeriggio i lavori di COWM sono proseguiti con la presentazione in anteprima delle “Linee Guida per la progettazione delle opere contro il rischio idrogeologico”. Misure normative attese da trent’anni, fondamentali per la progettazione urbanistica e ingegneristica. Un evento che ha coinvolto il Consiglio Nazionale Ingegneri, con il presidente Massimo Mariani e il Consiglio Nazionale Geometri, con Pasquale Salvatore.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende