Home » Comunicati Stampa » DAL WWF IL “DEC-ALBERO” PER UN NATALE SOSTENIBILE:

DAL WWF IL “DEC-ALBERO” PER UN NATALE SOSTENIBILE

dicembre 23, 2009 Comunicati Stampa

Courtesy of Josquin2000 (Flickr)Il WWF quest’anno ha realizzato il “dec-albero” di Natale, un decalogo con 10 consigli pratici per ridurre l’impronta ecologica del proprio Natale, dalla scelta delle luminarie al cenone della vigilia (vedi scheda). L’augurio è quello di non rovinare i migliori propositi di bontà natalizia con un’impronta ecologica devastante poiché basta qualche accorgimento mirato per celebrare un Natale sostenibile senza rinunciare all’atmosfera gioiosa e alle piccole grandi soddisfazioni della festività più attesa (ma anche più impattante) dell’anno.

ADDOBBI

Albero “locale”

Luminarie a basso consumo
IL CENONE
No a piatti, bicchieri e posate di plastica
Niente fois gras, caviale o aragoste (
www.wwf.it/pesca)
Più prodotti locali e di stagione, meno carne (
www.improntawwf.it)
LE VACANZE
Preferisci l’Italia a mete lontane e il treno all’aereo (
www.wwf.it/vacanze)
SCEGLIERE I REGALI
Shopping in bici o con mezzi pubblici, muniti di sporte riutilizzabili
Non regalare specie esotiche o prodotti derivati, alimentano il commercio illegale
Elettrodomestici e apparecchi tecnologici solo se “efficienti” (
www.eurotopten.it)
Regala prodotti biologici, del commercio equo e solidale, a basso impatto ambientale e sociale oppure
adotta una specie su
www.wwf.it/adozioni o acquista prodotti che sostengono i progetti WWF!

IL “DEC-ALBERO” DI NATALE del WWF

L’ALBERO: Per avere un albero di Natale sostenibile (e anche “originale”), la cosa migliore è rinunciare al classico abete, che mal sopporta le condizioni climatiche delle nostre zone, e addobbare i nostri alberi tipici (come il tasso o l’abete bianco), anche gli stessi alberi che abbiamo in terrazzo o in giardino. In questo modo si risolve anche il problema di cosa farne finite le feste. Se proprio vogliamo avere un abete tradizionale, è importante controllare che sia certificato ovvero prodotto in vivai specializzati per i periodi natalizi, e tenerlo rigorosamente lontano da fonti di calore, meglio se in balcone o in giardino.

LUMINARIE: Illuminare case e strade 24 ore al giorno comporta un inutile aumento dei consumi elettrici e delle emissioni. Meglio utilizzarelampadine a basso consumo o a led, che consumano fino a 1/10 delle normali lampadine, e accenderle solo in momenti particolari. Si risparmia anche in bolletta!

CENONE: Per il cenone scegliamo ricette tradizionali a base di ingredienti locali e di stagione, ridurremo le emissioni di CO2 e guadagneremo in gusto e freschezza dei prodotti. Fatte salve le tradizioni italiane, cerchiamo anche nei giorni di festa di ridurre i consumi di carne, soprattutto quella bovina, questo farà bene alla nostra salute e al clima del Pianeta (www.improntawwf.it). Evitiamo prodotti come il patè de fois gras (che comporta enormi sofferenze agli animali), datteri di mare (la cui produzione provoca la distruzione di scogliere marine), aragoste (sull’orlo dell’estinzione). Il caviale è prodotto con uova di storione, già commercialmente estinto in molte aree. Meglio scegliere caviale “certificato” e invitare il proprio rivenditore a fare lo stesso. Per sapere quali pesci acquistare si può scaricare la guida “Sai che pesci pigliare?” su www.wwf.it/pesca.

VACANZE: Scegliere mete italiane o comunque raggiungibili in treno, invece di località esotiche e lontane, consente di evitare consistenti emissioni di CO2 e di scoprire angoli e tradizioni del nostro Paese che forse ancora non conosciamo. A questo link i consigli WWF per le “Vacanze natura” invernali o le Fattorie del Panda: www.wwf.it/vacanze .

REGALI: Andarli a comprare in bici o con i mezzi, portandoci dietro un congruo numero di sporte riutilizzabili, è un ottimo modo per risparmiarsi il traffico dello shopping natalizio (contribuendo allo stesso tempo a ridurlo), evitando l’utilizzo di buste di plastica. Assolutamentevietato regalare animali esotici come iguane, serpenti o tartarughe o prodotti derivati, per esempio oggetti in avorio, corallo, pelli di coccodrillo: rischiamo di fare un “regalo” solo ai commercianti del mercato illegale. Moderazione anche con i gioielli in oro, argento o materiali preziosi, la cui produzione comporta ingenti quantità di energia oltre che scarti e rifiuti spesso altamente inquinanti. Se poi si scelgonoapparecchi come televisori, computer o stereo, è importante preferire quelli che possono essere spenti completamente, invece di rimanere in standby, e che comunque abbiano standard elevati di efficienza energetica, come suggerito dal sito http://www.eurotopten.it/ a cura del WWF. E’ comunque buona norma scegliere regali sostenibili come un bel cesto di prodotti biologici, del commercio equo e solidale o comunque certificati, che garantiscano il più basso impatto ambientale e sociale possibile.

Se in aggiunta si vogliono sostenere i progetti di conservazione del WWF, si può adottare una specie a rischio (www.wwf.it/adozioni) o regalare l’iscrizione all’Associazione (www.wwf.it/iscrizioni); acquistare online nei negozi di abbigliamento, libri, prodotti di bellezza, musica, elettronica che aderiscono all’iniziativa “Una buona causa” (www.wwf.it/cliccaiuta) donando all’Associazione una parte di ogni acquisto effettuato; oppure scegliere i prodotti delle aziende che sostengono il WWF, come i casalinghi Guzzini in plastica riciclata derivata dagli scarti della stessa azienda, la biancheria per la casa della linea Naturae di Gabel, interamente realizzata in fibre naturali, la linea cartotecnica diFranco Panini Scuola, i prodotti di cosmesi “I Provenzali”, 100% vegetali, biodegradabili e non testatati su animali, i gioielli Dodo o i giochiODS per piccoli esploratori, tra cui la tenda igloo, i walkie talkie, il kit per il birdwatching o la macchina fotografica.

Per le AZIENDE ci sono invece i biglietti di auguri WWF digitali, quelli in carta certificata con i disegni di Fulco Pratesi, portachiavi a forma di animali in legno FSC, la tazza mug artigianale con il panda, i cioccolatini “ciocco panda” e poi le agende e i notebook in carta e materiali riciclati, perfetti come strenna natalizia da inviare a clienti, dipendenti e partner. Tutte le info su www.wwf.it/nataleaziende

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende