Home » Comunicati Stampa » DAL WWF IL “DEC-ALBERO” PER UN NATALE SOSTENIBILE:

DAL WWF IL “DEC-ALBERO” PER UN NATALE SOSTENIBILE

dicembre 23, 2009 Comunicati Stampa

Courtesy of Josquin2000 (Flickr)Il WWF quest’anno ha realizzato il “dec-albero” di Natale, un decalogo con 10 consigli pratici per ridurre l’impronta ecologica del proprio Natale, dalla scelta delle luminarie al cenone della vigilia (vedi scheda). L’augurio è quello di non rovinare i migliori propositi di bontà natalizia con un’impronta ecologica devastante poiché basta qualche accorgimento mirato per celebrare un Natale sostenibile senza rinunciare all’atmosfera gioiosa e alle piccole grandi soddisfazioni della festività più attesa (ma anche più impattante) dell’anno.

ADDOBBI

Albero “locale”

Luminarie a basso consumo
IL CENONE
No a piatti, bicchieri e posate di plastica
Niente fois gras, caviale o aragoste (
www.wwf.it/pesca)
Più prodotti locali e di stagione, meno carne (
www.improntawwf.it)
LE VACANZE
Preferisci l’Italia a mete lontane e il treno all’aereo (
www.wwf.it/vacanze)
SCEGLIERE I REGALI
Shopping in bici o con mezzi pubblici, muniti di sporte riutilizzabili
Non regalare specie esotiche o prodotti derivati, alimentano il commercio illegale
Elettrodomestici e apparecchi tecnologici solo se “efficienti” (
www.eurotopten.it)
Regala prodotti biologici, del commercio equo e solidale, a basso impatto ambientale e sociale oppure
adotta una specie su
www.wwf.it/adozioni o acquista prodotti che sostengono i progetti WWF!

IL “DEC-ALBERO” DI NATALE del WWF

L’ALBERO: Per avere un albero di Natale sostenibile (e anche “originale”), la cosa migliore è rinunciare al classico abete, che mal sopporta le condizioni climatiche delle nostre zone, e addobbare i nostri alberi tipici (come il tasso o l’abete bianco), anche gli stessi alberi che abbiamo in terrazzo o in giardino. In questo modo si risolve anche il problema di cosa farne finite le feste. Se proprio vogliamo avere un abete tradizionale, è importante controllare che sia certificato ovvero prodotto in vivai specializzati per i periodi natalizi, e tenerlo rigorosamente lontano da fonti di calore, meglio se in balcone o in giardino.

LUMINARIE: Illuminare case e strade 24 ore al giorno comporta un inutile aumento dei consumi elettrici e delle emissioni. Meglio utilizzarelampadine a basso consumo o a led, che consumano fino a 1/10 delle normali lampadine, e accenderle solo in momenti particolari. Si risparmia anche in bolletta!

CENONE: Per il cenone scegliamo ricette tradizionali a base di ingredienti locali e di stagione, ridurremo le emissioni di CO2 e guadagneremo in gusto e freschezza dei prodotti. Fatte salve le tradizioni italiane, cerchiamo anche nei giorni di festa di ridurre i consumi di carne, soprattutto quella bovina, questo farà bene alla nostra salute e al clima del Pianeta (www.improntawwf.it). Evitiamo prodotti come il patè de fois gras (che comporta enormi sofferenze agli animali), datteri di mare (la cui produzione provoca la distruzione di scogliere marine), aragoste (sull’orlo dell’estinzione). Il caviale è prodotto con uova di storione, già commercialmente estinto in molte aree. Meglio scegliere caviale “certificato” e invitare il proprio rivenditore a fare lo stesso. Per sapere quali pesci acquistare si può scaricare la guida “Sai che pesci pigliare?” su www.wwf.it/pesca.

VACANZE: Scegliere mete italiane o comunque raggiungibili in treno, invece di località esotiche e lontane, consente di evitare consistenti emissioni di CO2 e di scoprire angoli e tradizioni del nostro Paese che forse ancora non conosciamo. A questo link i consigli WWF per le “Vacanze natura” invernali o le Fattorie del Panda: www.wwf.it/vacanze .

REGALI: Andarli a comprare in bici o con i mezzi, portandoci dietro un congruo numero di sporte riutilizzabili, è un ottimo modo per risparmiarsi il traffico dello shopping natalizio (contribuendo allo stesso tempo a ridurlo), evitando l’utilizzo di buste di plastica. Assolutamentevietato regalare animali esotici come iguane, serpenti o tartarughe o prodotti derivati, per esempio oggetti in avorio, corallo, pelli di coccodrillo: rischiamo di fare un “regalo” solo ai commercianti del mercato illegale. Moderazione anche con i gioielli in oro, argento o materiali preziosi, la cui produzione comporta ingenti quantità di energia oltre che scarti e rifiuti spesso altamente inquinanti. Se poi si scelgonoapparecchi come televisori, computer o stereo, è importante preferire quelli che possono essere spenti completamente, invece di rimanere in standby, e che comunque abbiano standard elevati di efficienza energetica, come suggerito dal sito http://www.eurotopten.it/ a cura del WWF. E’ comunque buona norma scegliere regali sostenibili come un bel cesto di prodotti biologici, del commercio equo e solidale o comunque certificati, che garantiscano il più basso impatto ambientale e sociale possibile.

Se in aggiunta si vogliono sostenere i progetti di conservazione del WWF, si può adottare una specie a rischio (www.wwf.it/adozioni) o regalare l’iscrizione all’Associazione (www.wwf.it/iscrizioni); acquistare online nei negozi di abbigliamento, libri, prodotti di bellezza, musica, elettronica che aderiscono all’iniziativa “Una buona causa” (www.wwf.it/cliccaiuta) donando all’Associazione una parte di ogni acquisto effettuato; oppure scegliere i prodotti delle aziende che sostengono il WWF, come i casalinghi Guzzini in plastica riciclata derivata dagli scarti della stessa azienda, la biancheria per la casa della linea Naturae di Gabel, interamente realizzata in fibre naturali, la linea cartotecnica diFranco Panini Scuola, i prodotti di cosmesi “I Provenzali”, 100% vegetali, biodegradabili e non testatati su animali, i gioielli Dodo o i giochiODS per piccoli esploratori, tra cui la tenda igloo, i walkie talkie, il kit per il birdwatching o la macchina fotografica.

Per le AZIENDE ci sono invece i biglietti di auguri WWF digitali, quelli in carta certificata con i disegni di Fulco Pratesi, portachiavi a forma di animali in legno FSC, la tazza mug artigianale con il panda, i cioccolatini “ciocco panda” e poi le agende e i notebook in carta e materiali riciclati, perfetti come strenna natalizia da inviare a clienti, dipendenti e partner. Tutte le info su www.wwf.it/nataleaziende

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende