Home » Comunicati Stampa »Progetti » E-Waste Lab, il progetto per il riciclo dei RAEE di ReMedia e Politecnico di Milano:

E-Waste Lab, il progetto per il riciclo dei RAEE di ReMedia e Politecnico di Milano

giugno 11, 2012 Comunicati Stampa, Progetti

ReMedia – fra i principali Sistemi Collettivi italiani no-profit per la gestione eco-sostenibile dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), pile e accumulatori esausti e impianti fotovoltaici – e il Politecnico di Milano hanno presentato venerdì scorso, nell’ambito del  convegno annuale del Consorzio, Hi Tech & Ambiente, i primi risultati di E-Waste Lab, un progetto nato per lo sviluppo dell’industria del riciclo verso la valorizzazione di materie prime, come terre rare e metalli nobili, componenti essenziali dei moderni beni industriali ma il cui approvvigionamento sta diventando sempre più critico.

Innovazione Green per un’Italia che sa vincere. Dalle parole ai fatti con E-Waste Lab” ha chiamato al confronto personaggi chiave nello scenario nazionale e internazionale, mondo delle aziende e della ricerca che hanno animato il dibattito.

In una situazione di stagnazione economica come quella che stiamo vivendo è più che mai fondamentale che realtà importanti investano nella ricerca per generare nuove opportunità e sostenere, quindi, la crescita. Il settore del riciclo dei rifiuti tecnologici rappresenta una risorsa da coltivare, visto l’aumento della domanda di metalli preziosi e terre rare a cui l’Europa dovrà far fronte”, afferma Walter Rebosio, Presidente di ReMedia.

“E-waste Lab affronta un tema, la progettazione di soluzioni tecnologiche e gestionali per il recupero di materie prime strategiche, che è pienamente coerente con la missione del nostro Ateneo. Da un lato, infatti, le innovazioni che verranno generate sono importanti sia dal punto di vista sociale sia ambientale. Attraverso di esse, quindi, il Politecnico contribuisce, con la propria ricerca, a migliorare la qualità e la sostenibilità della vita del Pianeta. Dall’altro lato, rappresentano occasioni per lo sviluppo di un rapporto strategico con il sistema delle imprese operanti nel nostro Paese e potranno sviluppare crescita economica e occupazione, obiettivi particolarmente importanti nel contesto in cui ci troviamo ad operare”, aggiunge Giovanni Azzone, Rettore del Politecnico di Milano.

L’accessibilità alle risorse e in particolare a metalli preziosi e terre rare rappresenta un tema nodale per l’Europa e per l’Italia ed è sempre più attuale a causa delle problematiche di approvvigionamento. I numeri sono esplicativi: oggi la produzione globale di terre rare è di circa 133.600 t/anno e la domanda globale potrebbe raggiungere 210.000 t/anno entro il 2015. Anche sul fronte metalli preziosi si assiste a una crescita: nel 2011 la domanda globale di oro è aumentata del 6% – salendo a 4.067,1 tonnellate – per un valore stimato di 205,5 miliardi di dollari, mentre quella di argento ha superato tutti i metalli preziosi in termini di aumenti di prezzi medi annui.

Il laboratorio E-Waste Lab – che vede tra i suoi partner anche Regione Lombardia, Amsa, Stena e Assolombarda – è una risposta concreta a una sfida importante in un settore, quello del riciclo, che può essere di sostegno alla crescita economica.

Scopo del laboratorio, che si è concentrato sul recupero e riciclo di terre rare e metalli preziosi dai RAEE, è quello di orientare gli investimenti dei soggetti della filiera verso obiettivi di efficacia e di integrazione. Dalle analisi e valutazioni svolte in questa prima fase del progetto, i RAEE risultano essere, infatti, i rifiuti di riferimento per il recupero di questi materiali.

ReMedia crede fortemente in questa iniziativa che mette in risalto il potenziale valore del mercato dei RAEE”, spiega Danilo Bonato, Direttore Generale di ReMedia. “Se prendiamo ad esempio cellulari e pc, pari 2,3 milioni di pezzi raccolti in Italia nel 2011, ci accorgiamo che con le tecnologie esistenti il tasso di recupero dei materiali si attesta al 30%. E’ quindi importante investire sul potenziamento tecnologico per arrivare a un recupero molto più consistente, posto che ciò avvenga nella massima tutela ambientale.”

Un cellulare, infatti, contiene 250 mg di argento, 24 mg di oro, 9 mg di palladio, 9 g di rame. La batteria a ioni di litio racchiude circa 3.5 g cobalto, 1.0 g terre rare (Nd, Eu, Ce e Tb). Se si potenziassero le tecnologie arrivando ad un tasso di recupero pari a 100% e si considerasse il rifiuto generabile pari al 60% del venduto, si potrebbe raggiungere un valore pari a 117 milioni di euro. Se si recuperassero tutti i cellulari venduti in un anno, pari 35 milioni di pezzi, il valore economico salirebbe a 195 milioni di euro.

“Stena è particolarmente fiera di collaborare a questo progetto con il Politecnico di Milano e le altre prestigiose istituzioni – dichiara  Alexandre Comino, Worldwide Market & Business Development Director WEEE di Stena Technoworld AB – Siamo grati a ReMedia di averci coinvolto in quanto l’incontro tra la ricerca e la realtà industriale interessata alle nuove e rare materie prime è per noi una grande opportunità di guidare il nostro sviluppo nella giusta direzione.”

Anche “Regione Lombardia – spiega Daniele Belotti, Assessore regionale al Territorio e Urbanistica - che, con i suoi 50 milioni di kg vanta il primato in Italia in termini di raccolta di RAEE, crede fermamente nell’importanza del loro recupero e non soltanto per ragioni economiche, ma anche e soprattutto per questioni legate alla tutela della salute e dell’ambiente. Questi prodotti contengono, infatti, elementi tossici e persistenti e dati i loro ritmi di sostituzione è fondamentale porsi anche il problema dell’impatto ambientale e sanitario legato al loro smaltimento. Per questo apprezziamo e supportiamo ogni tipo di iniziativa che sia volta al risparmio di materie prime e al recupero di rifiuti e cerchiamo di fare la nostra parte investendo nell’informazione al cittadino, affinché si diffonda la consapevolezza di quanto sia essenziale che questi materiali vengano smaltiti correttamente.”

“Le imprese hanno percepito che l’innovazione green è un tema strategico – dichiara Vittorio Biondi, Direttore Settore territorio, ambiente ed energia di Assolombarda -  e lo dimostrano le oltre 250 aziende che hanno aderito al nostro osservatorio Green Economy Network nel suo primo anno di vita. Assolombarda supporta E-waste Lab con l’intento di diffondere i risultati del progetto attraverso tutti i comparti industriali  dell’associazione, incoraggiando così lo sviluppo di nuove tecnologie e promuovendo la conoscenza di un nuovo approvvigionamento alle materie prime”

“Nel corso del 2011 Amsa ha raccolto e avviato a recupero nel Comune di Milano oltre 1.000 tonnellate di RAEE – conclude Sonia Cantoni, Presidente di Amsa – questa tipologia di rifiuti rappresenta una vera e propria miniera di sostanze preziose (alcune anche rare) e di materiali riciclabili. Amsa è molto convinta della necessità di informare e sensibilizzare i cittadini su quanto sia importante differenziare correttamente i rifiuti “tecnologici”, un impegno conveniente sia dal punto di vista ambientale che da quello economico”

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende