Home » Comunicati Stampa »Progetti » Distretto friulano della sedia: prima filiera italiana certificata FSC e PEFC:

Distretto friulano della sedia: prima filiera italiana certificata FSC e PEFC

maggio 29, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

E’ in Friuli Venezia Giulia il primo esempio di “Green District”, quale contenitore territoriale: raccoglie le realtà del Distretto della Sedia sensibili alla salvaguardia dell’ambiente e propone progetti legati al mondo della green economy. La formula di certificazione aggregata coordinata dall’Italian Chair District era già stata menzionata nella relazione Symbola come esempio a livello nazionale di best practices perché oltre ad essere la prima filiera italiana certificata FSC e PEFC a livello distrettuale è anche una delle poche in ambito europeo. Da poche settimane l’ICD ha gestito e condotto a conclusione ulteriori due cicli di certificazione (Il 4° ciclo FSC e il 2° ciclo PEFC), portando ad un totale di 89 le aziende certificate.

Oggi quindi la filiera certificata FSC, con l’attestato appena guadagnato da 10 nuove aziende, conta 55 imprese; altre 5 si sono aggiunte invece alla filiera certificata PEFC, per un totale di 24 aziende. Da quest’anno, inoltre, la certificazione multisito ISO 9001 si è evoluta a certificato di gruppo e ha confermato alla filiera 10 aziende della subfornitura. Complessivamente le 3 filiere certificate contano un fatturato aggregato di filiera pari a 170 milioni di euro (+2,2% rispetto al 2012), e i dipendenti occupati a livello aggregato sono quasi 1.100, 8 unità in più rispetto al 2012. Segnali positivi che testimoniano l’importanza dei percorsi d’innovazione portate avanti dalle aziende del Distretto.

L’attenzione del cliente, soprattutto internazionale, nei confronti della qualità certificata è sempre più alta: ottenere quindi il certificato di gruppo rafforza il valore e l’immagine delle aziende dell’ICD. Realtà che fino a non molto tempo fa erano concorrenti, ma che oggi stanno dimostrando concretamente che è possibile fare sinergia sui progetti, per affrontare i competitors e conquistare nuovi mercati sempre più orientati verso l’economia ecologica e lo sviluppo sostenibile.

“Per l’Italian Chair District – spiega il direttore Carlo Piemonteuna filiera certificata così ampia rappresenta un valore aggiunto indiscutibile per soddisfare le esigenze di mercati sempre più attenti all’ambiente, soprattutto quelli del nord Europa che esigono che il legno utilizzato sia proveniente da foreste gestite in maniera responsabile ed abbia una storia e una tracciabilità. E’ senza dubbio un importante segnale di crescita dell’intero territorio”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende