Home » Comunicati Stampa »Eventi »Progetti » Donnedamare: alla BIT premiate le imprenditrici degli stabilimenti balneari:

Donnedamare: alla BIT premiate le imprenditrici degli stabilimenti balneari

febbraio 15, 2016 Comunicati Stampa, Eventi, Progetti

In occasione della Borsa Internazionale del Turismo di Milano Legambiente ha assegnato gli Oscar dell’Ecoturismo 2016 a parchi nazionali,  regionali, aree marine protette e a strutture ricettive affiliate all’etichetta Legambiente Turismo.

Una menzione particolare è stata attribuita anche all’Associazione Culturale Donnedamare, associazione che, si legge nel comunicato di Legambiente, “ha caratterizzato la rete di stabilimenti balneari sensibili e che ha realizzato con Cesab e Legambiente un manifesto per coinvolgere quelle strutture in percorsi di tutela dell’ecosistema costiero e di buone pratiche ecologiche”.

Il premio è stato assegnato durante la tavola rotonda sui nuovi turismi ambientali nello stand della Regione Marche. Presenti, oltre al responsabile nazionale Turismo dell’Associazione Angelo Gentili, anche il direttore generale turismo del Mibact Francesco Palumbo, il presidente di Vivilitalia Sebastiano Venneri, il dirigente servizio attività produttive Regione Marche Raimondo Orsetti, il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, il presidente di Legambiente Marche Francesca Pulcini Stefano Landi dell’Università Luiss Guido Carli di Roma. L’evento è stato coordinato da Marco Fratoddi, direttore de La nuova ecologia.

A ritirare il premio per Donnedamare c’erano Laura Castello, vice-presidente di Donnedamare,  Patrizia Lerda e Patrizia De Filippo, balneari liguri da anni attive contro l’errata applicazione della direttiva “Bolkenstein” al settore balneare. Premiati anche il Bagno Arizona di Fabrizio Maggiorelli e il Bagno Aretusa di Sabrina Romani.

“Ricevere l’Oscar dell’ecoturismo da parte di Legambiente alla BIT di Milano – afferma Bettina Bolla presidente dell’Associazione Donnedamare – ha un doppio valore e significato. Non solo siamo riuscite a portare alla BIT, offrendo loro una vetrina internazionale, gli stabilimenti balneari che, aderendo al progetto, hanno scelto di raccontare il loro impegno nei confronti dell’ambiente, ma abbiamo al contempo dimostrato che le imprese balneari italiane amano l’ambiente, lo tutelano, sono presidi del territorio e, raccontandolo, lo valorizzano”. “Il progetto per stabilimenti balneari ecosostenibili è di ampio respiro e di portata nazionale – commenta la presidente – infatti hanno aderito alla fase iniziale che consisteva in una sottoscrizione spontanea del Manifesto, molti stabilimenti balneari su tutto il territorio italiano”.

Sono stati scelti comitati di promozione su tutta la penisola: Balneari Toscana (Toscana), Rete impresa Marine del Parco di Viareggio (Toscana), Eco spiagge Rimini, Balneari di Camerota (Campania), Associazione Spiagge Armesi (Liguria), A.C.O. Associazioni Concessionari Ormeggi Liguria, Balneari di Gaeta (Lazio).

In occasione della Fiera Balnearia, dal 28 febbraio al 2 marzo a Marina di Carrara, prenderà poi ufficialmente il via la seconda parte del progetto, realizzato in collaborazione con il Cesab (Centro di ricerche in biotecnologie), l’ Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma, con la Facoltà  di Bioetica, la Cattedra Unesco e Legambiente. Partecipando alla seconda fase, l’azienda garantisce l’impegno a rispettare i requisiti base di sostenibilità ambientale, espressi nel manifesto attraverso le tematiche e a iniziare un cammino di ricerca mirato al miglioramento del proprio rapporto con l’ambiente. Tutto ciò darà diritto al rilascio di un logo di adesione al percorso di sostenibilità ambientale che attesta la partecipazione volontaria alla ricerca.

Un progetto che tiene in considerazione che il 2016, secondo le previsioni, sarà l’anno boom per i nuovi turismi amici dell’ambiente, che il 79% dei viaggiatori considera oggi importanti gli accorgimenti eco-friendly quando sceglie una struttura ricettiva, che tra questi il 61% dei turisti è straniero (soprattutto tedeschi) e il 39% italiano e che ha dimostrato e dimostrerà  che il turismo balneare, quello a conduzione familiare, attuando spesso in modo inconsapevole buone pratiche ambientali ha saputo nella maggior parte dei casi, coniugare la tutela dell’ambiente con la corretta fruizione turistica.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende