Home » Comunicati Stampa »Eventi » Design sostenibile, dalle parole ai fatti, ma come?:

Design sostenibile, dalle parole ai fatti, ma come?

dicembre 10, 2009 Comunicati Stampa, Eventi

Logo Design SostenibileDesign sostenibile, due parole che si sentono e si leggono sempre più spesso sulle riviste specializzate, nei congressi e nelle fiere, persino sui media con largo pubblico. Ma cosa significano, e soprattutto come “fare” design sostenibile e per chi?

Facendo una semplice ricerca, si scopre che “design sostenibile” implica almeno tre concetti, attigui ma distinti:  compatibilità ambientale dei materiali e dei processi di produzione; utilizzo di materiale riciclato e riciclabile; basso impatto ambientale degli utilizzi previsti, per esempio bassi consumi energetici.

Il “grado zero” della sostenibilità è, per aziende e pubblico, la terza, che punta sui bassi consumi di esercizio, tanto che  è la definizione standard in settori come gli elettrodomestici bianchi e bruni e le automobili.

Oggi però si tende, anche sulla base di un trend più generale negli studi e nelle pratiche della progettazione e produzione industriale, a guardare al ciclo di vita di un prodotto, a cui sono più adatte le prime due definizioni.

Come si vede, la questione è complessa, anche per le sue ripercussioni sulla preparazione dei giovani designer. Diverse filosofie vengono infatti propugnate dalle istituzioni educative che si dedicano, nel pubblico e nel privato, alla formazione delle professionalità della progettazione, del design e della moda. Aldilà dei contenuti degli insegnamenti, anche l’approccio al cosiddetto syllabus, ossia la struttura dell’offerta formativa, è vario. Alcuni  istituiscono corsi specializzati o addirittura master; altri inseriscono materie legate alla sostenibilità (per esempio la conoscenza dei materiali riciclabili e del ciclo dei rifiuti) in ogni corso; altri inseriscono la sostenibilità come driver di ogni materia, come metodo, come si fece negli anni ’80 con il “design-to-cost”.

Vi è poi, parlando di “design sostenibile”, l’annosa questione di quanto “mercato” esso abbia, ossia quanto la definizione di “sostenibile” (qualunque accezione si voglia dare al termine) sia visto come motivante all’acquisto in modo privilegiato rispetto ad altri “driver” del comportamento del consumatore. Di solito si afferma che un consumatore è “sensibile” alla sostenibilità se è disponibile ad acquistare un prodotto anche se consta di più rispetto ad un prodotto non sostenibile. Da questo punto di vista, tutte le ricerche sembrano delineare un “paradiso della sostenibilità” già qui tra noi. Ma la realtà è diversa.

Eurobarometer, che misura periodicamente le opinioni dei cittadini europei sui temi più variegati, segnala che la percentuale di cittadini UE che afferma di avere di recente comprato un prodotto sostenibile (non specificato) è solo del 17 per cento. Uno scettico potrebbe poi far notare che se qualcuno riesce a ricordarsi di avere comprato “un” prodotto di un certo tipo, evidentemente non ne compra in continuazione… Come se ne esce ? Come si traduce l’interesse e l’indubbia creatività e ingegno profusi dai designer in successo  industriale, di mercato, l’unico che può dare un ritorno economico a chi fa della progettazione il proprio mestiere della vita ?

Un’occasione di chiarezza e “praticità”

La convinzione che conoscere e capire è la premessa necessaria per agire ha portato all’organizzazione di “Design Sostenibile Milano”, una conferenza più area espositiva concepita e realizzata da Updating per conto del Forum della NetEconomy (Camera di Commercio e Provincia di Milano). L’agenda affronta tutti i temi che abbiamo delineato finora e altri ancora, mettendo a confronto i designer e le loro esperienze con gli esperti di materiali e cicli di progettazione e produzione, i rappresentanti del mondo della formazione professionale appartenenti alla varie scuole, gli specialisti del comportamento e della psicologia del consumatore.  Un approccio nuovo che gli organizzatori sperano contribuisca a portare il dibattito, e soprattutto la pratica, del design sostenibile verso soluzioni operative e sostenibili anche sul mercato.

Design Sostenibile Milano (www.designsostenibilemilano.com), si svolgerà in Milano a Palazzo Turati (Via Meravigli 9/b) il giorno 18 dicembre 2009 a partire alle ore 9.30 per l’intera giornata. L’agenda dell’evento  è consultabile sul sito dell’evento, dove sono anche visibili i profili dei relatori e, in progress, gli oggetti presentati nell’area espositiva, arte integrante dell’evento. Sul sito è possibile anche registrarsi per la partecipazione, che è assolutamente gratuita.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende