Home » Comunicati Stampa »Eventi »Progetti » Donnedamare: alla BIT premiate le imprenditrici degli stabilimenti balneari:

Donnedamare: alla BIT premiate le imprenditrici degli stabilimenti balneari

febbraio 15, 2016 Comunicati Stampa, Eventi, Progetti

In occasione della Borsa Internazionale del Turismo di Milano Legambiente ha assegnato gli Oscar dell’Ecoturismo 2016 a parchi nazionali,  regionali, aree marine protette e a strutture ricettive affiliate all’etichetta Legambiente Turismo.

Una menzione particolare è stata attribuita anche all’Associazione Culturale Donnedamare, associazione che, si legge nel comunicato di Legambiente, “ha caratterizzato la rete di stabilimenti balneari sensibili e che ha realizzato con Cesab e Legambiente un manifesto per coinvolgere quelle strutture in percorsi di tutela dell’ecosistema costiero e di buone pratiche ecologiche”.

Il premio è stato assegnato durante la tavola rotonda sui nuovi turismi ambientali nello stand della Regione Marche. Presenti, oltre al responsabile nazionale Turismo dell’Associazione Angelo Gentili, anche il direttore generale turismo del Mibact Francesco Palumbo, il presidente di Vivilitalia Sebastiano Venneri, il dirigente servizio attività produttive Regione Marche Raimondo Orsetti, il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, il presidente di Legambiente Marche Francesca Pulcini Stefano Landi dell’Università Luiss Guido Carli di Roma. L’evento è stato coordinato da Marco Fratoddi, direttore de La nuova ecologia.

A ritirare il premio per Donnedamare c’erano Laura Castello, vice-presidente di Donnedamare,  Patrizia Lerda e Patrizia De Filippo, balneari liguri da anni attive contro l’errata applicazione della direttiva “Bolkenstein” al settore balneare. Premiati anche il Bagno Arizona di Fabrizio Maggiorelli e il Bagno Aretusa di Sabrina Romani.

“Ricevere l’Oscar dell’ecoturismo da parte di Legambiente alla BIT di Milano – afferma Bettina Bolla presidente dell’Associazione Donnedamare – ha un doppio valore e significato. Non solo siamo riuscite a portare alla BIT, offrendo loro una vetrina internazionale, gli stabilimenti balneari che, aderendo al progetto, hanno scelto di raccontare il loro impegno nei confronti dell’ambiente, ma abbiamo al contempo dimostrato che le imprese balneari italiane amano l’ambiente, lo tutelano, sono presidi del territorio e, raccontandolo, lo valorizzano”. “Il progetto per stabilimenti balneari ecosostenibili è di ampio respiro e di portata nazionale – commenta la presidente – infatti hanno aderito alla fase iniziale che consisteva in una sottoscrizione spontanea del Manifesto, molti stabilimenti balneari su tutto il territorio italiano”.

Sono stati scelti comitati di promozione su tutta la penisola: Balneari Toscana (Toscana), Rete impresa Marine del Parco di Viareggio (Toscana), Eco spiagge Rimini, Balneari di Camerota (Campania), Associazione Spiagge Armesi (Liguria), A.C.O. Associazioni Concessionari Ormeggi Liguria, Balneari di Gaeta (Lazio).

In occasione della Fiera Balnearia, dal 28 febbraio al 2 marzo a Marina di Carrara, prenderà poi ufficialmente il via la seconda parte del progetto, realizzato in collaborazione con il Cesab (Centro di ricerche in biotecnologie), l’ Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma, con la Facoltà  di Bioetica, la Cattedra Unesco e Legambiente. Partecipando alla seconda fase, l’azienda garantisce l’impegno a rispettare i requisiti base di sostenibilità ambientale, espressi nel manifesto attraverso le tematiche e a iniziare un cammino di ricerca mirato al miglioramento del proprio rapporto con l’ambiente. Tutto ciò darà diritto al rilascio di un logo di adesione al percorso di sostenibilità ambientale che attesta la partecipazione volontaria alla ricerca.

Un progetto che tiene in considerazione che il 2016, secondo le previsioni, sarà l’anno boom per i nuovi turismi amici dell’ambiente, che il 79% dei viaggiatori considera oggi importanti gli accorgimenti eco-friendly quando sceglie una struttura ricettiva, che tra questi il 61% dei turisti è straniero (soprattutto tedeschi) e il 39% italiano e che ha dimostrato e dimostrerà  che il turismo balneare, quello a conduzione familiare, attuando spesso in modo inconsapevole buone pratiche ambientali ha saputo nella maggior parte dei casi, coniugare la tutela dell’ambiente con la corretta fruizione turistica.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende